Comunicato stampa

Intollerabile ricatto dell’UE – Il Consiglio federale deve adottare delle misure rigorose

La Commissione UE non ha apparentemente intenzione di prolungare l’equivalenza borsistica. Essa aumenta la pressione sulla Svizzera per forzarla ad accettare l’accordo-quadro istituzionale. Questi tentativi di ricatto sono intollerabili agli occhi dell’UDC, ce chiede al Consiglio federale di adottare finalmente delle misure rigorose.

La Commissione UE mostra finalmente il suo vero volto. Se non ha deciso oggi di riconoscere definitivamente l’equivalenza della regolamentazione borsistica della Svizzera rispetto a quella dell’UE, è allo scopo di aumentare la pressione sulla Svizzera affinché il Consiglio federale approvi l’accordo-quadro con l’UE. L’UDC condanna severamente questo vergognoso ricatto e questa procedura imperialista dell’UE. Non si agisce in questo modo con degli Stati sovrani.

NO all’accordo-quadro – contro-strategie – nessun versamento al fondo di coesione dell’UE
Il comportamento dell’UE dimostra al di là di ogni dubbio che l’atteggiamento di sottomissione del Consiglio federale non ha gli effetti sperati. L’UDC invita perciò il governo ad adottare delle misure chiare e rigorose. L’accordo-quadro istituzionale deve essere rifiutato, tanto più che il problema di fondo di questo trattato, ossia la ripresa automatica del diritto UE e il riconoscimento di giudici stranieri, non è stato risolto. In seguito, il Consiglio federale deve preparare l’applicazione del cosiddetto “piano B”, quindi la contro-strategia elaborata dal Dipartimento delle finanze del consigliere federale Ueli Maurer – a meno che l’UE modifichi la sua posizione e prolunghi lo stesso, nel corso dei prossimi giorni, l’equivalenza borsistica accordata alla Svizzera. Occorre inoltre che il Consiglio federale elabori delle contro-strategie anche in altri settori, al fine di rendere inefficaci i tentativi di ricatto dell’UE. Infine, è evidente che la Svizzera deve rinunciare al versamento di oltre un miliardo di franchi al fondo di coesione dell’UE.

Altro su questo tema
Comunicato stampa
Condividi articolo
03.07.2019
Il Consiglio federale ha presentato oggi (03.07.2019) le sue proposte per la riforma dell’AVS. L’UDC accoglie favorevolmente... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
02.07.2019
Il progetto di modernizzazione della previdenza professionale (LPP) presentato oggi dai sindacati e dall’Unione padronale è inaccettabile... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
01.07.2019
Secondo una comunicazione del SECO, il saldo migratorio con l’entrata in Svizzera di 31'200 cittadini UE/AELS durante... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Media

Più pluralità, meno Stato.

Noi siamo la patria

Autonomi e sicuri di sè.

Sanità

La qualità grazie alla concorrenza.

Agricoltura

Per una produzione indigena.

L’essere umano, la famiglia, la comunità

Responsabilità individuale invece di massa sotto tutela.

Libertà e sicurezza

Difendere la libertà minacciata.

Ambiente

Un ambiente dove sia bello vivere oggi e domani.

Economia e prosperità

Più libertà economica e meno burocrazia.

Esercito

La sicurezza della popolazione.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel. 031 300 58 58 – Fax 031 300 58 59 – E-Mail: info@svp.ch – PC: 30-8828-5

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo