Comunicato stampa
Conferenza stampa del 22. Novembre 2021

La Consigliera federale Sommaruga deve assicurare l’approvvigionamento energetico – altrimenti le va revocato il dossier

L’UDC ha presentato il suo documento di posizione “Per un approvvigionamento energetico sicuro, ecologico e conveniente” a Berna. Il tema ha la massima priorità: per evitare crisi energetiche incombenti con gravi lacune nella fornitura di corrente elettrica, la Svizzera è chiamata a produrre più elettricità. Allo stesso tempo, l’energia idroelettrica e nucleare devono rimanere i pilastri affidabili dell’approvvigionamento elettrico della Svizzera. Il presidente dell’UDC Marco Chiesa chiede alla Consigliera federale Simonetta Sommaruga di ammettere il fallimento della strategia energetica e di assicurare l’approvvigionamento elettrico. Se non prende un impegno vincolante in questo senso, il dossier le va revocato.

La situazione è drammatica: la Svizzera rischia di rimanere senza elettricità – con conseguenze immense per la popolazione e l’economia. “La fallimentare Strategia energetica 2050, che prevede il ritiro della Svizzera dall’energia nucleare, ne è responsabile”, ha sottolineato il presidente dell’UDC Marco Chiesa in occasione della presentazione del documento di posizione “Per un approvvigionamento energetico sicuro, ecologico e conveniente”. La politica energetica della Consigliera federale responsabile, Simonetta Sommaruga (PS), è una “politica dei fornelli d’emergenza” che mette in serio pericolo la piazza economica svizzera e la prosperità di oltre 8 milioni di abitanti. Chiesa invita Sommaruga a smettere di negare irresponsabilmente i fatti e a riconoscere che:

  • la strategia energetica è fallita;
  • assicurare l’approvvigionamento di elettricità (in estate e in inverno) ha la massima priorità;
  • non è possibile ridurre ulteriormente le emissioni di CO2 senza un approvvigionamento elettrico sufficiente;
  • almeno 40 TWh aggiuntivi di elettricità devono essere prodotti entro il 2050 (a causa dell’elettrificazione, dell’immigrazione e della chiusura delle centrali nucleari esistenti);
  • la popolazione non dev’essere gravata da nuove tasse.

“Se la signora Sommaruga si rifiuta di riconoscere la realtà dei fatti, il dossier le va revocato”, ha detto Chiesa.

Garantire un approvvigionamento sicuro con l’energia nucleare rispettosa del clima

Per garantire in futuro un approvvigionamento energetico sicuro, rispettoso del clima e a buon mercato, è necessario un cambio di rotta nella strategia energetica. L’UDC esige quindi che:

  • L’obiettivo principale della politica energetica svizzera sia quello di garantire un approvvigionamento energetico sicuro.
  • Il focus sia posto sulla produzione di elettricità esente da CO2.
  • L’energia idroelettrica e nucleare rimangano i pilastri nell’approvvigionamento elettrico della Svizzera, perché nessun’altra fonte è nemmeno lontanamente competitiva in termini di capacità, costi e sicurezza dell’approvvigionamento.
  • Sia prolungata la durata di vita delle centrali nucleari esistenti, rispettose del clima. Inoltre, devono essere costruite nuove centrali nucleari di ultima generazione.
  • La produzione di energia idroelettrica sia ampliata.
  • al fine garantire la sicurezza dell’approvvigionamento, sia creata un’ampia riserva di stoccaggio energetico (anche per il gas e l’idrogeno).
  • La base giuridica sia adattata in modo tale che i progetti di costruzione e concessione nel campo delle energie rinnovabili (energia eolica, impianti di biogas, energia idroelettrica) possano essere realizzati più facilmente e non più silurati così facilmente.
  • Le fonti di energia alternative si affermino sul mercato. Le singole tipologie di produzione non devono essere favorite.
  • Non ci siano ulteriori prelievi, oneri o tasse che rendano la produzione di elettricità più costosa, perché sono i contribuenti, soprattutto le piccole e medie imprese e le PMI, a pagare il conto.

Prendere in considerazione il fattore immigrazione

“La strategia energetica è un volo alla cieca con conseguenze catastrofiche, anche in termini di costi”, sottolinea il consigliere nazionale Christian Imark. L’autoinflitta emergenza è esacerbata dalla politica kamikaze degli stati vicini dell’UE. La Svizzera non può semplicemente fare affidamento sull’energia importata, dato che la Germania eliminerà l’energia nucleare l’anno prossimo e la Francia sta riducendo significativamente la sua quota di energia nucleare. Bruxelles ha infatti già chiarito che le esportazioni saranno massicciamente limitate in vista delle prevedibili carenze – UE first. Inoltre, Imark chiede che il fattore immigrazione sia preso in considerazione nella politica energetica e ambientale. Perché: “L’impressionante riduzione dei gas serra ottenuta dagli svizzeri viene annullata dall’immigrazione di massa, soprattutto proveniente dall’UE. »

I rosso-verdi danneggiano il clima

“La sinistra e i Verdi stanno irresponsabilmente trasformando la società senza assicurare l’approvvigionamento”, critica il consigliere nazionale Mike Egger. Per colmare la prevedibile lacuna di 40 TWh di elettricità entro il 2050, il collaudato mix energetico svizzero, con i suoi pilastri portanti di energia idroelettrica e nucleare, non dev’essere demolito. La consigliera nazionale Monika Rüegger dichiara che la sicurezza dell’approvvigionamento è ulteriormente minacciata dalle battaglie del fronte rosso-verde come quella per i ghiacciai e le iniziative sulla biodiversità. Inoltre, l’Iniziativa per il paesaggio impedisce l’espansione dell’energia idroelettrica. “La politica climatica dei rosso-verdi è un cane che si morde la coda”, riassume il consigliere nazionale Pierre-André Page. Queste contraddizioni evidenti vanno a scapito del clima e di un approvvigionamento energetico sicuro, secondo Page.

L’UDC esige quindi senza mezzi termini che i pericolosi esperimenti ideologici cessino immediatamente e che la politica energetica svizzera si ponga nuovamente su basi ragionevoli. Tutti gli altri aspetti devono essere subordinati all’obiettivo della sicurezza dell’approvvigionamento.

documento di posizione FR

Condividi articolo
Temi
Altro su questo tema
Conferenza stampa
Condividi articolo
22.11.2021
L'UDC ha presentato il suo documento di posizione "Per un approvvigionamento energetico sicuro, ecologico e conveniente" a... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
13.06.2021
L’UDC si rallegra del fatto che gli elettori hanno rifiutato la politica ideologica della sinistra rappresentata dalla... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Economia e prosperità

Più libertà economica e meno burocrazia.

Noi siamo la patria

Autonomi e sicuri di sè.

Esercito

La sicurezza della popolazione.

Libertà e sicurezza

Difendere la libertà minacciata.

Formazione

Fermare le riforme pretenziose e irrealistiche – tornare a una formazione orientata sulla pratica.

Finanze, imposte e tasse

Più per il ceto medio, meno per lo Stato.

Sostenere la proprietà – rafforzare la libertà

NO alle espropriazioni, SÌ alla protezione della sfera privata.

L’essere umano, la famiglia, la comunità

Responsabilità individuale invece di massa sotto tutela.

Agricoltura

Per una produzione indigena.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel.031 300 58 58 – Fax031 300 58 59 – E-Mail:info@svp.ch – PC:30-8828-5

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo