Comunicato stampa

La direzione del partito si oppone all’iniziativa “Per l’abbandono dal nucleare”

Gli organi del partito UDC Svizzera si sono riuniti a Balsthal (SO). Dopo aver incontrato il "Passwang-Club" e gli imprenditori locali, la direzione del partito ha discusso il tema dell’immigrazione di massa e della sua conseguenza, le naturalizzazioni di massa. Questi due sviluppi devono essere assolutamente frenati. Il comitato del partito ha poi adottato, all’indirizzo dell’assemblea dei delegati svoltasi all’indomani, le raccomandazioni di voto concernenti i temi delle prossime votazioni federali. All’unanimità, il comitato ha chiesto il rigetto dell’iniziativa per l’abbandono del nucleare lanciata dal Partito dei Verdi. Per contro, ha dato il suo sostegno unanime alla 3a riforma dell’imposizione delle imprese, che sarà sottoposta al sovrano in febbraio del 2017. Il principale obiettivo di questo progetto è quello di garantire le entrate fiscali e l’impiego in Svizzera.

La direzione del partito ha discusso dell’inquietante evoluzione delle naturalizzazioni di massa in Svizzera. 42’699 stranieri sono stati naturalizzati nel 2015, ossia il 24% in più dell’anno precedente. Fino alla fine degli anni novanta, si contavano in media circa 6’000 naturalizzazioni l’anno. Ma negli ultimi 10 anni, più di 400’000 straniere e stranieri hanno ricevuto il passaporto svizzero. Non bisogna dimenticare che la quota di stranieri residenti in Svizzera supera oggi il 25% (2’079’497). Stiamo marciando a grandi passi verso una popolazione composta da un terzo di stranieri e due terzi di Svizzeri, come è il caso ormai già da tempo nei cantoni di Ginevra, Basilea-Città e Vaud. La sinistra politica incoraggia fortemente le naturalizzazioni e cerca di ottenere, tramite iniziative popolari, il diritto di voto per gli stranieri a livello locale. Questi partiti svendono l’accoglienza nel nostro paese al solo scopo di crearsi un nuovo elettorato. Se non fermiamo questo andamento, i costi sociali esploderanno; l’identità nazionale si sgretolerà; la coabitazione religiosa e culturale sarà vieppiù compromessa e il livello dell’istruzione pubblica si abbasserà ulteriormente. Ma non è tutto: questa evoluzione minaccia anche l’istituzione unica al mondo della democrazia diretta, come pure i concetti essenziali della responsabilità individuale e del federalismo.

Il comitato del partito ha raccomandato all’unanimità ai delegati di respingere l’iniziativa per l’abbandono del nucleare. La domanda posta alle cittadine e ai cittadini è molto semplice: volete chiudere in modo precipitoso le centrali nucleari svizzere? Perché votare sì a questa iniziativa significa accettare che le centrali Beznau I e II e Mühleberg siano tolte alla rete già nel 2017. La centrale di Gösgen sarà chiusa nel 2014, quella di Leibstadt nel 2029. Risultato: caos, insicurezza, crescente dipendenza dall’estero e costi supplementari di miliardi, perché il 40% dell’elettricità prodotta in Svizzera proviene da centrali nucleari. Questo progetto ipocrita della sinistra e dei Verdi ha, quale effetto principale, che la Svizzera importerà elettricità dalle centrali atomiche francesi e dalle centrali a carbone tedesche. Non c’è quindi che una risposta da dare all’iniziativa contro il nucleare; NO.

Pure all’unanimità, il comitato ha deciso di sostenere la 3a riforma dell’imposizione delle imprese. Questo progetto è essenziale per il futuro della Svizzera. L’attuale sistema d’imposizione delle imprese in Svizzera non è più accettato dall’OSCE, per cui deve subire una riforma in profondità. In mancanza di questa, le imprese internazionali rischiano di essere tassate una seconda volta all’estero. Se delocalizzassero all’estero per sfuggire a questo rischio, la Svizzera perderebbe delle entrate fiscali andanti fino a 10 miliardi di franchi. Il comitato sostiene questa riforma proprio per salvaguardare queste entrate fiscali, come pure dei posti di lavoro.

Alla fine delle sedute, gli organi del partito hanno incontrato la popolazione locale nell’ambito della tradizionale manifestazione “L’UDC fra la gente”.

Condividi articolo
Altro su questo tema
Editoriale
Condividi articolo
12.02.2019, di Gregor Rutz
Le discussioni sulla giustificazione e l’ammontare dell’imposta mediatica non cessano da quando la revisione della legge sulla... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
11.02.2019
L'UDC si rallegra dell’accordo commerciale firmato oggi dal ministro britannico del commercio Liam Fox e il ministro... continua a leggere
Editoriale
Condividi articolo
11.02.2019, di Roger Köppel
Il Consiglio federale ha avviato le cosiddette “consultazioni” sul progetto d’accordo-quadro istituzionale UE-Svizzera. Il reale obiettivo di... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Sanità

Qualità grazie alla concorrenza.

Ambiente

Un ambiente intatto per i nostri successori.

Proprietà

Contro l’esproprio, per la protezione della sfera privata.

Politica economica

Più libertà economica, invece di burocrazia.

Politica culturale

La cultura spetta alla cultura e basta.

Religioni

Dalla parte dei nostri valori.

Sport

Fa bene al corpo e allo spirito.

Finanze, imposte e tasse

Di più al ceto medio, meno allo Stato.

Caso particolare Svizzera

Autonomi e sicuri di sè.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel. 031 300 58 58 – Fax 031 300 58 59 – E-Mail: info@svp.ch – PC: 30-8828-5

Inoltra questa pagina


Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo