Comunicato stampa

La dittatura del Consiglio federale deve finire ora. Il Governo non deve più essere in grado di poter decidere autonoma-mente in merito alle restrizioni! Per questo motivo la Con-sigliera nazionale Magdalena Martullo-Blocher presenta una mozione in tal senso alla Commissione dell’economia e dei tributi.

L’attuale legge Covid-19 conferisce al Consiglio federale poteri speciali nella lotta contro la pandemia di Covid-19. Egli può, ad esempio, ordinare misure autonomamente se l’obiettivo non può essere raggiunto in tempo attraverso la procedura legislativa ordinaria o urgente. Secondo la legge, il Governo deve “coinvolgere” i cantoni e le parti sociali nelle sue decisioni, “informare” regolarmente il parlamento e “consultare” le commissioni. Tuttavia, l’autorità decisionale spetta unicamente al Consiglio federale.

Negli ultimi mesi, il Consiglio federale ha preso decisioni economiche molto serie per combattere la pandemia di Covid-19. Tuttavia, a causa dell’urgenza di tali decisioni, il Parlamento, i Cantoni e il Popolo, per quasi un anno, non hanno potuto esercitare i loro poteri legislativi. Sebbene il Consiglio federale consulti i Cantoni, le parti sociali, le Camere federali e le commissioni (con un preavviso molto breve) e dia loro la possibilità di commentare, quanto scaturisce da queste consultazioni non viene quasi mai preso in considerazione nelle sue decisioni finali. Il collaudato processo legislativo, democratico e federalista della Svizzera è stato azzerato a causa del coronavirus e il Consiglio federale è praticamente diventato l’unico legislatore anche quando si tratta di decidere misure che hanno un impatto notevole sull’economia nazionale, come la chiusura di aziende e il divieto di operare per interi settori professionali.

Per questo motivo la consigliera nazionale Magdalena Martullo-Blocher presenterà oggi la seguente mozione, sostenuta dal Gruppo parlamentare dell’UDC, che sarà trattata nella riunione della Commissione dell’economia e dei tributi (CET) del 26 febbraio 2021.

Il seguente nuovo paragrafo 4bis deve essere aggiunto all’articolo 1 “Oggetto e principi” della legge Covid-19:

“Prima di emanare misure con un impatto economico significativo, come i divieti di lavoro o di esercizio, il Consiglio federale deve ottenere l’accordo delle commissioni parlamentari competenti”.

L’attuale dittatura del Consiglio federale è dannosa e deve quindi essere limitata. I rappresentanti del popolo, democraticamente legittimati, che siedono nelle Commissioni parlamentari devono potersi esprimere in merito a decisioni importanti come il blocco alle attività di categorie professionali o interi settori economici, senza per questo motivo incorrere in ulteriori ritardi. Poiché la composizione delle Commissioni parlamentari è modellata sulla base delle rispettive Camere del Parlamento, si ritiene che esse le rispecchino. Già oggi le commissioni prendono decisioni che tengono conto di interessi diversi da quelli dei rispettivi rappresentanti alle Camere federali. A differenza del Parlamento, le Commissioni possono essere convocate con un breve preavviso e sono soggetti a un quorum. Le loro decisioni possono quindi essere prese rapidamente.

Con la richiesta da parte del Consiglio federale dell’approvazione preventiva di chiusure e altre importanti misure economiche da parte delle competenti Commissioni parlamentari, il legislatore vero e proprio, il Parlamento, sarebbe nuovamente coinvolto nelle decisioni relative alle misure per contrastare il virus Covid-19. L’attuale dittatura del Consiglio federale avrebbe termine e il collaudato sistema democratico svizzero sarebbe almeno parzialmente ripristinato.

Condividi articolo
Circa l‘autore
UDC Consigliera nazionale (GR)
Altro su questo tema
Comunicato stampa
Condividi articolo
27.01.2021
È positivo che la maggioranza di centro-sinistra del Consiglio federale abbia accolto almeno alcune delle richieste dell'UDC... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
12.01.2021
Il referendum contro la legge sulla CO2, sostenuto attivamente dall’UDC, è riuscito grazie a una raccolta firme... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
26.11.2020
L'UDC sostiene la riduzione di pesticidi, ma respinge l’inclusione della riduzione degli elementi fertilizzanti. Il Consiglio nazionale... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Formazione

Fermare le riforme pretenziose e irrealistiche – tornare a una formazione orientata sulla pratica.

Sostenere la proprietà – rafforzare la libertà

NO alle espropriazioni, SÌ alla protezione della sfera privata.

Politica degli stranieri

Riportare l’immigrazione a un livello ragionevole.

Libertà e sicurezza

Difendere la libertà minacciata.

L’essere umano, la famiglia, la comunità

Responsabilità individuale invece di massa sotto tutela.

Sport

Buono per il corpo e per lo spirito.

Agricoltura

Per una produzione indigena.

Finanze, imposte e tasse

Più per il ceto medio, meno per lo Stato.

Istituzioni sociali

Assicurare le Istituzioni sociali – combattere gli abusi.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel. 031 300 58 58 – Fax 031 300 58 59 – E-Mail: info@svp.ch – PC: 30-8828-5

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo