Comunicato stampa

La maggioranza del Parlamento ignora ancora una volta la volontà del popolo

Il Gruppo UDC ha depositato tre interventi chiedenti delle modifiche di legge al fine di rendere la Svizzera più sicura e per evitare un onere supplementare all’aiuto sociale. La grande maggioranza del Parlamento ha rifiutato queste proposte nel più completo disprezzo della volontà popolare.

Il mandato che il sovrano svizzero ha dato alle autorità accettando nel 2010 l’iniziativa per l’espulsione degli stranieri criminali è chiaro: gli stranieri criminali condannati devono essere espulsi. Come altrettanto chiara era la promessa fatta dal Consiglio federale prima della votazione del 2017 sulla naturalizzazione agevolata degli stranieri di terza generazione: “Una persona a beneficio dell’aiuto sociale non può essere naturalizzata.”

Queste due esigenze del popolo svizzero non sono tuttavia rispettate ai sensi della legge: l’espulsione dei cittadini UE criminali è contraria alla libera circolazione delle persone e il Consiglio federale dichiara, in risposta a un’interpellanza, che il percepimento dell’aiuto sociale da parte dei genitori non è d’ostacolo alla naturalizzazione dei figli. È utile ricordare, in questo contesto, che la proporzione di stranieri fra i beneficiari dell’aiuto sociale è oggi del 47,8%. Fra gli immigranti entrati in Svizzera via asilo, la quota-parte degli assistiti sociali supera il 90%, a seconda del paese d’origine. Ciò non impedisce al Consiglio federale di far venire in Svizzera in aereo, nell’ambito dei cosiddetti programmi di reinsediamento, fino a 2’000 migranti sociali supplementari ogni due anni.

La maggioranza del Parlamento rifiuta l’evidenza
L’UDC ha depositato le tre iniziative parlamentari seguenti, per porre fine a queste disfunzioni:

Dovrebbe andare da sé che un legislativo eletto rispetti la volontà del popolo e vegli alla correzione di queste disfunzioni. Si capisce quindi ancora meno come, durante la sessione estiva in corso, il Parlamento federale abbia potuto opporsi a grande maggioranza alle tre richieste.

Condividi articolo
Altro su questo tema
Comunicato stampa
Condividi articolo
24.02.2020
Riunito oggi a Muotathal (SZ), il gruppo parlamentare UDC s’è chiaramente pronunciato contro l’introduzione di una «rendita... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
20.02.2020
Il Consiglio federale auspica che la Svizzera partecipi con un importo di 297 milioni di franchi a... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
18.02.2020
Il Forum PMI suona il campanello d’allarme: la competitività dell’industria svizzera s’è massicciamente deteriorata in questi ultimi... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
L’essere umano, la famiglia, la comunità

Responsabilità individuale invece di massa sotto tutela.

Noi siamo la patria

Autonomi e sicuri di sè.

Sostenere la proprietà – rafforzare la libertà

NO alle espropriazioni, SÌ alla protezione della sfera privata.

Sport

Buono per il corpo e per lo spirito.

Trasporti

Basta ingorghi e misure vessatorie nel traffico stradale.

Energia

Per un approvvigionamento energetico con un futuro.

Politica estera

Indipendenza e autodeterminazione.

Finanze, imposte e tasse

Più per il ceto medio, meno per lo Stato.

Esercito

La sicurezza della popolazione.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel. 031 300 58 58 – Fax 031 300 58 59 – E-Mail: info@svp.ch – PC: 30-8828-5

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo