Comunicato stampa

La pressione dell’UDC sta avendo effetto – il Consiglio federale deve porre fine alle sue misure autoritarie e arbitrarie

Grazie alla pressione esercitata dall’UDC, anche gli altri gruppi borghesi in Consiglio Nazionale si sono espressi a favore di una più rapida eliminazione delle restrizioni legate alla pandemia di Covid-19. L’UDC si aspetta ora che la maggioranza di centro-sinistra in Consiglio federale abbandoni le sue misure autoritarie che stanno danneggiando la popolazione e l’economia e autorizzi venerdì la riapertura delle attività legate alla ristorazione, attesa da tempo.

L’UDC è l’unico partito che ha sfidato instancabilmente la dannosa politica del Consiglio federale e si è opposto alle misure autoritarie e arbitrarie del Governo.

Questa pressione costante ha finalmente fatto muovere gli altri partiti borghesi. I gruppi parlamentari del PLR e del Centro non hanno certo avuto il coraggio, durante il dibattito odierno in Consiglio nazionale sulla legge Covid-19, di costringere il Consiglio federale a riaprire il 22 marzo tutti i settori che applicano concetti di protezione, ma almeno si sono espressi a favore di un’ulteriore e più ampia abolizione delle restrizioni.

L’UDC si aspetta ora che la maggioranza di centro-sinistra in Consiglio federale prenda le seguenti decisioni venerdì prossimo:

  • Le attività legate alla ristorazione e le imprese dei settori della cultura, dello spettacolo, del tempo libero e dello sport, cioè in particolare i centri di fitness, che applicano i concetti di protezione, possono riaprire il 22 marzo;
  • I cantoni sono autorizzati a permettere il servizio da asporto sulle terrazze dei ristoranti;
  • la regola delle cinque persone nei locali chiusi è abolita;
  • approntare immediatamente una strategia di apertura e di pianificazione della sicurezza per i grandi eventi culturali e sportivi.

Per l’UDC sarebbe del tutto inaccettabile che la maggioranza di centro-sinistra in Consiglio federale ignorasse ancora una volta le decisioni e le richieste delle commissioni parlamentari e dei cantoni, nonché le petizioni firmate dalla popolazione.

Condividi articolo
Altro su questo tema
Comunicato stampa
Condividi articolo
26.06.2021
Per celebrare la fine dell'accordo istituzionale con l'UE e quindi la permanenza di una Svizzera libera e... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
16.06.2021
Oggi, grazie all'UDC, il Consiglio nazionale ha finalmente approvato una revisione parziale della legge sull'energia. Il Consiglio... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
13.06.2021
L’UDC si rallegra del fatto che gli elettori hanno rifiutato la politica ideologica della sinistra rappresentata dalla... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Media

Più pluralità, meno Stato.

Sostenere la proprietà – rafforzare la libertà

NO alle espropriazioni, SÌ alla protezione della sfera privata.

Formazione

Fermare le riforme pretenziose e irrealistiche – tornare a una formazione orientata sulla pratica.

Internet e digitalizzazione
Per un Internet libero.
Esercito

La sicurezza della popolazione.

Religione

Impegnarci per i nostri valori.

Libertà e sicurezza

Difendere la libertà minacciata.

Sicurezza, diritto e ordine

Proteggere le vittime e non i delinquenti.

Noi siamo la patria

Autonomi e sicuri di sè.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel.031 300 58 58 – Fax031 300 58 59 – E-Mail:info@svp.ch – PC:30-8828-5

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo