Comunicato stampa

I consiglieri federali liberali si stanno muovendo – la pressione dell’UDC sta avendo effetto

La pressione dell’UDC sta avendo effetto, i rappresentanti del PLR in Consiglio federale stanno finalmente rinunciando alla loro politica antiliberale e antieconomica e si stanno finalmente muovendo verso delle aperture. Tuttavia, il ritmo lascia alquanto a desiderare. Alla luce dei fatti, il Consiglio federale deve porre fine immediatamente alle restrizioni e riaprire tutti i settori economici in modo unitario.

Il fatto che il Consiglio federale abbia deciso oggi di allentare ulteriormente le restrizioni in vigore dimostra che la pressione dell’UDC ha portato a dei risultati e che i due rappresentanti del PLR in Consiglio federale si stanno finalmente allontanando dalla sinistra antieconomica con la quale sono scesi a patti sino a ieri. La decisione di oggi rappresenta anche l’ammissione indiretta da parte del Responsabile della salute pubblica Alain Berset che la decisione di chiudere le terrazze sulle piste da sci è stata presa senza alcuna base epidemiologica e che si è trattata quindi di una pura vessazione e dimostrazione di potere.

Anche se le decisioni di oggi puntano nella direzione giusta, restano pur sempre dei piccoli passi in quella direzione. Alla luce dei fatti, il Consiglio federale dovrebbe porre immediatamente fine alle restrizioni e revocare completamente il divieto di lavorare e di portare avanti l’attività nel campo della ristorazione, della cultura, dello sport e del tempo libero. Il fatto che 50 persone siano ammesse in un locale al chiuso, ma i ristoranti debbano ancora rimanere chiusi, è irrazionale e incomprensibile. Inoltre, c’è troppa confusione nelle regole.

La situazione economica è drammatica, interi settori professionali sono fermi per decreto federale. Questo si riflette anche nelle cifre attuali del mercato del lavoro:

  • I disoccupati alla fine di marzo erano 157’968. Rispetto allo stesso mese dell’anno scorso, questo corrisponde a un aumento di 22.344 persone ossia un +16,5%!
  • A gennaio 399.667 persone e 47.460 aziende sono state colpite dall’orario ridotto. Il confronto con lo stesso mese dell’anno scorso fa capire quanto sia catastrofica la situazione: Nel gennaio 2020, solo 3.717 persone in 178 stabilimenti erano in orario ridotto. Praticamente oltre cento volte di più!
  • I costi dell’attuale crisi Covid-19 sono astronomici. La NZZ parla di 138 miliardi di Franchi spesi già a novembre 2020. Ciò corrisponde a 16.000 Franchi per abitante!

Alquanto scandaloso è il fatto che, mentre lo stato paralizza l’economia e la popolazione deve stringere la cinghia, l’amministrazione federale continui a gonfiarsi. Nell’anno della crisi del Covid-19, gli impiegati a tempo pieno sono aumentati di 669 unità.

Chiesa: “La gente sta pagando un prezzo alto per delle misure sproporzionate” 

Non c’è una base reale che giustifichi il mantenimento del confinamento parziale. A titolo di esempio, dal mese di febbraio 2021 c’è stata addirittura una sottomortalità, il che significa che in questo periodo sono morte meno persone del solito. Il fatto che la ristorazione, la cultura, lo sport e il tempo libero siano ancora fortemente limitati è quindi sproporzionato, dice il presidente dell’UDC Marco Chiesa. “La popolazione svizzera – soprattutto i giovani – sta pagando a caro prezzo queste misure dal punto vista sanitario, psicologico, economico e sociale”. Di fronte a questa situazione, egli dichiara che il Consiglio federale deve finalmente andare avanti e liberare completamente i cittadini dalla morsa dello Stato.

Chiesa nota con piacere che la pressione dell’UDC sta avendo effetto e che i consiglieri federali del PLR sono ora pronti a rimettere al suo posto il Responsabile della sanità Alain Berset: “I rappresentanti del PLR si stanno finalmente allontanando dalla sua politica anti-liberale, che distrugge posti di lavoro e aziende”.

Avanti con la vaccinazione e i test  

Oltre alla fine immediata di tutte le chiusure, l’UDC esige un’accelerazione nella somministrazione dei vaccini alla popolazione e un’attuazione coerente della campagna dei test. “Il fatto che i centri di vaccinazione governativi siano rimasti chiusi durante il periodo pasquale è una goffaggine che non possiamo assolutamente permetterci”, critica Chiesa. Per ogni giorno di attesa si perdono decine di milioni di franchi. Il motto del presidente dell’UDC è chiaro: “Avanti con le vaccinazioni! Basta con le restrizioni!”

Condividi articolo
Altro su questo tema
Comunicato stampa
Condividi articolo
28.04.2021
La posizione risoluta del presidente Guy Parmelin a Bruxelles non deve oscurare il fatto che la maggioranza... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
27.01.2021
È positivo che la maggioranza di centro-sinistra del Consiglio federale abbia accolto almeno alcune delle richieste dell'UDC... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Internet e digitalizzazione
Per un Internet libero.
Ambiente

Un ambiente dove sia bello vivere oggi e domani.

Trasporti

Basta ingorghi e misure vessatorie nel traffico stradale.

Sicurezza, diritto e ordine

Proteggere le vittime e non i delinquenti.

Religione

Impegnarci per i nostri valori.

Agricoltura

Per una produzione indigena.

Politica estera

Indipendenza e autodeterminazione.

Sanità

La qualità grazie alla concorrenza.

Media

Più pluralità, meno Stato.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel. 031 300 58 58 – Fax 031 300 58 59 – E-Mail: info@svp.ch – PC: 30-8828-5

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo