Comunicato stampa

La produzione indigena deve essere salvaguardata – NO a un libero scambio agricolo illimitato e precipitoso

L’UDC s’impegna a favore di un’agricoltura svizzera produttiva, che approvvigioni la popolazione con derrate alimentari sane e con prodotti vicini al mercato, mantenendo coltivati i nostri bei paesaggi. Per raggiungere quest’obiettivo, bisogna migliorare la base esistenziale delle aziende agricole familiari. La decisione presa oggi dal Consiglio federale concernente lo sviluppo dell’agricoltura è diametralmente opposta a quest’obiettivo. L’UDC si batterà con determinazione. Una nuova diminuzione della protezione alle frontiere a scapito dell’agricoltura svizzera distruggerebbe le aziende familiari. Per convincersene, basta osservare ciò che sta succedendo sul mercato lattiero.

In Svizzera, spariscono in media tre aziende agricole al giorno. Migliaia di fattorie hanno cessato d’esistere negli ultimi anni. Le aziende restanti danno un reddito inferiore alla media per rapporto ad altre categorie professionali. Le famiglie contadine hanno bisogno di prospettive per garantire la produzione e una sicurezza alimentare minima della popolazione, come pure per semplicemente sopravvivere. Si tratta quindi in primo luogo di migliorare le condizioni-quadro della produzione agricola. Manifestamente, il Consiglio federale continua a non rendersi conto della gravità della situazione e delle difficoltà quotidiane con le quali sono confrontate le aziende agricole.

Di fronte a questa situazione, l’UDC si batterà con determinazione contro una riduzione progressiva della protezione alle frontiere a scapito dell’agricoltura, nell’ambito di un accordo di libero scambio agricolo. Non c’è d’altronde alcuna ragione oggettiva che obblighi la Svizzera ad agire in questo settore, e grandi incertezze incombono sull’evoluzione futura a livello internazionale. Il Parlamento s’è inoltre chiaramente pronunciato più volte contro un libero scambio agricolo senza limiti. L’UDC invita il Consiglio federale a valutare seriamente la Politica agricola 2017 e a ridurre la pesante burocrazia che ne deriva, invece di lanciarsi in un’azione tanto precipitosa quanto inutile. Inoltre, bisogna attendere il risultato della votazione sull’iniziativa popolare per la sicurezza alimentare.

Condividi articolo
Temi
Altro su questo tema
Comunicato stampa
Condividi articolo
14.11.2018
La Politica agricola a partire dal 2022 (PA22+), che il Consiglio federale ha messo in consultazione, inasprisce... continua a leggere
Editoriale
Condividi articolo
11.09.2018, di Jacques Nicolet
Indegno, poco coerente e incompleto, lo studio di Avenir Suisse intitolato «Per una politica agricola solida e... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
24.08.2018
Il comitato del partito UDC Svizzera s’è riunito oggi (24.08.2018) a Cham (ZG). Esso ha principalmente discusso... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Agricoltura

Per una produzione indigena.

Sport

Fa bene al corpo e allo spirito.

Sicurezza

Punire i criminali, invece di coccolarli.

Politica estera

Indipendenza e autodeterminazione.

Caso particolare Svizzera

Autonomi e sicuri di sè.

Sanità

Qualità grazie alla concorrenza.

Media

Più varietà, meno Stato.

Trasporti

Via libera senza vessazioni.

Istituzioni sociali

Assicurare le Istituzioni sociali – combattere gli abusi.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel. 031 300 58 58 – Fax 031 300 58 59 – E-Mail: info@svp.ch – PC: 30-8828-5

Inoltra questa pagina


Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo