Comunicato stampa

La protezione degli abitanti della Svizzera è sempre prioritaria

L’UDC accoglie con piacere l’odierna decisione del Consiglio federale di prevedere, nella sua pianificazione finanziaria dei prossimi 12 mesi, un importo di 8 miliardi di franchi per l’acquisto di nuovi aerei da combattimento e per il rinnovamento della difesa contraerea dal suolo. L’unico scopo di questi impegni è sempre quello di proteggere gli abitanti del nostro paese.

È evidente, per l’UDC, che i fondi previsti costituiscono il minimo strettamente necessario alla protezione degli abitanti del nostro paese. La sorveglianza e la difesa autonome del nostro spazio aereo sono indispensabili, altrimenti la neutralità svizzera, che in passato ha spesso dato prova della sua utilità, sarebbe rimessa in questione. Nessuna nazione al mondo rinuncia alla protezione della sua popolazione contro delle minacce provenienti dallo spazio aereo – a meno che sia assoggettata ad altre potenze. La prima priorità è quindi la protezione degli esseri umani che vivono nel nostro paese.

Tutti i concetti moderni di minacce militari, ma anche di minacce terroristiche, mettono in evidenza degli attacchi dalla terza dimensione. È perciò assolutamente necessario che la Svizzera disponga di una flotta d’aerei da combattimento performanti e moderni, come pure di una difesa contraerea dal suolo minima, ma moderna. Di conseguenza, bisogna dare all’esercito i mezzi finanziari di cui ha bisogno per equipaggiarsi in questi settori. È decisamente inaccettabile che la Svizzera debba oggi ancora impegnare degli aerei da combattimento che datano degli anni settanta del secolo scorso, gli F-5 Tiger, per difendere il suo spazio aereo e proteggere la popolazione. In altri paesi, questi velivoli sono nei musei. Parallelamente, si dovranno rimpiazzare, evitando qualsiasi lacuna, gli F/A-18, il cui acquisto risale agli anni ottanta e che cominciano a invecchiare.

L’UDC accoglie con piacere anche la possibilità data al popolo svizzero di prendere posizione su questi progetti per mezzo di un referendum facoltativo.

Altro su questo tema
Conferenza stampa
Condividi articolo
13.08.2019
Tenuto conto della loro quota rispetto alla popolazione totale, i migranti registrano un tasso di criminalità e... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
30.01.2019
La situazione legale è chiara dall’accettazione dell’iniziativa per l’espulsione: gli stranieri che sono stati condannati definitivamente per... continua a leggere
Conferenza stampa
Condividi articolo
22.01.2019
UDC Svizzera ha tenuto una conferenza stampa a Berna per prendere posizione sulla Politica agricola 22+ (PA22+)... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Sanità

La qualità grazie alla concorrenza.

Politica estera

Indipendenza e autodeterminazione.

Cultura

La cultura non è un compito dello Stato.

Agricoltura

Per una produzione indigena.

Noi siamo la patria

Autonomi e sicuri di sè.

Esercito

La sicurezza della popolazione.

Ambiente

Un ambiente dove sia bello vivere oggi e domani.

Energia

Per un approvvigionamento energetico con un futuro.

Istituzioni sociali

Assicurare le Istituzioni sociali – combattere gli abusi.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel. 031 300 58 58 – Fax 031 300 58 59 – E-Mail: info@svp.ch – PC: 30-8828-5

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo