Comunicato stampa

La responsabilità individuale deve tornare al primo posto

Considerando che i dati relativi alla pandemia sono in calo da mesi e visto l’alto numero di persone vaccinate e guarite, l’UDC esige dalla maggioranza di centro-sinistra in Consiglio federale un ritorno alla normalità . I prossimi allentamenti proposti dal Consiglio federale non bastano, perché tengono troppo poco conto del benessere sociale generale e delle difficoltà economiche delle imprese.

L’UDC chiede quindi al Consiglio federale di rimettere in primo piano la responsabilità individuale della popolazione nella sua riunione di domani, e di porre fine alle restrizioni. In particolare, l’UDC chiede che:

  • le vessazioni e la criminalizzazione nella sfera privata dei cittadini abbiano fine – l’assurdo limite massimo di persone per incontri ed eventi privati all’interno e all’esterno dovrebbe quindi essere eliminato con effetto immediato.
  • il limite di 100 persone proposto dal Consiglio federale per le manifestazioni politiche sia eliminato. I grandi eventi siano di nuovo permessi con effetto immediato.
  • non vengano imposti doppi concetti di protezione per gli eventi. Per le manifestazioni e gli eventi su larga scala in cui solo le persone vaccinate, testate e guarite sono autorizzate a partecipare, si dovrebbe rinunciare a misure aggiuntive come mascherine obbligatorie, le norme sul distanziamento sociale e la registrazione dei partecipanti.
  • l’home office obbligatorio sia abolito per tutti, senza test obbligatori, perché ciò metterebbe le aziende più piccole in una posizione di svantaggio. A causa delle spese considerevoli che comportano, hanno infatti difficoltà ad attuare test di massa regolari.
  • l’obbligo di indossare mascherine sul posto di lavoro sia revocato – soprattutto per coloro che sono stati vaccinati, testati e sono guariti.
  • i limiti massimi di capacità nelle aree interne, in particolare nei negozi, siano revocati con effetto immediato. Anche le restrizioni per i visitatori di bagni termali, spa e altre strutture per il tempo libero dovrebbero essere eliminate.
  • il caos assurdo attorno alle misure di restrizionie va fermato. Gli allentamenti decisi dal Consiglio federale sono spesso accompagnati da un gran numero di nuovi regolamenti e requisiti. La confusione che ruota attorno a tali prescrizioni spinge la popolazione a non sostenere più le misure. Il Consiglio federale è chiamato quindi a limitarsi alle sole regolamentazioni principali in conformità con la legge Covid-19.
  • La Task Force scientifica Covid-19 sia revocata – soprattutto alla luce delle storielle dell’orrore veicolate, e mai avverate, che causano solo incertezza e disorientamento nella popolazione.
  • L’insegnamento in presenza nell’istruzione terziaria sia immediatamente ripristinato e, anche in questo caso, senza alcun obbligo di testarsi.
  • Gli sport di squadra al chiuso siano nuovamente autorizzati. Per le attività culturali e sportive del settore amatoriale, gli allentamenti annunciati portano effettivamente a dei miglioramenti per la vita del club, ma anche qui è necessario prendere decisioni più audaci.
  • Le persone vaccinate e guarite siano esentate dall’obbligo della quarantena da contatto e da viaggio.
Condividi articolo
Altro su questo tema
Editoriale
Condividi articolo
05.07.2022, di Andreas Glarner
Reso tabù e nascosto dai media, ecco un altro grave svantaggio dell'immigrazione incontrollata: gli edifici scolastici di... continua a leggere
Editoriale
Condividi articolo
04.07.2022, di Thomas Burgherr
Il Presidente del Centro (ex PPD) auspica l'introduzione di dazi sul clima e la fornitura di munizioni... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
01.07.2022
Ad un esame più attento, il rapporto del Consiglio federale sulla nutrizione si rivela del tutto inadeguato.... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Ambiente

Un ambiente dove sia bello vivere oggi e domani.

Esercito

La sicurezza della popolazione.

Istituzioni sociali

Assicurare le Istituzioni sociali – combattere gli abusi.

Finanze, imposte e tasse

Più per il ceto medio, meno per lo Stato.

Sport

Buono per il corpo e per lo spirito.

Noi siamo la patria

Autonomi e sicuri di sè.

Trasporti

Basta ingorghi e misure vessatorie nel traffico stradale.

Sostenere la proprietà – rafforzare la libertà

NO alle espropriazioni, SÌ alla protezione della sfera privata.

Media

Più pluralità, meno Stato.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel.031 300 58 58 – Fax031 300 58 59 – E-Mail:info@svp.ch – IBAN:CH83 0023 5235 8557 0001 Y

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo