Comunicato stampa

La sicurezza inizia dalle frontiere nazionali – l’UDC Svizzera visita i collaboratori delle dogane svizzere a Basilea

L’UDC si è sempre impegnata per una maggiore sicurezza e quindi per il controllo dei confini nazionali. Perché la sicurezza costituisce la base della libertà e della prosperità del nostro Paese. Le frontiere aperte dall’Accordo di Schengen facilitano l’ingresso nel nostro Paese di immigrati clandestini e criminali. Il gruppo parlamentare dell’UDC ha incontrato il capo dell’Ufficio federale delle dogane e della sicurezza delle frontiere (UDSC). Durante l’incontro a Basilea e ha avuto un quadro della situazione direttamente al confine.

Ogni giorno, oltre 2 milioni di persone, più di 1 milione di veicoli, 21.000 camion e migliaia di tonnellate di merci attraversano i nostri confini nazionali. Le cifre seguenti mostrano l’importanza dei controlli: Mediamente in un giorno, i dipendenti dell’Ufficio federale delle dogane e della sicurezza dei confini (UDSC) registrano:

  • 70 persone ricercate o in attesa di arresto
  • 12 armi proibite
  • 4 documenti d’identità contraffatti
  • 2,6 chilogrammi di farmaci e
  • 51 soggiorni illegali.

I dipendenti dell’UDSC danno anche un contributo importante alla sicurezza sulle nostre strade: ogni giorno tolgono dalla circolazione circa 34 camion difettosi.

Per conoscere in prima persona il lavoro e le sfide al confine, il gruppo parlamentare UDC ha incontrato venerdì sera a Basilea i vertici dell’UDSC e i dipendenti della regione Dogana Nord, che garantiscono la sicurezza ai valichi di frontiera con Francia e Germania. Hanno anche mostrato ai membri del gruppo parlamentare, con esempi pratici, ciò che devono affrontare quotidianamente. Durante l’incontro, il gruppo UDC è stato anche informato sullo stato del programma DaziT, che semplificherà, ottimizzerà e digitalizzerà tutti i processi doganali, fiscali e di controllo entro il 2026. “La protezione delle frontiere è fondamentale per un Paese sovrano come la Svizzera”, afferma il Capogruppo- Thomas Aeschi. Il “sì” alla proposta di legge Frontex del 15 maggio è da accogliere con favore perché proteggerà meglio le frontiere esterne dell’UE, il che va anche a vantaggio degli interessi della Svizzera. Tuttavia, questo non deve portare a un ulteriore smantellamento delle frontiere interne, afferma Aeschi: “La Svizzera deve rafforzare i controlli alle frontiere nazionali, poiché gli Stati sono in grado di proteggersi al meglio.

Nessuna accettazione della modifica della Legge sull’organizzazione della Posta svizzera

In occasione della riunione di oggi a Basilea, il gruppo parlamentare dell’UDC ha deciso di non accettare la proposta di modifica del Consiglio federale alla Legge sulla organizzazione della Posta svizzera, che mira ad abolire il divieto di PostFinance di concedere prestiti e mutui. Ciò significherebbe effettivamente che la Confederazione gestirebbe una propria banca e sarebbe in concorrenza con le banche cantonali e private.

Tuttavia, l’UDC riconosce la necessità di agire nella definizione del mandato di servizio di base e invita pertanto il Consiglio federale ad avviare questa discussione in modo esaustivo il prima possibile. Tuttavia, l’introduzione di una banca statale, combinata con desideri politici e ideologici in un mercato funzionante, non è una soluzione accettabile.

Un successo per l’evento UDC tra la Gente

Sabato, dopo la sessione, il Consigliere federale Ueli Maurer e il gruppo parlamentare dell’UDC hanno incontrato la popolazione e i rappresentanti della sezione locale dell’UDC nella Meret-Oppenheim-Platz di Basilea. Numerose persone interessate hanno partecipato e hanno discusso con i nostri rappresentanti eletti in un’atmosfera informale.

Il tentativo degli ambienti antidemocratici e di sinistra di disturbare l’evento pacifico non ha avuto successo grazie alla professionalità della polizia di Basilea. L’UDC Svizzera ringrazia gli agenti di polizia per il loro prezioso lavoro a tutela dei diritti democratici fondamentali.

Altro su questo tema
Comunicato stampa
Condividi articolo
17.05.2022
Oltre il 41% degli stranieri condannati ha il permesso di rimanere in Svizzera, anche se la Costituzione... continua a leggere
Editoriale
Condividi articolo
12.05.2022, di Gregor Rutz
In tempi di crisi, la resistenza e il funzionamento di un ordine statale diventano evidenti. Se la... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Sostenere la proprietà – rafforzare la libertà

NO alle espropriazioni, SÌ alla protezione della sfera privata.

Energia

Per un approvvigionamento energetico con un futuro.

Esercito

La sicurezza della popolazione.

Agricoltura

Per una produzione indigena.

Sport

Buono per il corpo e per lo spirito.

Politica d'asilo

Correggere finalmente il caos che regna nella politica d’asilo.

Ambiente

Un ambiente dove sia bello vivere oggi e domani.

Media

Più pluralità, meno Stato.

Noi siamo la patria

Autonomi e sicuri di sè.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel.031 300 58 58 – Fax031 300 58 59 – E-Mail:info@svp.ch – IBAN:CH83 0023 5235 8557 0001 Y

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo