Comunicato stampa

La via è libera per una riforma autentica, che garantisca le rendite AVS

L’UDC prende atto con soddisfazione del rifiuto della Previdenza-vecchiaia 2020. Una piccola maggioranza delle cittadine e dei cittadini ha fatto pendere l’ago della bilancia dalla parte giusta, pronunciandosi contro un aumento finanziariamente insostenibile delle rendite. Essa chiede invece che le rendite siano garantire durevolmente senza fare enormi debiti a scapito delle future generazioni.

Tenuto conto della situazione finanziaria dell’AVS, l’aumento della rendita mensile di 70 franchi a beneficio dei nuovi pensionati era particolarmente contestato. Il popolo s’è pronunciato una volta di più contro questo nocivo sistema ad annaffiatoio. Come è stato detto e ripetuto durante la campagna di voto, l’UDC s’impegnerà a riprendere le parti non contestate della riforma dell’AVS come l’età di pensionamento delle donne a 65 anni, il totale del prodotto del punto percentuale d’IVA (“percento demografico”) prelevato a favore dell’AVS, o lo 0,3% di IVA per il finanziamento addizionale dell’AI, eccetera, e a sottoporle immediatamente al Parlamento, affinché il popolo si possa pronunciare ancora di nuovo.

In un secondo tempo, l’AVS deve essere assicurata a lungo termine e, di conseguenza, dovrà essere riesaminato un freno alle spese.

Nel settore della previdenza professionale, l’UDC continuerà a battersi con tutte le sue forze contro il suo mescolamento con l’AVS. Essa si oppone in particolare ai tentativi di “espropriazione” del Consiglio federale o del Parlamento nella previdenza professionale. Da più parti si tenta infatti, a torto e da diversi anni, di limitare o addirittura d’impedire il prelevamento del capitale-vecchiaia risparmiato personalmente nell’ambito della previdenza professionale (LPP) per finanziare un alloggio in proprietà o per fondare un’azienda quale indipendente.

Il SÌ alla sicurezza dell’approvvigionamento alimentare della Svizzera è un SÌ all’agricoltura produttiva e all’indipendenza alimentare del paese. È pure il rifiuto di un’ecologizzazione eccessiva dell’agricoltura e, soprattutto, di un’ancora maggiore apertura delle frontiere alle derrate alimentari straniere.  Il sistema dei pagamenti diretti deve essere adattato in questo senso. La Svizzera è già oggi uno dei maggiori importatori del mondo di prodotti alimentari per abitante. Il nostra grado di auto approvvigionamento netto è caduto per la prima volta al di sotto del 50% nel 2016. Accettato dalla grande maggioranza del popolo, questo ancoraggio della sicurezza alimentare nella Costituzione federale incarica le autorità competenti di arrestare questa tendenza.

Condividi articolo
Temi
Altro su questo tema
Comunicato stampa
Condividi articolo
03.07.2019
Il Consiglio federale ha presentato oggi (03.07.2019) le sue proposte per la riforma dell’AVS. L’UDC accoglie favorevolmente... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
02.07.2019
Il progetto di modernizzazione della previdenza professionale (LPP) presentato oggi dai sindacati e dall’Unione padronale è inaccettabile... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
28.06.2019
La Commissione UE non ha apparentemente intenzione di prolungare l’equivalenza borsistica. Essa aumenta la pressione sulla Svizzera... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
L’essere umano, la famiglia, la comunità

Responsabilità individuale invece di massa sotto tutela.

Internet e digitalizzazione
Per un Internet libero.
Noi siamo la patria

Autonomi e sicuri di sè.

Politica estera

Indipendenza e autodeterminazione.

Politica d'asilo

Correggere finalmente il caos che regna nella politica d’asilo.

Formazione

Fermare le riforme pretenziose e irrealistiche – tornare a una formazione orientata sulla pratica.

Agricoltura

Per una produzione indigena.

Energia

Per un approvvigionamento energetico con un futuro.

Trasporti

Basta ingorghi e misure vessatorie nel traffico stradale.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel. 031 300 58 58 – Fax 031 300 58 59 – E-Mail: info@svp.ch – PC: 30-8828-5

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo