Comunicato stampa

L’avanzata del paternalismo statale

Il Sì alla legge sul cinema e al consenso presunto per la donazione degli organi limitano i diritti, la libertà e la responsabilità individuale dei cittadini e rafforzano l’influenza dello Stato sulla nostra vita privata. L’approvazione di maggiori fondi per Frontex deve essere accompagnata da un’estensione dei controlli alle frontiere da parte della Svizzera. Il Consiglio federale deve garantire che i milioni destinati a Bruxelles siano utilizzati in modo efficace ed efficiente.

L’UDC apprende con rammarico del Sì popolare a favore della legge sul cinema e del modello sul consenso presunto nella donazione di organi. Entrambe le proposte di legge sono espressione di uno Stato paternalistico sempre più prepotente, che limita sempre più la libertà e la responsabilità individuale delle persone. La nuova legge sul cinema obbliga i fornitori di contenuti streaming a proporre il 30 percento di film europei e a versare almeno il 4 percento dei loro ricavi alla scena cinematografica svizzera. La formulazione “almeno” lascia la porta aperta a un maggior sfruttamento delle aziende private. L’UDC chiede al Consiglio federale di esercitare moderazione nel redigere la relativa ordinanza e di rispettare la volontà della forte minoranza popolare che ha respinto la Legge sul cinema alle urne.

L’adozione delle modifiche alla Legge sui trapianti non deve portare a ulteriori violazioni dell’integrità fisica e psicologica delle persone. L’UDC continuerà a impegnarsi con coerenza per la salvaguardia della libertà personale così come garantita dalla Costituzione federale.

Il SÌ a Frontex non è un assegno in bianco

L’UDC accoglie con favore il SÌ a Frontex. Ciò consentirà di proteggere meglio le frontiere esterne dell’UE, a vantaggio anche degli interessi della Svizzera. Tuttavia, non si tratta di un assegno in bianco e non deve portare a un ulteriore smantellamento dei confini interni. La Svizzera deve rafforzare i controlli alle proprie frontiere, perché solo i singoli Stati possono proteggersi al meglio.

Attualmente, sono in corso discussioni a Bruxelles in merito al prolungamento dei controlli alle frontiere nazionali, introdotti durante l’ondata di rifugiati del 2015. Il Consiglio federale deve chiarire all’UE che la Svizzera intende occuparsi autonomamente della propria sicurezza. Inoltre, il Consiglio federale deve garantire che gli oltre 60 milioni di franchi svizzeri che saranno stanziati per Frontex saranno utilizzati in modo efficiente ed efficace.

Condividi articolo
Altro su questo tema
Editoriale
Condividi articolo
11.08.2022, di Marco Chiesa
In questi giorni, chiunque legga i media noterà tre cose: 1. I giornalisti di sinistra sono particolarmente... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
29.07.2022, di Marco Chiesa
Una storia di successo lunga 731 anni: In nessun altro Paese i cittadini godono di tanta libertà,... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
29.07.2022, di Peter Keller
Il Consiglio federale e gli altri partiti stanno abbandonando scelleratamente la neutralità. Così facendo, mettono in pericolo... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Esercito

La sicurezza della popolazione.

Ambiente

Un ambiente dove sia bello vivere oggi e domani.

Economia e prosperità

Più libertà economica e meno burocrazia.

Politica degli stranieri

Riportare l’immigrazione a un livello ragionevole.

Cultura

La cultura non è un compito dello Stato.

Libertà e sicurezza

Difendere la libertà minacciata.

Sanità

La qualità grazie alla concorrenza.

L’essere umano, la famiglia, la comunità

Responsabilità individuale invece di massa sotto tutela.

Noi siamo la patria

Autonomi e sicuri di sè.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel.031 300 58 58 – Fax031 300 58 59 – E-Mail:info@svp.ch – IBAN:CH83 0023 5235 8557 0001 Y

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo