Comunicato stampa

Legge sul CO2: la menzogna dei 40 franchi

Il Consiglio federale ha approvato oggi la revisione totale della legge sul CO2. L’UDC aveva già criticato, in occasione della procedura di consultazione, questo progetto ostile all’economia e ai cittadini, e l’aveva respinto qualificandolo inadeguato. Il costo di 40 franchi annui per famiglia annunciato per la svolta energetica, era una pura e semplice menzogna, come conferma il messaggio pubblicato oggi dal governo.

Una volta di più, la popolazione e le imprese dovranno sopportare le conseguenze dei sogni utopici della consigliera federale PPD. Questa vuole più che raddoppiare la tassa sul CO2 portandola dagli attuali 22 centesimi/litro d’olio di riscaldamento a 52,5 centesimi al massimo. Inoltre, vuole imporre diverse misure coercitive, come il divieto dei riscaldamenti a olio se i valori limite nel settore edilizio non sono rispettati. Il fatto che il governo mantenga la regolamentazione rigida delle misure di riduzione (30% di compensazione in Svizzera, 20% di compensazione all’estero) conferma che poco o nulla è cambiato rispetto al testo messo in consultazione. In ogni caso, il progetto non è stato in alcun modo migliorato.

La destinazione parzialmente vincolata del canone CO2 – o meglio dell’imposta sul CO2 – per un importo di 450 milioni di franchi l’anno dovrebbe giungere a scadenza nel 2025. Ciò sembrerebbe positivo, a prima vista, ma non bisogna lasciarsi illudere: se i valori limite non sono rispettati entro quella data, la Confederazione si riserva di adottare delle misure coercitive (in particolare il divieto dei riscaldamenti a gasolio; vedi sopra), che imporranno dei massicci costi supplementari. Il sogno di una casa o di un appartamento in proprietà rimarrà tale per la maggior parte della gente.
Riepilogando, si constata che il Consiglio federale sotto la guida della signora Leuthard non tiene in alcun conto le necessità dell’industria e compromette gravemente la competitività dell’economia svizzera, moltiplicando le prescrizioni e i controlli. Lo scorso maggio, durante la campagna di voto, la ministra dell’energia aveva chiaramente affermato che ogni famiglia non avrebbe pagato più di 40 franchi annui per la svolta energetica e per la trasformazione dell’approvvigionamento energetico della Svizzera. Una menzogna, come si evince oggi dalla lettura del messaggio concernente la legge sul CO2. Come spesso succede, la verità finisce comunque per venire a galla. L’UDC l’aveva predetto durante la campagna di voto.

L’UDC rifiuta di partecipare a questo triste gioco a spese della popolazione e dell’economia svizzere. Essa combatterà con determinazione la legge sul CO2, sia nelle commissioni sia in Parlamento.

Condividi articolo
Temi
Altro su questo tema
Comunicato stampa
Condividi articolo
07.06.2022
Il gruppo parlamentare dell'UDC respinge il piano di salvataggio per le aziende energetiche. Il Consiglio federale deve... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
19.02.2022
Già nel 2024/25 la Svizzera non avrà più abbastanza elettricità, soprattutto in inverno. Nella sua riunione a... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
18.02.2022
Il gruppo parlamentare della UDC si è riunito a Kerenzerberg/Filzbach (GL) per una riunione di due giorni... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Sostenere la proprietà – rafforzare la libertà

NO alle espropriazioni, SÌ alla protezione della sfera privata.

Cultura

La cultura non è un compito dello Stato.

Economia e prosperità

Più libertà economica e meno burocrazia.

L’essere umano, la famiglia, la comunità

Responsabilità individuale invece di massa sotto tutela.

Istituzioni sociali

Assicurare le Istituzioni sociali – combattere gli abusi.

Finanze, imposte e tasse

Più per il ceto medio, meno per lo Stato.

Trasporti

Basta ingorghi e misure vessatorie nel traffico stradale.

Agricoltura

Per una produzione indigena.

Noi siamo la patria

Autonomi e sicuri di sè.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel.031 300 58 58 – Fax031 300 58 59 – E-Mail:info@svp.ch – IBAN:CH83 0023 5235 8557 0001 Y

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo