Comunicato stampa

La nuova legge sul CO2 stabilisce priorità sbagliate

Sono passati sei mesi da quando il Popolo svizzero ha respinto l’inutile e costosa legge sul CO2. È chiaro che i cittadini svizzeri non vogliono più divieti, tasse e imposte, ma una politica climatica ed energetica pragmatica e ragionevole. Tuttavia, la Consigliera federale responsabile del dossier, Simonetta Sommaruga, si comporta come se la votazione non avesse mai avuto luogo e stabilisce priorità completamente sbagliate nella nuova versione della revisione della legge sul CO2.

L’UDC critica i seguenti punti del progetto posto in consultazione :

  1. Il Consiglio federale manca ancora una volta il bersaglio in termini di una politica climatica sensata ed efficace. La massima priorità deve essere data alla garanzia di una fornitura di elettricità a livello nazionale. La riduzione dell’uso dei combustibili fossili può essere raggiunta solo attraverso una produzione di elettricità indigena sicura, economica ed ecologica.

L’UDC esige che la consigliera federale incaricata del dossier smetta di trattare la questione attraverso i suoi principi ideologici e che fissi finalmente le priorità della politica energetica sulla revisione della legge sull’energia e la legge sull’approvvigionamento elettrico, tanto più che l’Ufficio federale della protezione della popolazione ha identificato una penuria di elettricità come il rischio maggiore per la Svizzera, un rischio che potrebbe diventare realtà tra quattro anni se non vengono messe in atto contromisure adeguate.

  1. Per quanto riguarda la riduzione di CO2, il Consiglio federale ignora ancora il fattore della crescita massiccia della popolazione e gli effetti che ne derivano sull’ambiente. Il governo federale continua quindi a presentare gli sforzi della Svizzera in termini di riduzione di CO2 come 2,4 volte peggio di quanto non siano in realtà.
  2. Ulteriori misure per ridurre le emissioni di CO2 sono accettabili per l’UDC solo se includono in primo luogo uno sgravio finanziario. Questo deve essere fatto in modo mirato, attraverso sgravi e detrazioni fiscali, così come attraverso facilitazioni burocratiche (ad esempio, procedure di autorizzazione agevolate o un uso semplificato dello spazio pubblico). L’aumento delle tasse e degli oneri esistenti e l’introduzione di nuove tasse e oneri devono essere evitati, così come un maggiore coinvolgimento dello Stato. L’UDC si oppone a qualsiasi ulteriore ridistribuzione sulle spalle dei contribuenti.
  3. Il Consiglio federale non ha colto l’opportunità di rivedere l’attuale legislazione sul CO2 in modo da rendere possibile una maggiore riduzione delle emissioni di CO2 per ogni franco dei contribuenti investito dallo Stato. Nel suo documento di politica energetica pubblicato nel novembre 2021, l’UDC ha presentato numerose proposte per raggiungere questo obiettivo.

L’UDC ritiene che la legge sul CO2 debba essere corretta alla luce di quanto sopra elencato.

Di fronte alla minaccia di una carenza di energia elettrica, è ora che la Consigliera federale responsabile in ambito energetico, la signora Sommaruga, riconosca finalmente il fallimento della strategia energetica 2050. L’UDC invia una petizione: Consigliere federale Sommaruga, faccia il suo lavoro e garantisca finalmente l’approvvigionamento elettrico della Svizzera per i suoi cittadini e la sua economia!

Firma la petizione ora !

Altro su questo tema
Comunicato stampa
Condividi articolo
09.05.2022
La guerra in Ucraina comporta conseguenze anche per le persone in Svizzera. I prezzi del carburante sono... continua a leggere
Editoriale
Condividi articolo
03.05.2022, di Walter Wobmann
A causa della guerra in Ucraina, i prezzi del carburante sono aumentati massicciamente anche in Svizzera. Si... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
21.04.2022, di Marco Chiesa
I giornalisti e i politologi di sinistra stanno attaccando l’UDC. Non si rendono conto che siamo il... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Politica d'asilo

Correggere finalmente il caos che regna nella politica d’asilo.

Economia e prosperità

Più libertà economica e meno burocrazia.

Agricoltura

Per una produzione indigena.

Sanità

La qualità grazie alla concorrenza.

Finanze, imposte e tasse

Più per il ceto medio, meno per lo Stato.

Energia

Per un approvvigionamento energetico con un futuro.

Ambiente

Un ambiente dove sia bello vivere oggi e domani.

Internet e digitalizzazione
Per un Internet libero.
Esercito

La sicurezza della popolazione.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel.031 300 58 58 – Fax031 300 58 59 – E-Mail:info@svp.ch – PC:30-8828-5

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo