Comunicato stampa

L’indipendenza della Svizzera non è negoziabile

L’attivismo del Consiglio federale in merito al nuovo pacchetto di negoziati con l’UE è incomprensibile. L’UDC rifiuta fermamente qualsiasi legame istituzionale tra la Svizzera e l’UE. Il Consiglio federale deve chiarire all’UE che non ci sarà nessun accordo in cui la Svizzera si sottomette al diritto e ai giudici dell’Unione europea.

Secondo l’UDC, il percorso che il Consiglio federale vuole intraprendere nei nuovi negoziati con l’UE è vino vecchio in otri nuove: invece di un grande accordo quadro, il Consiglio federale è in cerca ora di molti piccoli accordi istituzionali. Un inganno che l’UDC respinge totalmente.

La posizione dell’UDC rimane invariata:

L’indipendenza della Svizzera non è negoziabile;

l’UDC si oppone risolutamente a qualsiasi accordo che comporti l’adozione automatica e obbligatoria (dinamica) del diritto europeo e la risoluzione delle controversie attraverso la Corte di giustizia europea;

– L’UDC è anche fermamente contraria al versamento continuo del contributo di coesione da parte della Svizzera.

Dopo la caduta dell’Accordo quadro, il Consiglio federale vuole ora placare l’UE con versamenti miliardari e convertire il cosiddetto miliardo di coesione, finora volontario, in una tassa di accesso obbligatoria al mercato da versare regolarmente. Per l’UDC, ciò è inaccettabile. Nessun paese al mondo paga una tassa di accesso ai mercati; inoltre, tali versamenti obbligatori all’UE creerebbero un pericoloso precedente e incoraggerebbero altri paesi a chiedere alla Svizzera tasse di accesso ai rispettivi mercati per l’esportazione dei prodotti svizzeri.

È anche ingenuo credere che il problema dell’incombente carenza di elettricità possa essere risolto attraverso un accordo sull’elettricità con l’UE. Come dimostra chiaramente l’attuale conflitto tra Russia e Ucraina, la Svizzera stessa deve garantire un approvvigionamento energetico indipendente ed economico. Non è pensabile di poter fare affidamento sull’UE, quando già i suoi Paesi membri non hanno abbastanza elettricità per se stessi.

Altro su questo tema
Comunicato stampa
Condividi articolo
01.07.2022
Ad un esame più attento, il rapporto del Consiglio federale sulla nutrizione si rivela del tutto inadeguato.... continua a leggere
Editoriale
Condividi articolo
09.06.2022, di Marcel Dettling
La guerra in Ucraina ci mostra ancora una volta chiaramente quanto le politiche sbagliate degli ultimi anni... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Finanze, imposte e tasse

Più per il ceto medio, meno per lo Stato.

Noi siamo la patria

Autonomi e sicuri di sè.

Trasporti

Basta ingorghi e misure vessatorie nel traffico stradale.

Economia e prosperità

Più libertà economica e meno burocrazia.

Sostenere la proprietà – rafforzare la libertà

NO alle espropriazioni, SÌ alla protezione della sfera privata.

Sanità

La qualità grazie alla concorrenza.

Politica degli stranieri

Riportare l’immigrazione a un livello ragionevole.

Energia

Per un approvvigionamento energetico con un futuro.

Esercito

La sicurezza della popolazione.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel.031 300 58 58 – Fax031 300 58 59 – E-Mail:info@svp.ch – IBAN:CH83 0023 5235 8557 0001 Y

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo