Comunicato stampa

Lo statuto S non deve più essere assegnato alla cieca

Il gruppo parlamentare dell’UDC si è riunito a Basilea in preparazione della sessione estiva. Durante la sessione estiva, l’UDC ha deciso di presentare proposte relative alla concessione dello statuto di protezione S ai rifugiati di guerra ucraini. In particolare, l’UDC chiede una restrizione regionale dello statuto S. Inoltre, è necessario porre fine all’abuso dello statuto S da parte dei migranti richiedenti asilo – nel frattempo, almeno 1.000 persone senza passaporto ucraino hanno ricevuto tale permesso.

È ovvio che la Svizzera aiuti coloro che fuggono dalla guerra in Ucraina. Negli ultimi tre mesi, la Confederazione ha accolto 50.000 persone provenienti dall’Ucraina; entro l’autunno, la Confederazione prevede l’arrivo di 120.000 persone, cui si aggiungono gli altri richiedenti asilo, i ricongiungimenti familiari e la migrazione regolare, ad esempio attraverso la libera circolazione delle persone. Se ciò accade il nostro piccolo paese crescerà di 250.000 persone solo nel 2022.

Per quanto giustificati siano gli aiuti per i rifugiati di guerra, le conseguenze finanziarie per il nostro paese saranno enormi. Per ogni 40.000 rifugiati, il governo federale prevede una spesa aggiuntiva di 1 miliardo di franchi svizzeri. 120.000 persone con lo statuto di protezione S costerebbero ai contribuenti svizzeri oltre 3 miliardi di franchi. E questo non include i costi sostenuti dai cantoni e dai comuni per le scuole, l’assistenza sociale o la sicurezza. È particolarmente scioccante che sia stato concesso lo statuto S ad almeno 1.000 persone che non hanno un passaporto ucraino, tra cui afghani, iracheni, nigeriani e algerini.

Pertanto, lo statuto S non deve più essere assegnato alla cieca. Nella riunione di oggi a Basilea, il gruppo UDC ha deciso all’unanimità di presentare le necessarie mozioni durante la sessione estiva:

“Revisione geografica regolare e dinamica e adeguamento dello statuto S”
La validità geografica dello Statuto S all’interno dell’Ucraina deve essere rivista regolarmente e in modo dinamico e, se necessario, adeguata. In particolare, se verrà confermato che la guerra in Ucraina – che è quasi 15 volte più grande della Svizzera – si sta spostando verso est. Non appena sarà possibile un ritorno sicuro nelle regioni occidentali, centrali o settentrionali dell’Ucraina, lo status di protezione dovrà essere concesso solo alle persone che ne hanno realmente bisogno. La possibilità di richiedere asilo in Svizzera non è influenzata da ciò.

“Procedura di asilo regolare invece dello statuto di protezione S per le persone provenienti dall’Ucraina occidentale, centrale e settentrionale”

Lo statuto S deve essere limitato alle persone provenienti dall’est e dal sud dell’Ucraina e dalla Crimea.

“Niente statuto S per le persone provenienti da paesi terzi”
Ai migranti che chiedono asilo deve essere impedito di abusare dello statuto S. Coloro che affermano di aver vissuto in Ucraina, o che vi hanno effettivamente vissuto prima della guerra ma non hanno un passaporto ucraino, dovrebbero tornare nel loro paese d’origine. I richiedenti asilo riconosciuti dall’Ucraina saranno esentati da questo obbligo.

L’esercito deve essere rafforzato immediatamente
Negli ultimi anni rosso-verdi hanno sistematicamente indebolito le Forze Armate svizzere. Alla luce della mutata situazione in materia di sicurezza dovuta alla guerra in Ucraina, l’incremento finanziario e di personale dell’esercito è oggi urgente. Il gruppo parlamentare UDC sostiene all’unanimità il “Messaggio sull’esercito 2022 (22.005)” e la mozione Salzmann “22.3034: Aumento del budget dell’esercito e incremento degli effettivi“.

Nel messaggio sullêsercito, il Consiglio federale propone al Parlamento crediti d’impegno per un totale di 9,3 miliardi di franchi. Questi includono anche l’acquisto degli aerei da combattimento F-35A e del sistema di difesa terrestre Patriot, nonché le relative misure di costruzione. Per quanto riguarda l’F-35A, il gruppo parlamentare UDC è favorevole al fatto che il Consiglio Federale firmi i contratti di acquisto immediatamente, al più tardi entro la scadenza della gara d’appalto del 31 marzo 2023.

Il gruppo UDC, invece, si oppone chiaramente allo smantellamento dei caccia Tiger F-5. I Tiger F-5 svolgono un’importante funzione nell’addestramento come cosiddetto display nemico e nel tiro aria-aria. Possono essere utilizzati per altri 20 o 30 anni, sono efficienti e poco costosi rispetto agli F/A-18.

Altro su questo tema
Editoriale
Condividi articolo
28.06.2022, di Thomas Hurter
Da qualche mese a questa parte, ci è stato improvvisamente fatto notare che noi, e diversi altri... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
09.05.2022
La guerra in Ucraina comporta conseguenze anche per le persone in Svizzera. I prezzi del carburante sono... continua a leggere
Editoriale
Condividi articolo
02.05.2022, di Peter Keller
Chi abbandona la neutralità distrugge le basi della pace e della prosperità in Svizzera. L'UDC rimane fedele... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Politica estera

Indipendenza e autodeterminazione.

Energia

Per un approvvigionamento energetico con un futuro.

Religione

Impegnarci per i nostri valori.

Sport

Buono per il corpo e per lo spirito.

Esercito

La sicurezza della popolazione.

Ambiente

Un ambiente dove sia bello vivere oggi e domani.

Sostenere la proprietà – rafforzare la libertà

NO alle espropriazioni, SÌ alla protezione della sfera privata.

Cultura

La cultura non è un compito dello Stato.

Politica d'asilo

Correggere finalmente il caos che regna nella politica d’asilo.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel.031 300 58 58 – Fax031 300 58 59 – E-Mail:info@svp.ch – IBAN:CH83 0023 5235 8557 0001 Y

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo