Comunicato stampa

L’UDC accende i fuochi della libertà in tutti i Cantoni della Svizzera

Per celebrare la fine dell’accordo istituzionale con l’UE e quindi la permanenza di una Svizzera libera e indipendente, l’UDC accende dei falò in tutti i 26 cantoni il 26 giugno 2021. A Morschach, l’ex Consigliere federale Christoph Blocher, il Presidente del partito Marco Chiesa e il Consigliere nazionale Roger Köppel invitano a restare vigili. I recenti successi nel dossier europeo e alle urne non devono però rendere il partito letargico. La lotta per la libertà e l’indipendenza continua.

I falò accesi in tutto il paese sono un segno di gratitudine. L’UDC festeggia la fine dell’accordo istituzionale con l’UE. L’azione simbolica viene lanciata con una manifestazione a Morschach (SZ) con la partecipazione del Presidente del partito e Consigliere agli Stati Marco Chiesa, dell’ex Consigliere federale Christoph Blocher e del Consigliere nazionale Roger Köppel.

Nel suo discorso di benvenuto, Marco Chiesa ha sottolineato l’importanza della grande tradizione svizzera di libertà che ha avuto origine intorno al lago dei Quattro Cantoni. Descrive i falò come segnali, visibili da lontano, di libertà e d’indipendenza che definiscono il nostro Paese – e senza i quali non esisterebbe più. “Stiamo quindi celebrando la fine dell’accordo istituzionale con l’UE. Un accordo che ci avrebbe sottoposto a leggi e giudici stranieri. “Se oggi siamo giunti a questo punto, è merito dell’UDC e – soprattutto – dell’ex Consigliere federale Christoph Blocher. Lo ringraziamo per i suoi anni di instancabile impegno a favore della nostra libertà e indipendenza.”

I recenti successi dell’UDC nel dossier europeo e alle urne hanno chiarito una cosa: “la popolazione non vuole la gauche caviar e l’eco-dittatura dei Verdi. Non vogliono politici che ci impongano come vivere e pensare. Ciò non è compatibile con il nostro Paese libero e indipendente”, ha detto Chiesa.

Christoph Blocher esorta alla vigilanza

Christoph Blocher descrive la rottura dei negoziati sull’accordo quadro come una “tappa importante”: “Siamo riusciti a preservare la libertà e l’indipendenza della Svizzera – per la prima volta con una decisione del Consiglio federale”. Ma l’UDC non dovrebbe adagiarsi ora sugli allori, ha dichiarato. “I falò d’alta quota sono anche un avvertimento nella storia svizzera. È così che la gente avvertiva da un posto all’altro ed esortava a restare vigili, è per questo che stiamo accendendo un falò in tutti i cantoni – state all’erta!” ha esortato Blocher. 

La diffidenza rimane il primo dovere di un cittadino, dice Roger Köppel. Tuttavia, la fine dell’accordo quadro è una buona notizia. “Il Consiglio federale ha capito che l’UE e la Svizzera sono istituzionalmente incompatibili. L’UE è costruita dall’alto verso il basso, la Svizzera è costruita dal basso verso l’alto. Non si possono agganciare le nostre istituzioni liberali – democrazia diretta, neutralità armata, federalismo – a un altro stato o a un’entità simile allo stato senza danneggiare, distruggere le istituzioni che costituiscono la nostra Svizzera”.

I falò sono organizzati dai partiti cantonali e dalle sezioni locali. In Ticino e in Vallese sono stati organizzati dei falò più piccoli a causa dell’elevato pericolo d’incendi all’aperto.

Discorso Marco Chiesa

Discorso Roger Köppel

Discorso Christoph Blocher

Contributi
Discorso
Condividi articolo
26.06.2021, di Roger Köppel
Caro Signor Presidente Caro ex consigliere federale Blocher Cari membri del Consiglio nazionale e del Consiglio degli... continua a leggere
Discorso
Condividi articolo
26.06.2021, di Christoph Blocher
Signor Presidente Rappresentanti di autorità e parlamenti Cari amici della Svizzera italiana Chèrs Amis de la Suisse... continua a leggere
Discorso
Condividi articolo
26.06.2021, di Marco Chiesa
Onorevole ex Consigliere federale Stimati Consiglieri nazionali e Consiglieri degli Stati Stimati Consiglieri di Stato Cara famiglia... continua a leggere
Altro su questo tema
Continua
Temi e posizioni
Politica estera

Indipendenza e autodeterminazione.

Religione

Impegnarci per i nostri valori.

L’essere umano, la famiglia, la comunità

Responsabilità individuale invece di massa sotto tutela.

Istituzioni sociali

Assicurare le Istituzioni sociali – combattere gli abusi.

Formazione

Fermare le riforme pretenziose e irrealistiche – tornare a una formazione orientata sulla pratica.

Media

Più pluralità, meno Stato.

Libertà e sicurezza

Difendere la libertà minacciata.

Cultura

La cultura non è un compito dello Stato.

Trasporti

Basta ingorghi e misure vessatorie nel traffico stradale.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel.031 300 58 58 – Fax031 300 58 59 – E-Mail:info@svp.ch – PC:30-8828-5

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo