Comunicato stampa

L’UDC aspetterà al varco i sostenitori della legge con la loro promessa di 40 franchi

L’UDC prende atto con delusione dell’accettazione della legge sull’energia. Grazie al referendum dell’UDC, i gravi inconvenienti della cosiddetta strategia energetica sono stati finalmente messi in luce ma, purtroppo, il ritardo accumulato rispetto alla propaganda ufficiale orchestrata da anni a favore di questa pericolosa “svolta energetica” no ha potuto essere recuperato. I sostenitori di questo progetto devono ora mantenere le loro promesse e garantire un approvvigionamento energetico sicuro, vantaggioso e sufficiente della Svizzera.

I partigiani della legge sull’energia non hanno smesso di sottolineare che questo progetto costerebbe soltanto 40 franchi l’anno per famiglia. La consigliera federale Doris Leuthard ha promesso di rinunciare ad aumenti d’imposta sui carburanti fino al 2035. I progressi tecnologici sono così enormi, ha affermato, che le cittadine e i cittadini non subiranno nuovi divieti e messe sotto tutela per raggiungere l’obiettivo finale, ossia una riduzione del 43% del consumo globale d’energia. L’UDC attenderà al varco i difensori della legge con le loro promesse, in particolare per ciò che concerne le imposte e le tasse. 
 
È grazie al referendum dell’UDC che il Consiglio nazionale ha rifiutato in Sistema d’incentivazione in materia energetica e climatica (SICE). È perciò evidente che, come promesso da tutte le parti, il Parlamento affosserà definitivamente questo progetto in occasione della prossima sessione delle Camere.

Condividi articolo
Altro su questo tema
Conferenza stampa
Condividi articolo
27.07.2020
L'UDC chiede il rinvio del Progetto AP22+ al Consiglio federale, con il mandato di rivedere completamente questo... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
27.07.2020
L'UDC chiede il rinvio del Progetto AP22+ al Consiglio federale, con il mandato di rivedere completamente questo... continua a leggere
Editoriale
Condividi articolo
24.07.2020, di Jean-Luc Addor
Dieci anni fa, nel 2010, accettando l’iniziativa per l’espulsione degli stranieri criminali, gli Svizzeri diedero al Parlamento... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Sanità

La qualità grazie alla concorrenza.

Finanze, imposte e tasse

Più per il ceto medio, meno per lo Stato.

Religione

Impegnarci per i nostri valori.

L’essere umano, la famiglia, la comunità

Responsabilità individuale invece di massa sotto tutela.

Media

Più pluralità, meno Stato.

Sostenere la proprietà – rafforzare la libertà

NO alle espropriazioni, SÌ alla protezione della sfera privata.

Esercito

La sicurezza della popolazione.

Istituzioni sociali

Assicurare le Istituzioni sociali – combattere gli abusi.

Cultura

La cultura non è un compito dello Stato.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel. 031 300 58 58 – Fax 031 300 58 59 – E-Mail: info@svp.ch – PC: 30-8828-5

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo