Comunicato stampa

L’UDC chiede che sia il popolo a decidere sul Patto per le migrazioni

L’UDC si rallegra della decisione del Consiglio federale di non partecipare all’adozione formale del Patto ONU per le migrazioni a Marrakech e di attendere l’esito del dibattito parlamentare prima di prendere definitivamente posizione su questa convenzione. Questo voltafaccia del governo è il risultato della pressione esercitata dall’UDC e si spiega anche con l’imminenza della votazione sull’iniziativa per l’autodeterminazione. Detto questo, il Consiglio federale si riserva sempre la possibilità di prendere lui solo la decisione finale in merito a questo patto.

Il Consiglio federale ha infatti annunciato oggi di essere sempre convinto dell’utilità del Patto per le migrazioni e di non ammettere che il Parlamento possa decidere l’approvazione o il rifiuto di questa convenzione. È già molto se permette al Parlamento di partecipare a questa riflessione. In altre parole, il Parlamento ha il diritto di parlare del Patto per le migrazioni, ma non quello di decidere in merito allo stesso. E ciò, nonostante che l’obiettivo di questo patto sia, né più né meno, l’introduzione di una libera circolazione delle persone a livello mondiale.

L’UDC invita il Consiglio federale a presentare il Patto per le migrazioni al Parlamento nella forma di decreto sottoposto a referendum. Il popolo svizzero deve poter decidere se vuole accettare un’immigrazione illimitata di migranti economici, per esempio provenienti dall’Africa.

Il miglior modo di proteggersi contro questa arroganza del governo è di dire SÌ il prossimo 25 novembre all’iniziativa per l’autodeterminazione. È il solo modo di garantire che il popolo mantenga l’ultima parola in affari di tale importanza.

Condividi articolo
Temi
Altro su questo tema
Comunicato stampa
Condividi articolo
16.08.2019
La Commissione delle istituzioni politiche del Consiglio nazionale (CIP-CN) rifiuta di controllare l’immigrazione e vuole mantenere il... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
26.07.2019
Con la sua sentenza di oggi (26.07.2019), il Tribunale federale costringe le banche svizzere a fornire dei... continua a leggere
Editoriale
Condividi articolo
26.07.2019, di Albert Rösti
Il 25 luglio 2019 è il 79° anniversario del famoso Rapporto del Grütli. In quell’anno 1940 –... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Sostenere la proprietà – rafforzare la libertà

NO alle espropriazioni, SÌ alla protezione della sfera privata.

Agricoltura

Per una produzione indigena.

Finanze, imposte e tasse

Più per il ceto medio, meno per lo Stato.

Sport

Buono per il corpo e per lo spirito.

Cultura

La cultura non è un compito dello Stato.

Sanità

La qualità grazie alla concorrenza.

Sicurezza, diritto e ordine

Proteggere le vittime e non i delinquenti.

Libertà e sicurezza

Difendere la libertà minacciata.

Politica degli stranieri

Riportare l’immigrazione a un livello ragionevole.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel. 031 300 58 58 – Fax 031 300 58 59 – E-Mail: info@svp.ch – PC: 30-8828-5

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo