Comunicato stampa

L’UDC chiede che sia il popolo a decidere sul Patto per le migrazioni

L’UDC si rallegra della decisione del Consiglio federale di non partecipare all’adozione formale del Patto ONU per le migrazioni a Marrakech e di attendere l’esito del dibattito parlamentare prima di prendere definitivamente posizione su questa convenzione. Questo voltafaccia del governo è il risultato della pressione esercitata dall’UDC e si spiega anche con l’imminenza della votazione sull’iniziativa per l’autodeterminazione. Detto questo, il Consiglio federale si riserva sempre la possibilità di prendere lui solo la decisione finale in merito a questo patto.

Il Consiglio federale ha infatti annunciato oggi di essere sempre convinto dell’utilità del Patto per le migrazioni e di non ammettere che il Parlamento possa decidere l’approvazione o il rifiuto di questa convenzione. È già molto se permette al Parlamento di partecipare a questa riflessione. In altre parole, il Parlamento ha il diritto di parlare del Patto per le migrazioni, ma non quello di decidere in merito allo stesso. E ciò, nonostante che l’obiettivo di questo patto sia, né più né meno, l’introduzione di una libera circolazione delle persone a livello mondiale.

L’UDC invita il Consiglio federale a presentare il Patto per le migrazioni al Parlamento nella forma di decreto sottoposto a referendum. Il popolo svizzero deve poter decidere se vuole accettare un’immigrazione illimitata di migranti economici, per esempio provenienti dall’Africa.

Il miglior modo di proteggersi contro questa arroganza del governo è di dire SÌ il prossimo 25 novembre all’iniziativa per l’autodeterminazione. È il solo modo di garantire che il popolo mantenga l’ultima parola in affari di tale importanza.

Condividi articolo
Temi
Altro su questo tema
Editoriale
Condividi articolo
24.07.2020, di Jean-Luc Addor
Dieci anni fa, nel 2010, accettando l’iniziativa per l’espulsione degli stranieri criminali, gli Svizzeri diedero al Parlamento... continua a leggere
Editoriale
Condividi articolo
13.07.2020, di Thomas Aeschi
La libera circolazione delle persone con l’UE impedisce che degli stranieri criminali siano effettivamente espulsi. Una nuova... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
30.06.2020
L'UDC accoglie con favore l’avvio, da parte del suo consigliere federale Ueli Maurer, di negoziati con la... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Politica d'asilo

Correggere finalmente il caos che regna nella politica d’asilo.

Politica estera

Indipendenza e autodeterminazione.

Economia e prosperità

Più libertà economica e meno burocrazia.

Cultura

La cultura non è un compito dello Stato.

Sostenere la proprietà – rafforzare la libertà

NO alle espropriazioni, SÌ alla protezione della sfera privata.

Agricoltura

Per una produzione indigena.

Energia

Per un approvvigionamento energetico con un futuro.

Libertà e sicurezza

Difendere la libertà minacciata.

L’essere umano, la famiglia, la comunità

Responsabilità individuale invece di massa sotto tutela.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel. 031 300 58 58 – Fax 031 300 58 59 – E-Mail: info@svp.ch – PC: 30-8828-5

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo