Comunicato stampa

L’UDC chiede il dimezzamento dei canoni Billag

L’UDC è delusa della decisione poco coraggiosa della commissione di politica mediatica del Consiglio nazionale. Questa ha infatti deciso di sottoporre l’iniziativa “NoBillag” al popolo senza controprogetto e con la raccomandazione di respingerla. Tutte le proposte di ridurre i canoni Billag sono state rifiutate: la commissione s’intestardisce a voler mantenere lo statu quo e non vuole risparmiare un solo centesimo. Di fronte a questa decisione, l’UDC ha depositato un controprogetto che chiede il dimezzamento del canone radio/TV. Il Parlamento avrà così di fronte un’alternativa su cui potrà dibattere durante la prossima sessione autunnale delle Camere.

Il Consiglio nazionale e il Consiglio degli Stati stanno discutendo da mesi sul servizio pubblico. Il rapporto del Consiglio federale su questo tema è giunto alla conclusione che il mandato di servizio pubblico della SSR/SRG dovrebbe essere rivisto e precisato. Perfino il Consiglio federale ritiene che la SSR/SRG debba distinguersi più chiaramente dai produttori commerciali e rinunciare talvolta a delle prestazioni che sono già prodotte da aziende mediatiche private. Questa discussione non ha tuttavia finora dato dei risultati: tutti i progetti di riforma sono stati rifiutati, come pure i controprogetti all’iniziativa “NoBillag” presentati fino a oggi.

L’iniziativa “NoBillag” proibisce il prelievo di canoni di ricezione ed esige inoltre che il mercato mediatico sia organizzato in maniera totalmente privata. Di parere totalmente opposto a questo progetto, la SSR/SRG, il Consiglio federale, il Consiglio degli Stati e la maggioranza della commissione del Consiglio nazionale, vogliono mantenere lo statu quo e rifiutano qualsiasi risparmio concernente la SSR/SRG. Il fatto che anche la proposta di limitare i mezzi finanziari della SSR/SRG a 1,1 miliardi di franchi l’anno, ciò che equivarrebbe a un risparmio dell’8,5% rispetto a oggi, sia stata rifiutata, la dice lunga sulla testardaggine dei sostenitori della SSR/SGR. Uno sforzo che va da sé per qualunque PMI, improvvisamente sembra impossibile per la SSR/SRG.

L’UDC si batte per gli interessi dei consumatori e di coloro che pagano il canone radio/TV. Non è tollerabile che, nella svolta tecnologica attuale, che permette a Internet d’offrire una scelta mediatica più grande che mai, delle reti televisive e radiofoniche statali ricevano sempre più mezzi finanziari. Questa politica aumenta le distorsioni del mercato mediatico a scapito dei produttori privati. L’UDC è delusa di essere il solo partito di destra a difendere una posizione liberale in politica mediatica, impegnandosi per una riduzione del canone Billag.

La proposta della minoranza di dimezzare il canone radio/TV dà al Consiglio nazionale l’opportunità di trovare, il prossimo autunno, un compromesso fra la soppressione del canone e la regolamentazione attuale. Se anche questa idea fallisce, l’UDC dovrà seriamente chiedersi se il sostegno all’iniziativa “NoBillag” non sia infine il solo modo per impegnarsi a favore di un panorama mediatico liberale e diverso.

Condividi articolo
Temi
Altro su questo tema
Editoriale
Condividi articolo
12.02.2019, di Gregor Rutz
Le discussioni sulla giustificazione e l’ammontare dell’imposta mediatica non cessano da quando la revisione della legge sulla... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
22.06.2018
La nuova legge sui media elettronici che il Consiglio federale ha messo in consultazione oggi (22.06.2018), permetterà... continua a leggere
Discorso
Condividi articolo
02.02.2018, di Céline Amaudruz
Ci fu un tempo quando il canone radio-TV aveva senz’altro senso. A quell’epoca, radio e televisioni private... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Finanze, imposte e tasse

Di più al ceto medio, meno allo Stato.

Proprietà

Contro l’esproprio, per la protezione della sfera privata.

Politica culturale

La cultura spetta alla cultura e basta.

Sicurezza

Punire i criminali, invece di coccolarli.

Cittadini & Stato

Difendere la libertà minacciata.

Energia

Per un approvvigionamento energetico sicuro ed economico.

Formazione

Formazione orientata sulla pratica invece di smania di riforme.

Trasporti

Via libera senza vessazioni.

Politica economica

Più libertà economica, invece di burocrazia.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel. 031 300 58 58 – Fax 031 300 58 59 – E-Mail: info@svp.ch – PC: 30-8828-5

Inoltra questa pagina


Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo