Comunicato stampa

L’UDC esige una votazione popolare sul miliardo per la coesione dell’UE

Il Consiglio federale ha deciso oggi (28.03.2018) di versare all’UE un ulteriore miliardo – in realtà 1,3 miliardi di franchi – per la coesione di Stati dell’Europa dell’est. E ciò senza alcuna contropartita da Bruxelles. L’UDC esige che un progetto di legge sia sottoposto al referendum affinché il popolo svizzero possa decidere su questo nuovo e inutile contributo all’UE.

La consigliera federale Doris Leuthard, allora presidente della Confederazione, aveva avuto parole forti commentando, il 21 dicembre, la decisione puramente politica dell’UE di riconoscere solo provvisoriamente l’equivalenza della borsa svizzera. Aveva perfino espresso dei dubbi sulla legalità del limite di questo riconoscimento a un anno. Il Consiglio federale prenderà delle misure per rispondere a questa “misura discriminatoria” dell’UE, aveva affermato a gran voce. Si trattava di sopprimere il diritto di bollo e di rivalutare il contributo della Svizzera all’estensione a est dell’UE, meglio noto come “miliardo per la coesione”. Oggi, il Consiglio federale sembra essersi spaventato di fronte alla sua stessa determinazione manifestata qualche mese fa. Come spiegare altrimenti, che mette in consultazione il progetto di offrire ancora una volta all’UE questo miliardo per la coesione, senza ottenere la benché minima contropartita da Bruxelles?

Bi sogna ricordare che, di principio, dei premi di questo genere per ottenere l’accesso al mercato sono una mostruosità dal punto di vista della teoria e del diritto al commercio. Non è uso né in accordi commerciali bilaterali, né in accordi mondiali (OMS), che il paese con il potenziale commerciale più piccolo versi a quello dal potenziale più grande un tale pagamento detto di compensazione. È una ragione in più, secondo l’UDC, per opporsi a questo versamento.

Bisogna anche che il contribuente svizzero, in vista della votazione chiesta dall’UDC, possa farsi un’idea precisa dei progetti che l’ultimo miliardo per la coesione è servito a finanziare. Ecco qualche esempio:

  • know-how svizzero per incoraggiare il turismo nei Carpazi polacchi: CHF 4.8 Mio;
  • rinaturazione del fiume Raba: CHF 1.2 Mio;
  • un centro per l’incoraggiamento degli scambi culturali a Cipro: CHF 153’000;
  • la sorveglianza delle specie protette a Vas, Zala e Somogy: CHF 1 Mio;
  • la scoperta della storia della siderurgia a Zemplinske Hamre: CHF 1.2 Mio.

Oltre al miliardo per la coesione, ossia 1,1 miliardi di franchi, che si basa sulla legge per l’aiuto ai paesi dell’est, il Consiglio federale progetta di versare all’UE 200 milioni di franchi nel settore della migrazione basandosi sulla legge sull’asilo. Si tratta di un miscuglio di obiettivi che non hanno un rapporto diretto fra di loro, dunque di una violazione del principio dell’unità di materia. Il diritto in vigore esige la presentazione di due progetti legislativi separati.

L’UDC invita il Consiglio federale e tutti gli altri partiti a presentare al popolo un decreto sottoposto a referendum, affinché le Svizzere e gli Svizzeri possano decidere su questo versamento insensato di 1,3 miliardi di franchi per la coesione dell’UE. Cosa che chiede anche il consigliere nazionale Albert Rösti, presidente di UDC Svizzera, nella sua mozione del 15 marzo 2018 (in tedesco).

Condividi articolo
Temi
Altro su questo tema
Comunicato stampa
Condividi articolo
07.06.2019
Grazie alle costanti pressioni dell’UDC, il Consiglio federale non ha firmato l’accordo-quadro istituzionale con l’UE. Ma la... continua a leggere
Editoriale
Condividi articolo
06.05.2019, di Thomas Matter
L'immigrazione incontrollata in Svizzera pone sempre più problemi. Alle Svizzere e agli Svizzeri rimane sempre meno denaro... continua a leggere
Discorso
Condividi articolo
30.03.2019, di Magdalena Martullo-Blocher
L’accordo-quadro istituzionale è tutto salvo che tagliato su misura. Non una sola volta, i sarti dell’UE, hanno... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Politica degli stranieri

Riportare l’immigrazione a un livello ragionevole.

Agricoltura

Per una produzione indigena.

L’essere umano, la famiglia, la comunità

Responsabilità individuale invece di massa sotto tutela.

Religione

Impegnarci per i nostri valori.

Sostenere la proprietà – rafforzare la libertà

NO alle espropriazioni, SÌ alla protezione della sfera privata.

Noi siamo la patria

Autonomi e sicuri di sè.

Politica d'asilo

Correggere finalmente il caos che regna nella politica d’asilo.

Istituzioni sociali

Assicurare le Istituzioni sociali – combattere gli abusi.

Politica estera

Indipendenza e autodeterminazione.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel. 031 300 58 58 – Fax 031 300 58 59 – E-Mail: info@svp.ch – PC: 30-8828-5

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo