Comunicato stampa

L’UDC respinge fermamente il pagamento di una tassa d’accesso al mercato

Dopo la rottura dei negoziati, il Consiglio federale vuole mostrarsi accondiscendente nei confronti di Bruxelles e convertire il pagamento volontario del cosiddetto miliardo di coesione all’Unione europea in una sorta di tassa vincolante di accesso al mercato. L’UDC respinge fermamente questa possibilità. Nessun paese al mondo paga simili contributi. La Svizzera rischierebbe inoltre di creare un pericoloso precedente, e potrebbe trovarsi di fronte a simili richieste da parte di altri paesi.

Dopo la fine dell’accordo quadro, il Consiglio federale pare sia ora intenzionato a placare l’UE con versamenti miliardari e convertire il cosiddetto contributo di coesione, che finora era volontario, in una regolare e vincolante tassa di accesso al mercato unico. Per l’UDC ciò è inaccettabile. In primo luogo, perché nessun paese al mondo paga un contributo di accesso a un mercato. In secondo luogo, tali versamenti vincolanti a favore dell’UE diventerebbero presto la norma e incoraggerebbero anche altri paesi a chiedere alla Svizzera contributi simili di accesso al proprio mercato per l’esportazione dei prodotti svizzeri. La nostra industria d’esportazione non ne ha assolutamente bisogno. I prodotti svizzeri vengono acquistati all’estero per la loro qualità eccezionale e non perché la Svizzera paga per il loro acquisto. Senza tener conto che la bilancia commerciale e totalmente a favore dell’UE, dovrebbe essere piuttosto Bruxelles a pagare una tassa di accesso al mercato svizzero.

Per quanto riguarda le misure di ritorsione di Bruxelles contro il nostro Paese, il Consiglio federale dichiara di voler garantire che la Svizzera non sia discriminata dall’UE. Secondo l’UDC, queste non sono altro che parole vuote fintanto che non si esige chiaramente che i contatti tra la Svizzera e l’UE avvengano su un piano di parità e nel rispetto della democrazia diretta e dell’indipendenza del nostro paese. L’UDC esige che il Consiglio federale ripaghi Bruxelles con la sua stessa moneta, approntando contromisure ritorsive in risposta alle rappresaglie dell’Unione europea. Ciò finché non rispetterà pienamente i suoi obblighi nell’ambito degli accordi bilaterali e continuerà a mettere la Svizzera in una posizione di svantaggio.

Condividi articolo
Altro su questo tema
Comunicato stampa
Condividi articolo
28.04.2021
La posizione risoluta del presidente Guy Parmelin a Bruxelles non deve oscurare il fatto che la maggioranza... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
27.01.2021
È positivo che la maggioranza di centro-sinistra del Consiglio federale abbia accolto almeno alcune delle richieste dell'UDC... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Politica estera

Indipendenza e autodeterminazione.

Ambiente

Un ambiente dove sia bello vivere oggi e domani.

Sanità

La qualità grazie alla concorrenza.

Esercito

La sicurezza della popolazione.

Politica degli stranieri

Riportare l’immigrazione a un livello ragionevole.

Agricoltura

Per una produzione indigena.

Religione

Impegnarci per i nostri valori.

Libertà e sicurezza

Difendere la libertà minacciata.

Sicurezza, diritto e ordine

Proteggere le vittime e non i delinquenti.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel. 031 300 58 58 – Fax 031 300 58 59 – E-Mail: info@svp.ch – PC: 30-8828-5

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo