Comunicato stampa

Fake news dal Tagesanzeiger e dalla NZZ: Marco Chiesa non esige la vaccinazione obbligatoria!

Sia il Tagesanzeiger che la NZZ titolano che il presidente dell’UDC Marco Chiesa vorrebbe obbligare gli infermieri a vaccinarsi. Questa affermazione è falsa e non è stata fatta da Marco Chiesa. In realtà Marco Chiesa ha richiamato l’attenzione sulla diminuzione massiccia dell’efficacia protettiva dei vaccini.

In un’intervista al Tagesanzeiger del 16 novembre, Marco Chiesa ha dichiarato chiaramente di essere contrario a un obbligo generale di vaccinazione. Per chi ha a che fare con persone vulnerabili, tuttavia, la vaccinazione avrebbe un certo senso. Ma i test sarebbero ancora più sicuri, visto che le persone vaccinate risultano essere comunque contagiose. Il Tagesanzeiger ha in seguito titolato l’intervista in questo modo: “Il leader dell’UDC esige la vaccinazione obbligatoria per il personale infermieristico”. Fake news che la NZZ ha poi diffuso senza esitazione alcuna.

In realtà, Marco Chiesa si è pronunciato a favore di un aumento dei test. Alla base di questa dichiarazione ci sono i risultati di un nuovo studio svedese, che dimostra che i vaccini di Pfizer, Moderna e AstraZeneca perdono significativamente la loro efficacia protettiva già dopo sei mesi.

“Il Consiglio federale e l’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), rendendo obbligatorio il certificato covid, danno alla popolazione un falso senso di sicurezza”, dichiara Marco Chiesa. La vaccinazione è un supporto contro i decorsi gravi. Tuttavia, poiché l’efficacia protettiva della vaccinazione diminuisce considerevolmente nel tempo, il certificato non rappresenta una garanzia di non essere contagiati o di non contagiare gli altri. “Gli unici mezzi che possono portare un certo grado di sicurezza, soprattutto nelle strutture sociosanitarie, sono i test regolari”, ribadisce Chiesa. “Se il Consiglio federale e l’UFSP si preoccupassero davvero di proteggere i gruppi a rischio, decreterebbero l’obbligo di test per tutti coloro che lavorano in queste istituzioni e offrirebbero nuovamente i test alla popolazione – vaccinata e non – gratuitamente.”

Condividi articolo
Temi
Altro su questo tema
Comunicato stampa
Condividi articolo
09.05.2022
La guerra in Ucraina comporta conseguenze anche per le persone in Svizzera. I prezzi del carburante sono... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
27.04.2022
Il fatto che l'ufficio dell'ombudsman della SSR classifichi il palese superamento dei limiti da parte del presentatore... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
21.04.2022, di Albert Rösti
La modifica della legge sui trapianti proposta dal Consiglio federale e dal Parlamento è molto vicina a... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Sicurezza, diritto e ordine

Proteggere le vittime e non i delinquenti.

Energia

Per un approvvigionamento energetico con un futuro.

Economia e prosperità

Più libertà economica e meno burocrazia.

L’essere umano, la famiglia, la comunità

Responsabilità individuale invece di massa sotto tutela.

Esercito

La sicurezza della popolazione.

Politica degli stranieri

Riportare l’immigrazione a un livello ragionevole.

Noi siamo la patria

Autonomi e sicuri di sè.

Istituzioni sociali

Assicurare le Istituzioni sociali – combattere gli abusi.

Sanità

La qualità grazie alla concorrenza.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel.031 300 58 58 – Fax031 300 58 59 – E-Mail:info@svp.ch – IBAN:CH83 0023 5235 8557 0001 Y

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo