Comunicato stampa

No alla vaccinazione obbligatoria e all’attacco ai nostri figli

Ovviamente, il Consiglio Federale sta conservando l’inasprimento delle misure restrittive per dopo il voto sulla legge Covid-19. L’UDC respinge risolutamente qualsiasi ulteriore inasprimento delle restrizioni e continuerà a battersi contro il principio del 2G, la vaccinazione obbligatoria e la vaccinazione dei minori dopo il 28 novembre. Poiché l’efficacia dei vaccini in termini di protezione contro l’infezione diminuisce massicciamente dopo pochi mesi, l’UDC ritiene che solo un aumento dei test abbia ora un senso. I test devono tornare a essere gratuiti. Per proteggere i gruppi a rischio, sono necessari più test negli ospedali e nelle strutture sociosanitarie.

Si può supporre che il Consiglio federale non voglia inasprire di nuovo le misure restrittive fino a dopo la votazione sulla legge Covid-19. L’UDC respinge chiaramente un ulteriore inasprimento delle restrizioni. Anche i piani dei Cantoni di limitare ulteriormente la libertà e i diritti fondamentali non sono opportuni. Tutte le misure devono essere proporzionali, ragionevoli ed efficaci.

Su questa base, l’UDC ha perseguito una strategia cristallina fin dall’inizio della pandemia: i gruppi a rischio devono essere protetti senza limitare inutilmente e arbitrariamente la libertà all’interno della società e dell’economia. Il Consiglio federale e l’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) hanno un chiaro dovere: devono finalmente garantire in modo efficace la protezione delle persone oltre i 65 anni. Più test sono una soluzione appropriata, specialmente nelle strutture sociosanitarie. Dato che i vaccini non proteggono più dall’infezione del virus dopo alcuni mesi, i test offrono garanzie di sicurezza maggiori del certificato. È incomprensibile che il Consiglio federale non prenda ancora una posizione chiara sul fatto che l’efficacia protettiva contro l’infezione – a seconda del vaccino – si esaurisce molto più velocemente e più fortemente di quanto si pensi. Qui il Consiglio federale deve finalmente comunicare in modo chiaro.

La Confederazione, in questo ambito, ha in ogni caso fallito. La strategia vaccinale deve rivolgersi alle persone anziane e a quelle con malattie pregresse, compresa la cosiddetta vaccinazione di richiamo. Invece di garantire la loro sicurezza, la Confederazione preferisce spendere milioni di franchi in concerti propagandistici dinanzi a platee vuote, dove artisti di Stato selezionati vengono pagati a peso d’oro.

No alla vaccinazione obbligatoria
Le restrizioni arbitrarie e senza alcuna evidenza epidemiologica emanate nella caotica gestione della crisi pandemica da parte del consigliere federale del PS Alain Berset, non solo non hanno raggiunto il loro obiettivo a livello di politica sanitaria, ma hanno anche scosso la fiducia nella politica stessa e hanno profondamente diviso la società. Questo è il motivo per cui l’UDC chiede con forza:

  • Nessuna introduzione del principio del 2G.
  • La vaccinazione obbligatoria è fuori questione.
  • Nessuna vaccinazione per i bambini. Il corpo non appartiene allo Stato, tutti hanno diritto all’integrità fisica.
  • Il Governo federale deve finalmente ammettere che il certificato è una farsa perché l’effetto protettivo della vaccinazione contro l’infezione tende a zero dopo quattro-sette mesi.
  • I test devono tornare ad essere offerti ai cittadini. Le innumerevoli scoperte in materia di vaccinazione dimostrano che solo i test garantiscono la sicurezza.
  • In uno Stato di diritto come quello svizzero, non dovrebbero trovare spazio licenziamenti e serrate basati sullo stato di vaccinazione o sul 2G.
  • La protezione delle frontiere va rafforzata. Attualmente, i frontalieri e i clandestini entrano in Svizzera ogni giorno – questi ultimi si nascondono pure. Allo stesso tempo, i cittadini svizzeri senza un certificato covid non possono più nemmeno andare a prendere un caffè.

Conclusione: l’UDC respinge fermamente la vaccinazione obbligatoria dei bambini, la vaccinazione obbligatoria per tutti e il divieto di lavoro per i non vaccinati. Per gestire finalmente la crisi in modo efficiente, l’UDC esige un aumento dei posti di terapia intensiva e un’offensiva formativa del personale necessario (invece di ridurre le capacità durante la pandemia, come assurdamente è successo). Le restrizioni per la popolazione che non è stata contagiata dal coronavirus dovrebbero essere revocate.

Altro su questo tema
Comunicato stampa
Condividi articolo
02.12.2021
L'UDC respinge risolutamente l'irresponsabile politica finanziaria della sinistra e chiede che venga rispettato il collaudato freno all'indebitamento.... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
30.11.2021
Il gruppo parlamentare dell'UDC riconosce e accetta i risultati delle votazioni di domenica. Nella sua riunione di... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
28.11.2021
L'UDC prende atto con rammarico del SÌ popolare all’inasprimento della legge Covid-19. Ciò non deve ora giustificare... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Ambiente

Un ambiente dove sia bello vivere oggi e domani.

Esercito

La sicurezza della popolazione.

Finanze, imposte e tasse

Più per il ceto medio, meno per lo Stato.

Religione

Impegnarci per i nostri valori.

Noi siamo la patria

Autonomi e sicuri di sè.

Sostenere la proprietà – rafforzare la libertà

NO alle espropriazioni, SÌ alla protezione della sfera privata.

Energia

Per un approvvigionamento energetico con un futuro.

Politica d'asilo

Correggere finalmente il caos che regna nella politica d’asilo.

Sanità

La qualità grazie alla concorrenza.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel.031 300 58 58 – Fax031 300 58 59 – E-Mail:info@svp.ch – PC:30-8828-5

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo