Comunicato stampa

NO alle rendite per i figli di rifugiati viventi all’estero

Il Tribunale federale ha pubblicato ieri una sentenza che accorda ai figli di rifugiati una rendita AI anche se non vivono in Svizzera. Questa possibilità si spiega con una lacuna legislativa dovuta a una disattenzione del Parlamento. L’UDC intende colmarla e depositerà una proposta in questo nella seduta di domani della Commissione delle istituzioni politiche del Consiglio degli Stati (CIP-CS).

Questa sentenza del Tribunale federale spalanca evidentemente la porta a qualsiasi tipo di abuso. Così, né il domicilio né la nazionalità dei figli avrà un ruolo nell’attribuzione di una rendita per i figli a dei rifugiati riconosciuti. Nella fattispecie, un rifugiato riconosciuto originario del Ciad che percepisce una rendita AI, ha rivendicato una rendita per le sue due figlie, concepite furi del matrimonio e abitanti in Francia. Il servizio AI del canton Berna aveva respinto la domanda. Infatti, secondo un altro giudizio del Tribunale federale, i figli di rifugiati devono essere domiciliati in Svizzera per avere diritto a una rendita.

Le Svizzere e gli Svizzeri non sono subordinati a questo obbligo. E siccome, conformemente alla convenzione sui rifugiati, i rifugiati riconosciuti hanno diritto allo stesso trattamento degli indigeni, il Tribunale federale ha ritenuto che una rendita dovesse essere versata anche per i figli di rifugiati, residenti all’estero. La corte suprema svizzera sottolinea nella sua motivazione che il legislatore non aveva avuto l’intenzione, nel suo decreto federale, di derogare dalla convenzione sui rifugiati.

È intollerabile, per l’UDC, che né il domicilio, né la nazionalità dei figli siano considerati per l’attribuzione di una rendita per i figli a dei rifugiati riconosciuti. Questa lacuna è un invito agli abusi, per esempio tramite false dichiarazioni concernenti presunti figli. L’UDC intende correggere questo errore legislativo e depositerà una proposta in questo senso in occasione della seduta della CIP-CS di domani.

Altro su questo tema
Comunicato stampa
Condividi articolo
22.05.2020
Il numero di persone entrate illegalmente in Svizzera è fortemente calato grazie all’intensificazione dei controlli alle frontiere... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
18.05.2020
La Commissione della politica di sicurezza del Consiglio nazionale (CPS-CN) esamina oggi un progetto di legge che... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
15.05.2020
È urgente rivedere il Codice di procedura penale svizzero. L’attuale legge protegge i delinquenti a tal punto... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Politica estera

Indipendenza e autodeterminazione.

Trasporti

Basta ingorghi e misure vessatorie nel traffico stradale.

Politica degli stranieri

Riportare l’immigrazione a un livello ragionevole.

Agricoltura

Per una produzione indigena.

Cultura

La cultura non è un compito dello Stato.

Media

Più pluralità, meno Stato.

Noi siamo la patria

Autonomi e sicuri di sè.

Sport

Buono per il corpo e per lo spirito.

Finanze, imposte e tasse

Più per il ceto medio, meno per lo Stato.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel. 031 300 58 58 – Fax 031 300 58 59 – E-Mail: info@svp.ch – PC: 30-8828-5

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo