Comunicato stampa

Non mettere a rischio la protezione e il benessere degli abitanti della Svizzera

La decisione concernente la sostituzione degli aerei da combattimento in servizio dal 1978 e dal 1996 sarà presa il 27 settembre 2020. Gli avversari di questo progetto, il Gruppo per una Svizzera senza esercito (GSSE), il PS e i Verdi hanno depositato oggi il numero richiesto di firme per il referendum. Ancora una volta, la sinistra ecologista minaccia la sicurezza degli abitanti della Svizzera.

Per l’UDC, la sicurezza del paese e dei suoi abitanti è la prima delle priorità. Essa sostiene perciò il rinnovamento delle forze aeree e non ha assolutamente alcuna comprensione per l’opposizione manifestata dal GSSE e dai suoi complici eco-socialisti. L’UDC è convinta che la modernizzazione delle forze aeree è una preoccupazione importante delle cittadine e dei cittadini svizzeri. Elemento essenziale dell’esercito, le forze aeree preservano gli abitanti della Svizzera dalle minacce provenienti dallo spazio aereo. Ogni paese neutrale e sovrano è tenuto a proteggere la propria popolazione. Per poter svolgere questo mandato ance in futuro, gli aerei in servizio oggi devono essere rimpiazzati con materiale moderno. I nuovi aerei saranno impiegati come sempre durante più di 30 anni.

Finanziamento tramite il budget ordinario dell’esercito

L’acquisto degli aerei è finanziato tramite il budget ordinario dell’esercito. I mezzi disponibili sono ripartiti di conseguenza. Affermare che questo denaro potrebbe essere impiegato meglio, significa dimenticare che lo Stato ha diversi compiti. Uno dei più importanti di questi è appunto quello di garantire la sicurezza e la protezione degli abitanti della Svizzera. Spendere questi fondi per altri scopi significherebbe rinunciare a una parte di questa protezione. Per l’UDC, questa idea è inaccettabile.

Il servizio quotidiano di polizia aerea (anche in tempo di pace), la protezione delle conferenze e, in caso di crisi, la difesa nazionale, possono essere assicurati unicamente da aerei da combattimento moderni. Nessun drone, nessun elicottero e nessun aereo d’addestramento può coprire l’ampio ventaglio di impegni. Non esiste alternativa a una forza aerea moderna. L’unico scopo di questo rinnovamento è di poter mantenere la protezione degli abitanti di questo paese e, di conseguenza, di garantire anche in futuro la libertà, l’indipendenza e la prosperità della Svizzera. Ecco perché l’UDC sosterrà, il 27 settembre 2020, il rinnovamento delle forze aeree.

Condividi articolo
Altro su questo tema
Editoriale
Condividi articolo
11.08.2022, di Marco Chiesa
In questi giorni, chiunque legga i media noterà tre cose: 1. I giornalisti di sinistra sono particolarmente... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
29.07.2022, di Marco Chiesa
Una storia di successo lunga 731 anni: In nessun altro Paese i cittadini godono di tanta libertà,... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
29.07.2022, di Peter Keller
Il Consiglio federale e gli altri partiti stanno abbandonando scelleratamente la neutralità. Così facendo, mettono in pericolo... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Trasporti

Basta ingorghi e misure vessatorie nel traffico stradale.

Energia

Per un approvvigionamento energetico con un futuro.

Sanità

La qualità grazie alla concorrenza.

Sostenere la proprietà – rafforzare la libertà

NO alle espropriazioni, SÌ alla protezione della sfera privata.

Istituzioni sociali

Assicurare le Istituzioni sociali – combattere gli abusi.

Formazione

Fermare le riforme pretenziose e irrealistiche – tornare a una formazione orientata sulla pratica.

Media

Più pluralità, meno Stato.

Internet e digitalizzazione
Per un Internet libero.
Cultura

La cultura non è un compito dello Stato.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel.031 300 58 58 – Fax031 300 58 59 – E-Mail:info@svp.ch – IBAN:CH83 0023 5235 8557 0001 Y

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo