Comunicato stampa

Patto ONU per le migrazioni: i primi effetti dell’iniziativa per l’autodeterminazione

Dopo la Commissione delle istituzioni politiche del Consiglio nazionale, la stessa commissione del Consiglio degli Stati approva una mozione invitante il Consiglio federale a non firmare il Patto per le migrazioni dell’ONU e a sottoporre questo progetto al parlamento, affinché quest’ultimo prenda una decisione soggetta a referendum.

L’UDC è lieta di constatare che la Commissione delle istituzioni politiche del Consiglio degli Stati ha dato seguito alla proposta del consigliere agli Stati UDC, Peter Föhn, di indirizzare questa mozione al governo. Il Patto per le migrazioni è anticostituzionale: esso è diametralmente opposto al principio di una gestione autonoma dell’immigrazione, che il sovrano svizzero ha approvato nel 2014. Questo patto incoraggia infatti la migrazione, cancellando la differenza fra le persone in cerca di sicurezza e quelle che cercano delle migliori condizioni di vita. Esso favorisce l’immigrazione nei sistemi sociali, depenalizza gli attraversamenti illegali delle frontiere, facilita il ricongiungimento familiare e complica l’espulsione.

Il Consiglio federale ha tentato di cortocircuitare il parlamento con questo Patto per le migrazioni. Fatica inutile, perché l’UDC s’è opposta fin dall’inizio alla sottoscrizione di questa convenzione. Fortunatamente, le due commissioni parlamentari competenti esigono un dibattito in parlamento. In vista dei colloqui di Casa de Wattenwille del 9 novembre, il consigliere nazionale e presidente dell’UDC, Albert Rösti, ha indirizzato una lettera al PLR e al PPD per invitarli a far comprendere con un’unica voce al Consiglio federale che la firma di questo patto deve essere sospesa e sottoposta a referendum. Il popolo deve potersi pronunciare su questo patto, perché è lui che alla fine dovrà pagare la fattura di un’immigrazione senza limiti.

Altro su questo tema
Discorso
Condividi articolo
30.03.2019, di Magdalena Martullo-Blocher
L’accordo-quadro istituzionale è tutto salvo che tagliato su misura. Non una sola volta, i sarti dell’UE, hanno... continua a leggere
Discorso
Condividi articolo
30.03.2019
Ancora una volta sentiamo le messe in guardia o, più esattamente, le minacce dei grandi gruppi industriali... continua a leggere
Discorso
Condividi articolo
30.03.2019, di Jean-François Rime
La direttiva UE sulle armi (direttiva 91/477/CEE sul controllo, l’acquisizione e la proprietà di armi) è stata... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Politica estera

Indipendenza e autodeterminazione.

Sostenere la proprietà – rafforzare la libertà

NO alle espropriazioni, SÌ alla protezione della sfera privata.

L’essere umano, la famiglia, la comunità

Responsabilità individuale invece di massa sotto tutela.

Agricoltura

Per una produzione indigena.

Politica degli stranieri

Riportare l’immigrazione a un livello ragionevole.

Energia

Per un approvvigionamento energetico con un futuro.

Cultura

La cultura non è un compito dello Stato.

Sicurezza, diritto e ordine

Proteggere le vittime e non i delinquenti.

Ambiente

Un ambiente dove sia bello vivere oggi e domani.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel. 031 300 58 58 – Fax 031 300 58 59 – E-Mail: info@svp.ch – PC: 30-8828-5
Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo