Comunicato stampa

Patto per le migrazioni: il Consiglio federale impedisce al popolo di partecipare alla decisione

Il Consiglio federale ha deciso oggi di presentare il Patto dell’ONU per le migrazioni al Parlamento, sotto forma di decreto federale semplice. Esso impedisce così un referendum, dunque la partecipazione del popolo a questa decisione greve di conseguenze.

Questa decisione del Consiglio federale è un affronto al popolo, ritiene l’UDC. Il governo impedisce alla popolazione di avere l’ultima parola in questo dibattito, mentre sarebbe proprio questa a sopportare poi le conseguenze finanziarie e tutti gli altri effetti negativi di un’immigrazione incontrollata.

Il Patto dell’ONU per le migrazioni ha delle conseguenze gravi per i paesi che vi aderiscono, perché provoca una libera circolazione delle persone a livello mondiale. La sua principale conseguenza è un arrivo in massa di migranti economici, un’immigrazione della povertà di cui soffrirebbe il nostro sistema sociale già messo esageratamente a dura prova. I sostenitori di questo patto contestano questo dato di fatto. In un’intervista recentemente diffusa dalla radio svizzero-tedesca a Michelle Bachelet, socialista cilena e alto commissario dell’ONU per i diritti dell’uomo, indica chiaramente lo spirito di questa convenzione. Bachelet presenta l’immigrazione come un fenomeno inevitabile e unicamente positivo. L’obiettivo del patto è di permettere a tutti d’immigrare liberamente e legalmente nel paese di loro scelta. Per coronare il tutto, Bachelet si dice convinta che la Svizzera finirà per approvarlo. Secondo lei, si tratta solo di discuterlo prima di sottoscriverlo.

La decisione di oggi del Consiglio federale rende del tutto realistiche le affermazioni di Bachelet. La manovra del governo impedisce una procedura conforme alla democrazia diretta e mira a forzare il passaggio a un patto per le migrazioni senza alcuna legittimità democratica.

L’UDC continua quindi a esigere che sia presentato al Parlamento un progetto soggetto a referendum. Inoltre, si aspetta dagli altri partiti borghesi che hanno pure criticato il Patto per le migrazioni, che sostengano questa richiesta nelle commissioni parlamentari preparatorie.

Condividi articolo
Temi
Altro su questo tema
Comunicato stampa
Condividi articolo
28.04.2020
La Svizzera sta affrontando una crisi economica di ampiezza storica. Il numero di disoccupati è enormemente aumentato... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
03.02.2020
Pubblicando oggi la sua statistica dell’asilo, la Confederazione cerca, come d’abitudine, di minimizzare le conseguenze disastrose della... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
08.01.2020
L’UDC è indignata dalla decisione del Tribunale amministrativo federale di vietare il rinvio in Italia di famiglie... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
L’essere umano, la famiglia, la comunità

Responsabilità individuale invece di massa sotto tutela.

Noi siamo la patria

Autonomi e sicuri di sè.

Esercito

La sicurezza della popolazione.

Politica estera

Indipendenza e autodeterminazione.

Politica degli stranieri

Riportare l’immigrazione a un livello ragionevole.

Internet e digitalizzazione
Per un Internet libero.
Politica d'asilo

Correggere finalmente il caos che regna nella politica d’asilo.

Media

Più pluralità, meno Stato.

Energia

Per un approvvigionamento energetico con un futuro.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel. 031 300 58 58 – Fax 031 300 58 59 – E-Mail: info@svp.ch – PC: 30-8828-5

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo