Comunicato stampa

Per un ritorno alla normalità sono necessari più test

Il Consiglio federale, nella sua riunione di domani, deve revocare il blocco imposto a livello nazionale alle attività di negozi e ristoranti, pur mantenendo i concetti di protezione. Allo stesso tempo, i test alle frontiere devono essere rafforzati. L’UDC si impegna nel proteggere efficacemente le persone più vulnerabili senza, per contro, distruggere aziende e posti di lavoro. Altrimenti saremo chiamati a fronteggiare danni incommensurabili a lungo termine sia per la salute pubblica che per l’economia nazionale.

Tutte le cifre chiave relative alla pandemia in corso sono diminuite significativamente: il numero di persone infettate, il tasso di mortalità e il cosiddetto indicatore di riproduzione (tasso R). Allo stesso tempo, i costi derivanti dalle misure decretate dal responsabile della Sanità pubblica svizzera Alain Berset e dalla maggioranza di centro-sinistra del Consiglio federale stanno aumentando in modo esponenziale. L’attuale “lockdown” sta divorando ben 6 milioni di Franchi all’ora, ossia circa 8,5 miliardi di Franchi entro la fine febbraio, senza contare i danni economici collaterali causati dalla politica del Consiglio federale. In questo contesto, l’UDC chiede urgentemente al Consiglio federale:

  • Negozi e ristoranti devono essere riaperti con effetto immediato;
  • Le scuole devono rimanere aperte;
  • Bisogna finalmente mettere in atto dei concetti di protezione nazionali efficaci per le strutture sociosanitarie;
  • Controlli sistematici alle frontiere e test per chi entra nel paese devono essere introdotti immediatamente;
  • I test devono essere estesi anche agli impianti di produzione e alle aziende in generale, e in una seconda fase agli eventi culturali e sportivi. Al fine di creare una capacità di laboratorio sufficiente, i laboratori veterinari e alimentari dovrebbero essere autorizzati a valutare i test senza vincoli burocratici.
  • Le regole relative alla quarantena dovrebbero essere allentate in caso di risultato negativo al test;
  • La vaccinazione della popolazione deve essere accelerata.

Con il tasso R sceso al di sotto di 1, non c’è più nulla che giustifichi il blocco imposto lo scorso 13 gennaio, anche secondo gli stessi standard del Consiglio federale. Va ricordato che in dicembre il Consiglio federale aveva annunciato delle eccezioni per i cantoni con un tasso R inferiore a 1.

Errore politico fatale

Da mesi l’UDC si impegna in modo coerente per una strategia di controllo del virus efficace e proporzionata, senza distruggere l’economia e i posti di lavoro e che non sia causa di enormi danni sociali. La priorità va data alla protezione di coloro che sono particolarmente a rischio, cioè gli anziani e le persone con gravi condizioni di salute preesistenti. Il Consiglio federale ha criminosamente ignorato l’appello urgente dell’UDC affinché vengano introdotti concetti di protezione nazionali efficaci nelle strutture sociosanitarie. La tragica conseguenza: più della metà delle morti legate al virus Covid-19 sono avvenute proprio in queste strutture.

Anche le conseguenze psicologiche dell’isolamento, soprattutto per i giovani, non devono essere sottovalutate. La depressione e altre malattie mentali, come risultato dell’isolamento imposto, stanno aumentando notevolmente portando, in casi estremi, anche al suicidio.

La maggioranza sostiene l’UDC

La maggioranza della popolazione sostiene le posizioni dell’UDC. L’ultimo sondaggio condotto per conto della SSR SRG lo conferma: “Nel fine settimana prima della corrispondente decisione del Consiglio Federale, il 56% degli intervistati non approvava la chiusura dei negozi che non vendono beni di prima necessità”. Questo è il risultato più importante del sondaggio. Vi è inoltre una “chiara maggioranza” della popolazione svizzera contraria alla chiusura delle scuole.

Già nel marzo 2020, l’UDC aveva presentato una chiara strategia per combattere il virus Covid-19. Essa si basava su degli obiettivi prioritari: “protezione dei gruppi a rischio” e “impegno costante nella tutela degli interessi dei cittadini e dell’economia”. Se le richieste dell’UDC venissero finalmente applicate in modo coerente, potremmo contrastare con successo il virus. Queste includono:

  • La protezione delle persone a rischio
  • Concetti di protezione efficaci nelle strutture sociosanitarie
  • Test alle frontiere nazionali
  • Test regolari e mirati in ospedali, case per anziani, scuole e stabilimenti di produzione

L’UDC esorta il Consiglio federale a concretizzare queste efficaci misure di protezione e di controllo e a revocare il dannoso blocco con effetto immediato.

Condividi articolo
Altro su questo tema
Comunicato stampa
Condividi articolo
24.09.2021
L'UDC accoglie con favore il prolungamento del periodo di assunzione dei costi dei test da parte del... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
21.09.2021
In vista dell'imminente ondata di rifugiati dall'Afghanistan, il gruppo parlamentare dell'UDC ha richiesto un dibatitto urgente sull'asilo... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
17.09.2021
L'UDC accoglie con favore il fatto che il Consiglio federale stia finalmente rafforzando i controlli alle frontiere... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Agricoltura

Per una produzione indigena.

Sicurezza, diritto e ordine

Proteggere le vittime e non i delinquenti.

Sostenere la proprietà – rafforzare la libertà

NO alle espropriazioni, SÌ alla protezione della sfera privata.

Libertà e sicurezza

Difendere la libertà minacciata.

L’essere umano, la famiglia, la comunità

Responsabilità individuale invece di massa sotto tutela.

Finanze, imposte e tasse

Più per il ceto medio, meno per lo Stato.

Economia e prosperità

Più libertà economica e meno burocrazia.

Cultura

La cultura non è un compito dello Stato.

Sanità

La qualità grazie alla concorrenza.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel.031 300 58 58 – Fax031 300 58 59 – E-Mail:info@svp.ch – PC:30-8828-5

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo