Comunicato stampa

Politica agricola 22+: nuovo indebolimento dell’agricoltura produttiva

La Politica agricola a partire dal 2022 (PA22+), che il Consiglio federale ha messo in consultazione, inasprisce ancora una volta la pressione sull’agricoltura produttiva e sul reddito dei contadini.

Il mandato costituzionale che il 78% dei votanti hanno dato il 24 settembre 2017 al Consiglio federale per la salvaguardia della sicurezza alimentare era peraltro chiaro: stop alla priorizzazione unilaterale dell’ecologia in agricoltura e a una nuova apertura delle frontiere alle importazioni, miglioramento delle condizioni-quadro e, di conseguenza, sostegno alla produzione indigena di derrate alimentari sane.

La soppressione delle misure ancora esistenti che garantiscono i prezzi, come il sistema di prestazioni nella produzione di carne o i contributi al mercato di carne di vitello, ridurranno il reddito agricolo di un importo che rappresenta un multiplo della somma che la Confederazione intende risparmiare.

Sembra inoltre, di primo acchito, che questo progetto realizzi solo molto parzialmente le semplificazioni amministrative e lo sfoltimento della giungla burocratica agricola che l’UDC chiede da tempo. L’ecologizzazione unilaterale a spese dell’agricoltura produttiva spinge al rialzo i costi di produzione che in Svizzera sono già molto elevati. Anche qui, il Consiglio federale è in totale contrasto con la volontà del popolo che chiede un rafforzamento della sicurezza alimentare.

L’UDC s’oppone anche all’ammorbidimento del diritto fondiario rurale, che permetterebbe a cooperative, fondazioni o a privati provenienti da altri ambiti professionali di acquistare terreni agricoli.

Per contro, l’UDC accoglie con piacere la proposta di mantenere il credito-quadro a 13’915 milioni di franchi per quattro anni.

L’UDC prenderà posizione in dettaglio nell’ambito della procedura di consultazione sulla PA22+. Essa si baserà principalmente sul mandato costituzionale che esige un rafforzamento della produzione indigena e, di conseguenza, che dà una garanzia esistenziale alle famiglie contadine svizzere.

Condividi articolo
Temi
Altro su questo tema
Discorso
Condividi articolo
30.03.2019, di Guy Parmelin
È la prima volta che ho l’occasione di rivolgermi a voi quale svizzero ministro dell’economia. Sono molto... continua a leggere
Editoriale
Condividi articolo
11.09.2018, di Jacques Nicolet
Indegno, poco coerente e incompleto, lo studio di Avenir Suisse intitolato «Per una politica agricola solida e... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
24.08.2018
Il comitato del partito UDC Svizzera s’è riunito oggi (24.08.2018) a Cham (ZG). Esso ha principalmente discusso... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Noi siamo la patria

Autonomi e sicuri di sè.

Sostenere la proprietà – rafforzare la libertà

NO alle espropriazioni, SÌ alla protezione della sfera privata.

Sanità

La qualità grazie alla concorrenza.

Sicurezza, diritto e ordine

Proteggere le vittime e non i delinquenti.

Politica degli stranieri

Riportare l’immigrazione a un livello ragionevole.

Internet e digitalizzazione
Per un Internet libero.
Trasporti

Basta ingorghi e misure vessatorie nel traffico stradale.

Libertà e sicurezza

Difendere la libertà minacciata.

Politica d'asilo

Correggere finalmente il caos che regna nella politica d’asilo.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel. 031 300 58 58 – Fax 031 300 58 59 – E-Mail: info@svp.ch – PC: 30-8828-5
Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo