Comunicato stampa

Revoca immediata delle restrizioni e revisione radicale della politica pandemica del Consiglio Federale

Il responsabile della sanità Alain Berset pare sia intenzionato a revocare mercoledì alcune misure Covid, come l’obbligo di home-office. Dal punto di vista dell’UDC, una decisione che non solo è attesa da tempo, ma non va abbastanza lontano. Vista l’attuale situazione, il Consiglio federale deve immediatamente revocare tutte le misure – in particolare l’obbligo del certificato Covid. Si deve rinunciare all’obbligo di indossare mascherine nelle scuole. Inoltre, l’UDC esige un’indagine completa sulla politica pandemica del Consiglio Federale.

Finalmente, il Consigliere federale Alain Berset ha annunciato la fine di almeno alcune delle restrizioni Covid in vigore. Tuttavia, il responsabile della sanità sta procedendo troppo lentamente, dato che pare sia intenzionato a revocare solo gli obblighi di home-office e di quarantena. Allo prova dei fatti, tuttavia, tutte le misure in vigore non possono più essere giustificate:

  • La variante Omicron è molto contagiosa, ma nella maggioranza dei casi porta a un decorso lieve della malattia.
  • Il numero di pazienti Covid nelle unità di terapia intensiva è in costante diminuzione – non si parla più di sovraccarico degli ospedali.
  • Né l’obbligo del certificato Covid e tanto meno le vaccinazioni impediscono ovviamente la diffusione del virus.

Perciò, l’UDC esige che il Consiglio Federale abroghi immediatamente tutte le misure restrittive, arbitrarie e discriminatorie, così come la “situazione particolare”, e restituisca alle persone la loro libertà.

La politica pandemica dev’essere riesaminata
Secondo l’UDC, anche la politica pandemica e di crisi del Consiglio Federale deve essere analizzata a fondo. Da un lato, perché il danno causato alla società e all’economia dalle restrizioni arbitrarie e discriminatorie del Consiglio federale è immenso. D’altra parte, una rivalutazione è necessaria in modo che si possano trarre lezioni per affrontare le crisi future. Dopo tutto, la catastrofe di una carenza di elettricità in Svizzera si profila già nei prossimi anni.

L’UDC si sta impegnando in Parlamento federale per una modifica della legge sulle epidemie, che costituisce la base della politica pandemica del Consiglio federale. La modifica della legge è necessaria affinché, nell’affrontare le crisi future,

  • il governo federale non abbia più tutto il potere esclusivamente nelle sue mani.
  • la popolazione non sia più vessata con misure arbitrarie, discriminatorie e sproporzionate;
  • la co-partecipazione al processo decisionale del parlamento sia garantita in ogni momento; e
  • i diritti fondamentali del Popolo, costituzionalmente garantiti, non possano più essere violati, come è successo con l’estensione dell’obbligo del certificato Covid verso il principio del 2G.

Condividi articolo
Temi
Categorie
#allgemein
Altro su questo tema
Editoriale
Condividi articolo
04.07.2022, di Thomas Burgherr
Il Presidente del Centro (ex PPD) auspica l'introduzione di dazi sul clima e la fornitura di munizioni... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
24.06.2022, di Christian Imark
Solo pochi anni fa, la Svizzera era considerata un modello per una politica energetica sicura, economica e... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
24.06.2022, di Marco Chiesa
Il ceto medio e le imprese stanno soffrendo per l'aumento massiccio dei prezzi del carburante. L'UDC si... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Trasporti

Basta ingorghi e misure vessatorie nel traffico stradale.

Libertà e sicurezza

Difendere la libertà minacciata.

Energia

Per un approvvigionamento energetico con un futuro.

Cultura

La cultura non è un compito dello Stato.

Economia e prosperità

Più libertà economica e meno burocrazia.

Politica degli stranieri

Riportare l’immigrazione a un livello ragionevole.

Finanze, imposte e tasse

Più per il ceto medio, meno per lo Stato.

Istituzioni sociali

Assicurare le Istituzioni sociali – combattere gli abusi.

Esercito

La sicurezza della popolazione.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel.031 300 58 58 – Fax031 300 58 59 – E-Mail:info@svp.ch – IBAN:CH83 0023 5235 8557 0001 Y

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo