Comunicato stampa

Riforma dell’imposizione delle imprese: adesso tocca ai cantoni

Riunito in seduta il 17.02.2017, il gruppo parlamentare federale UDC ha fatto il punto alla situazione dopo il NO del popolo alla riforma dell’imposizione delle imprese. Esso ritiene che la palla sia ora nel campo dei cantoni. In nessun caso, l’UDC ammetterà che il ceto medio debba passare alla cassa per compensare il minor gettito fiscale conseguente alla partenza di aziende all’estero. Prima della loro seduta, i membri del gruppo si sono intrattenuti a Weinfelden con degli imprenditori e, alla fine della riunione, hanno incontrato la popolazione locale nell’ambito di una delle tradizionali manifestazioni “L’UDC fra la gente”.

Il popolo svizzero ha chiaramente detto NO, nell’ambito di una votazione democratica, alla riforma proposta dell’imposizione delle imprese. La legislazione in vigore continua quindi a essere applicata senza modifiche. Le pressioni straniere non sono una ragione sufficiente per sottoporre precipitosamente alla popolazione un progetto male impostato, ideato addirittura per aggirare il processo democratico. L’annuncio fatto dal Consiglio federale all’OCSE, di modificare la legislazione fiscale svizzera entro il 1° gennaio 2019 è ora privo di oggetto a seguito della decisione popolare. È quanto il Consiglio federale deve comunicare all’OCSE, ritiene il gruppo UDC.

Per i parlamentari UDC sta ora ai cantoni proporre una nuova riforma dell’imposizione delle imprese. I cantoni devono preparare concretamente i loro progetti fiscali individuali in modo che resistano a una votazione popolare. È indispensabile a questo scopo, che le conseguenze finanziarie – anche per i budget di città e comuni – siano dichiarate apertamente. Si eviterà in ogni caso di imporre degli aumenti d’imposta ai contribuenti svizzeri. I cantoni dovranno poi definire, d’intesa con la Confederazione, le condizioni-quadro di cui hanno bisogno per mettere in atto i loro progetti fiscali cantonali.

È stato promesso al ceto medio svizzero, durante la campagna di voto sulla riforma dell’imposizione delle imprese, che non sarebbe dovuto passare alla cassa. L’UDC tiene perciò a sottolineare che non bisogna in alcun caso prevedere degli aumenti d’imposta per le cittadine e i cittadini svizzeri. La Confederazione e i cantoni sono per contro invitati a preparare rapidamente dei programmi di risparmio (riduzione delle spese pubbliche) per compensare un eventuale calo del gettito fiscale a seguito della deambulazione di società all’estero.

Il gruppo comunicherà dopo la seduta di domani le sue prese di posizione concernenti i temi della sessione primaverile.

Condividi articolo
Altro su questo tema
Comunicato stampa
Condividi articolo
03.12.2019
Gli abitanti delle regioni di frontiera soffrono della brutale criminalità che penetra quasi quotidianamente in Svizzera attraverso... continua a leggere
Editoriale
Condividi articolo
28.11.2019, di Thomas Matter
Purtroppo, non c’è soltanto la sinistra a cercare di gonfiare l’apparato statale. Ne è la prova il... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
27.11.2019
Sono vent’anni che l’esercito svizzero è impegnato in Kosovo e ilo Consiglio federale chiede un nuovo prolungamento... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Sanità

La qualità grazie alla concorrenza.

Agricoltura

Per una produzione indigena.

Finanze, imposte e tasse

Più per il ceto medio, meno per lo Stato.

L’essere umano, la famiglia, la comunità

Responsabilità individuale invece di massa sotto tutela.

Libertà e sicurezza

Difendere la libertà minacciata.

Trasporti

Basta ingorghi e misure vessatorie nel traffico stradale.

Internet e digitalizzazione
Per un Internet libero.
Esercito

La sicurezza della popolazione.

Politica d'asilo

Correggere finalmente il caos che regna nella politica d’asilo.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel. 031 300 58 58 – Fax 031 300 58 59 – E-Mail: info@svp.ch – PC: 30-8828-5

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo