Comunicato stampa

Risoluzione relativa all’accordo istituzionale tra la Svizzera e l’Unione europea

Il successo della Brexit dimostra chiaramente quanto il Consiglio federale stia negoziando male e a scapito della Svizzera. L’accordo che il Regno Unito ha raggiunto con l’Unione europea offre vantaggi decisivi rispetto all’accordo quadro. Il Gruppo UDC invita pertanto il Consiglio federale a respingere l’attuale bozza di accordo e ad abbandonare il relativo processo di ratifica.

Stop all’accordo quadro, preserviamo la sovranità!

Il Gruppo UDC chiede con fermezza al Consiglio federale:

  • La Svizzera deve seguire l’esempio della Gran Bretagna e condurre con fiducia i negoziati con l’Unione europea sulla base di un rapporto paritario.
  • L’attuale bozza dell’accordo istituzionale dev’essere respinta.
  • La procedura di ratifica dell’attuale accordo quadro dev’essere immediatamente interrotta.
  • Il Consiglio federale, in ossequio alla Costituzione federale, deve difendere l’indipendenza della Svizzera e i diritti dei suoi cittadini.

 

Il Consiglio federale deve seguire l’esempio del Regno Unito

L’accordo relativo alla Brexit tra il Regno Unito e l’Unione europea dimostra che negoziati tra pari sono possibili. Il primo ministro Boris Johnson ha chiarito inequivocabilmente alla controparte che era pronto a prendere in considerazione anche un eventuale fallimento dei negoziati. Il successo nelle trattative dimostra che chi difende con convinzione le proprie posizioni, raggiunge i propri obiettivi. Per anni il Consiglio federale si è sottomesso all’UE e non ha ottenuto alcun risultato. Rispetto all’accordo quadro, l’accordo commerciale e di cooperazione (Trade and Cooperation Agreement) tra Londra e Bruxelles offre vantaggi decisivi:

  • Nessuna ripresa automatica (“dinamica”) del diritto comunitario.
  • Nessun giudice straniero, nessuna subordinazione alla Corte di giustizia europea (CGCE)
  • Nessuna libera circolazione delle persone. Controllo indipendente dell’immigrazione, del mercato del lavoro e dell’accesso alle prestazioni sociali.
  • Nessun costo di accesso al mercato unico.
  • Nessun accordo con clausole di ghigliottina.

 

Stop all’accordo quadro, preserviamo la sovranità!

Il trionfo della Brexit è lì da vedere: la Svizzera non necessita di un accordo quadro migliore, anzi, non ha affatto bisogno di un accordo quadro! Gli obiettivi negoziali del Consiglio federale (aiuti di Stato, direttiva sulla cittadinanza dell’UE, protezione dei salari) sono pura e semplice cosmesi. Il danno finale non cambierebbe: la Svizzera perderebbe la sua sovranità. Dovrebbe automaticamente adottare il diritto comunitario e sottomettersi alla Corte di giustizia europea. Ciò significherebbe che l’UE avrebbe l’ultima parola nelle controversie e il Popolo sovrano verrebbe tacitato.

 

Respingere l’attacco alle fondamenta della Confederazione Svizzera

L’accordo istituzionale è un vero e proprio attacco alle fondamenta della Confederazione. Esso viola gli articoli della Costituzione federale che garantiscono l’indipendenza del nostro Paese e i diritti del popolo svizzero. L’UDC esorta pertanto il Consiglio federale a interrompere le insidiose trattative e a proseguire sulla via bilaterale senza sacrificare la nostra sovranità e la democrazia diretta. L’esempio dato dalla Gran Bretagna dimostra che ciò è possibile.

Condividi articolo
Altro su questo tema
Giornale del partito
Condividi articolo
29.07.2022, di Marco Chiesa
Una storia di successo lunga 731 anni: In nessun altro Paese i cittadini godono di tanta libertà,... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
29.07.2022, di Peter Keller
Il Consiglio federale e gli altri partiti stanno abbandonando scelleratamente la neutralità. Così facendo, mettono in pericolo... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
29.07.2022, di Thomas Matter
La nostra fornitura di energia elettrica è già seriamente compromessa quest'inverno. Oltre a una politica energetica sbagliata,... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Sostenere la proprietà – rafforzare la libertà

NO alle espropriazioni, SÌ alla protezione della sfera privata.

Noi siamo la patria

Autonomi e sicuri di sè.

Esercito

La sicurezza della popolazione.

Economia e prosperità

Più libertà economica e meno burocrazia.

Media

Più pluralità, meno Stato.

Formazione

Fermare le riforme pretenziose e irrealistiche – tornare a una formazione orientata sulla pratica.

Libertà e sicurezza

Difendere la libertà minacciata.

Sicurezza, diritto e ordine

Proteggere le vittime e non i delinquenti.

Trasporti

Basta ingorghi e misure vessatorie nel traffico stradale.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel.031 300 58 58 – Fax031 300 58 59 – E-Mail:info@svp.ch – IBAN:CH83 0023 5235 8557 0001 Y

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo