Comunicato stampa

Ristabilire il diritto svizzero nel nostro paese – non si può escludere il popolo

L’UDC ha depositato il 12 agosto 2016 la sua iniziativa “Il diritto svizzero, anziché giudici stranieri (iniziativa per l’autodeterminazione)", con 116’709 firme. Il suo obiettivo è di ristabilire il popolo e i cantoni svizzeri nel loro ruolo di legislatore supremo del paese. Di fronte a parlamento, Consiglio federale, amministrazione e giustizia che pongono sistematicamente il diritto e i giudici stranieri al di sopra delle leggi svizzere, l’iniziativa per l’autodeterminazione veglia a che la Costituzione federale ridivenga la fonte suprema del diritto svizzero e che il regime giuridico iscritto nella Costituzione si applichi senza restrizioni – a eccezione del diritto internazionale cogente.

Una maggioranza del Consiglio federale ha deciso di raccomandare il rigetto dell’iniziativa per l’autodeterminazione. È un’ulteriore prova che il Consiglio federale dà, da tempo e senza averne la competenza, priorità ai trattati internazionali rispetto alle leggi svizzere, minando nel contempo la sovranità legislativa del suo proprio paese. Ancor peggio, il governo non ha alcuna remora nell’avanzare degli argomenti assurdi per giustificare la sua posizione.

L’iniziativa per l’autodeterminazione “Il diritto svizzero, anziché giudici stranieri” corregge un’evoluzione letale che dura da anni. Essa ridà al sovrano svizzero il diritto di decidere il futuro del proprio paese. Eccone gli obiettivi reali, che non hanno nulla a che vedere con le ridicole affermazioni del Consiglio federale:

  • Ristabilire la certezza del diritto e la stabilità nel nostro paese, chiarendo il rapporto fra il diritto nazionale e quello internazionale. Qualunque altro paese del mondo agisce nello stesso modo;
  • salvaguardare il diritto delle Svizzere e degli Svizzeri all’autodeterminazione, dunque proteggere una democrazia diretta unica al mondo contro i tentativi subdoli di indebolirla;
  • ristabilire il diritto costituzionale approvato sovranamente dal popolo e dai cantoni quale fonte suprema del diritto svizzero;
  • impedire che un’élite autoproclamata privi progressivamente il popolo del suo potere;
  • impedire la ripresa automatica (“dinamica”) del diritto UE e del diritto internazionale;
  • salvaguardare l’indipendenza e, con essa, la libertà e la prosperità della Svizzera;
  • vegliare a che il Consiglio federale e il parlamento tornino a rispettare la volontà del popolo e ne applichino le decisioni, per esempio quelle concernenti la gestione dell’immigrazione e l’espulsione degli stranieri criminali.

È da molto tempo che i diritti fondamentali sono garantiti nella Costituzione federale, e lo saranno sempre.

Condividi articolo
Altro su questo tema
Giornale del partito
Condividi articolo
29.07.2022, di Marco Chiesa
Una storia di successo lunga 731 anni: In nessun altro Paese i cittadini godono di tanta libertà,... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
29.07.2022, di Peter Keller
Il Consiglio federale e gli altri partiti stanno abbandonando scelleratamente la neutralità. Così facendo, mettono in pericolo... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
29.07.2022, di Thomas Matter
La nostra fornitura di energia elettrica è già seriamente compromessa quest'inverno. Oltre a una politica energetica sbagliata,... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Agricoltura

Per una produzione indigena.

Media

Più pluralità, meno Stato.

Esercito

La sicurezza della popolazione.

Religione

Impegnarci per i nostri valori.

Energia

Per un approvvigionamento energetico con un futuro.

Trasporti

Basta ingorghi e misure vessatorie nel traffico stradale.

Cultura

La cultura non è un compito dello Stato.

Finanze, imposte e tasse

Più per il ceto medio, meno per lo Stato.

L’essere umano, la famiglia, la comunità

Responsabilità individuale invece di massa sotto tutela.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel.031 300 58 58 – Fax031 300 58 59 – E-Mail:info@svp.ch – IBAN:CH83 0023 5235 8557 0001 Y

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo