Comunicato stampa

Sessione straordinaria durante lo stato d’emergenza: l’UDC si oppone a questo progetto inutile e irresponsabile

L’UDC è d’accordo che si tenga una sessione parlamentare straordinaria a inizio maggio, ma unicamente a condizione che il Consiglio federale tolga lo stato d’emergenza il 19 aprile prossimo. In caso di prolungamento dello stato d’emergenza, una sessione straordinaria avrebbe come principale effetto quello di creare confusione, d’impedire l’applicazione delle misure sanitarie ed economiche adottate, e di aumentare l’insicurezza economica. Inoltre, tenere una sessione che non risponde ad alcuna necessità urgente, violerebbe per forza di cose il divieto di riunione e sarebbe irresponsabile.

Di fronte alla crisi del coronavirus, il Consiglio federale si sta sforzando, conformemente al regolamento delle competenze previsto per le situazioni d’emergenza, di proteggere la salute degli abitanti e il nostro sistema sanitario, mantenendo nel contempo le attività economiche indispensabili al nostro paese. I danni provocati da questa crisi saranno in vasta misura compensati da un aiuto immediato di 42 miliardi di franchi approvato in queste ultime settimane.

A seguito della “dichiarazione di situazione straordinaria” da parte del Consiglio federale, la responsabilità di tutte le misure da adottare è competenza del governo federale fino al 19 aprile 2020 – e oltre, se questo stato d’emergenza venisse prolungato. Conformemente alla legge in vigore, la delegazione delle finanze del Parlamento federale ha approvato il pacchetto di misure di sostegno dell’importo di 42 miliardi di franchi.

In queste condizioni, l’UDC rifiuta che si tenga una sessione parlamentare straordinaria fintanto che dura questo stato d’emergenza. Bisogna infatti evitare di complicare l’applicazione delle misure adottate ma, al contrario, di imporle – che siano lacunose o no – fino alla fine di questa situazione particolare. Le decisioni legislative necessarie potranno essere prese quando questa situazione straordinaria sarà terminata.

Inoltre, sarebbe davvero irresponsabile riunire più di 300 persone di tutte le regioni della Svizzera per una sessione parlamentare straordinaria, mentre la confederazione impone un divieto di riunione di più di cinque persone.

Condividi articolo
Altro su questo tema
Comunicato stampa
Condividi articolo
30.06.2020
L'UDC accoglie con favore l’avvio, da parte del suo consigliere federale Ueli Maurer, di negoziati con la... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
29.06.2020
La pandemia Covid-19 costa miliardi alla Svizzera. Ma persino oggi che lo Stato deve far fronte a... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
19.06.2020
Poiché la quota di disoccupati varia fortemente a seconda della nazionalità, è assolutamente ingiusto far pagare gli... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Noi siamo la patria

Autonomi e sicuri di sè.

Ambiente

Un ambiente dove sia bello vivere oggi e domani.

Religione

Impegnarci per i nostri valori.

Energia

Per un approvvigionamento energetico con un futuro.

Formazione

Fermare le riforme pretenziose e irrealistiche – tornare a una formazione orientata sulla pratica.

Internet e digitalizzazione
Per un Internet libero.
Finanze, imposte e tasse

Più per il ceto medio, meno per lo Stato.

Libertà e sicurezza

Difendere la libertà minacciata.

Politica estera

Indipendenza e autodeterminazione.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel. 031 300 58 58 – Fax 031 300 58 59 – E-Mail: info@svp.ch – PC: 30-8828-5

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo