Comunicato stampa

Sfruttare il margine di manovra della democrazia diretta contro l’accordo-quadro UE e il Patto ONU per le migrazioni

L’UDC non è per niente sorpresa del netto rifiuto dell’iniziativa per l’autodeterminazione. La propaganda massiccia, aggressiva e diffamatoria degli avversari ha manifestamente dato i suoi frutti. In compenso, la campagna di voto ha comunque avviato un dibattito utile, ma finora soffocato, sul rapporto fra il diritto svizzero e il diritto internazionale, come pure sul significato della democrazia diretta. Nella fase finale, gli avversari hanno osato affermare che nulla era cambiato in Svizzera per ciò che concerne la priorità del diritto nazionale. Il popolo ha dato fiducia alle affermazioni insinuanti che le sentenze del Tribunale federale del 2012 e del 2015 non fossero delle decisioni di principio. Il futuro dimostrerà se questa fiducia sia stata ben riposta. L’UDC rimarrà comunque vigile.

L’UDC continuerà la sua battaglia per l’autodeterminazione della Svizzera. La sua richiesta più immediata è di rinunciare all’adesione della Svizzera al Patto dell’ONU per le migrazioni. Essa ricorda, a questo riguardo, le belle promesse dei rappresentanti degli altri partiti borghesi, annuncianti che il Parlamento potrà almeno dibattere un progetto di legge soggetto a referendum, affinché il popolo svizzero possa decidere in ultima istanza se vuole accettare una convenzione dalle conseguenze così gravi.

In seguito, l’UDC combatterà l’assoggettamento del nostro paese alle istituzioni dell’UE mediante un’integrazione della Svizzera nell’apparato di Bruxelles, che implica in particolare la ripresa dinamica del diritto UE e, infine, la subordinazione della Svizzera alla Corte di giustizia UE. Questa estensione del diritto UE alla Svizzera sarebbe un ulteriore indebolimento della democrazia diretta. L’UDC si oppone anche a dei contributi al fondo di coesione dell’UE.

Infine, l’UDC prende atto con soddisfazione del fermo rifiuto che il popolo svizzero ha opposto ai complici di sinistra dei truffatori dell’aiuto sociale, accettando chiaramente la legge che permette alle assicurazioni sociali di impiegare degli investigatori.

Condividi articolo
Altro su questo tema
Editoriale
Condividi articolo
27.02.2019, di Albert Rösti
Approvando l’accordo-quadro con l’UE, il PLR ha oltrepassato le sue stesse linee rosse. Esso svende dei valori... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
23.02.2019
L'UDC vuole sgravare il ceto medio e chiede che i genitori che si occupano loro stessi dei... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
22.02.2019
Il gruppo UDC ha incontrato oggi (22.02.2019) verso mezzogiorno degli imprenditori a Willisau (LU). La sera, i... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Finanze, imposte e tasse

Di più al ceto medio, meno allo Stato.

Difesa nazionale

Sicurezza per il paese e per la gente.

Politica estera

Indipendenza e autodeterminazione.

Politica degli stranieri

Limitare l’immigrazione.

Politica culturale

La cultura spetta alla cultura e basta.

Politica economica

Più libertà economica, invece di burocrazia.

Proprietà

Contro l’esproprio, per la protezione della sfera privata.

Media

Più varietà, meno Stato.

Sicurezza

Punire i criminali, invece di coccolarli.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel. 031 300 58 58 – Fax 031 300 58 59 – E-Mail: info@svp.ch – PC: 30-8828-5
Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo