Comunicato stampa

SÌ alla salvaguardia del principio dei tre pilastri – NO a un prelievo supplementare per una quota di ripartizione nel secondo pilastro

Il progetto di modernizzazione della previdenza professionale (LPP) presentato oggi dai sindacati e dall’Unione padronale è inaccettabile dal punto di vista dell’UDC. È fuori questione che il 2° pilastro sia trasformato in un sistema di ripartizione. Significherebbe silurare il principio dei tre pilastri che ha dato prova della sua efficacia nella previdenza-vecchiaia. Il rincaro del lavoro mediante prelievi supplementari sui salari minaccerebbe la sicurezza dell’impiego, indebolirebbe l’economia svizzera e caricherebbe ancora di più un ceto medio già pesantemente chiamato a contribuire.

L’UDC sostiene invece la riduzione del tasso di conversione dall’attuale 6,8 al 6% per rispondere allo sviluppo demografico (aumento della speranza di vita) e al calo del rendimento dei capitali. L’idea lanciata dall’Unione svizzera delle arti e mestieri (usam) di compensare questo calo con un aumento dei premi e degli assegni di vecchiaia merita d’essere esaminata, tanto più che i suoi costi (1,5 miliardi di franchi) sono ragionevoli e che l’attuale deduzione di coordinamento è mantenuta. Per contro, il modello dei sindacati e dell’Associazione padronale deve essere respinto a causa del suo eccessivo costo (2,7 miliardi di franchi).

L’UDC si oppone soprattutto al progetto di nuova ripartizione del 2° pilastro e al sovvenzionamento trasversale dei pensionati da parte degli attivi. Il principio basilare del 2° pilastro, secondo il quale ogni assicurato costituisce con il suo datore di lavoro il suo capitale di vecchiaia che gli è chiaramente attribuito, deve essere mantenuto.

Altro su questo tema
Giornale del partito
Condividi articolo
29.07.2022, di Albert Rösti
L'UDC vuole tutelare il potere d'acquisto con sgravi fiscali mirati nel settore dei premi della cassa malati,... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
29.07.2022, di Sandra Sollberger
Senza una correzione di rotta, le entrate dell'AVS non copriranno più le spese già nel 2025. Dobbiamo... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
24.06.2022, di Thomas de Courten
Il sistema pensionistico è diventato pericolosamente squilibrato. Con la riforma dell'AVS che sarà sottoposta al voto il... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Istituzioni sociali

Assicurare le Istituzioni sociali – combattere gli abusi.

Sanità

La qualità grazie alla concorrenza.

L’essere umano, la famiglia, la comunità

Responsabilità individuale invece di massa sotto tutela.

Politica d'asilo

Correggere finalmente il caos che regna nella politica d’asilo.

Cultura

La cultura non è un compito dello Stato.

Media

Più pluralità, meno Stato.

Politica estera

Indipendenza e autodeterminazione.

Politica degli stranieri

Riportare l’immigrazione a un livello ragionevole.

Finanze, imposte e tasse

Più per il ceto medio, meno per lo Stato.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel.031 300 58 58 – Fax031 300 58 59 – E-Mail:info@svp.ch – IBAN:CH83 0023 5235 8557 0001 Y

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo