Comunicato stampa

SÌ all’iniziativa per la limitazione per impedire un’esplosione demografica

Gli ultimi scenari dell’Ufficio federale di statistica (UFS) continuano a puntare su una folgorante crescita della popolazione. La causa: l’immigrazione forte e persistente proveniente dall’UE. La soglia dei dieci milioni d’abitanti potrebbe essere superata già entro 10 anni. In certi cantoni, la popolazione crescerebbe di quasi un terzo. L’unico modo di abbassare la crescita demografica a un livello sopportabile è ridare alla Svizzera il controllo autonomo dell’immigrazione.

Se la Svizzera mantiene la libera circolazione delle persone con l’UE, la sua popolazione continuerà a crescere massicciamente fino al 2050. Secondo le cifre dell’UFS, più di tre quarti di questa crescita saranno dovuti all’immigrazione. Ben presto, una persona su tre sul mercato del lavoro sarà straniera. Molte Svizzere e molti Svizzeri, in particolare gli ultra-cinquantacinquenni, sono sotto pressione e devono temere per il loro impiego. Nonostante la chiusura temporanea delle frontiere, più di 14’000 stranieri sono immigrati in Svizzera, in cifra netta, durante i primi quattro mesi del 2020. Questo risultato supera già l’elevato scenario dell’UFS.

Il Covid-19 potrebbe scatenare una nuova ondata migratoria

L’analisi dell’UFS non tiene peraltro in alcun conto gli enormi cambiamenti provocati dalla crisi del Covid-19. Particolarmente toccate dalla pandemia di coronavirus, l’Italia, la Francia e la Spagna, in quanto membri dell’UE, erano già immersi in grandi difficoltà economiche prima della crisi. L’UFS teme che i flussi migratori si “rafforzino rapidamente come durante l’ultima crisi economica”.

Crescita del 30% nei cantoni Zurigo, Ginevra, Vaud, Argovia e Zugo

La crescita demografica evolve molto diversamente a seconda delle regioni. Mentre sarà debole in certi cantoni, molte città e agglomerati saranno invece sommersi. Perciò, le regioni nelle quali c’è già una penuria di alloggi vedranno arrivare centinaia di migliaia di stranieri UE supplementari che spingeranno gli affitti al rialzo. Senza una rigorosa gestione dell’immigrazione, gli alloggi diventeranno inaccessibili.

La sola soluzione: gestire l’immigrazione

Questa crescita demografica eccessiva ha delle drastiche conseguenze per la vita quotidiana e per il paese: la cementificazione dei paesaggi, la  circolazione, gli ingorghi e il sovraccarico generale delle infrastrutture raggiungeranno un livello insopportabile. Ma non è tutto: la densità demografica crescente renderà la Svizzera ancora più vulnerabile alle pandemie del tipo Covid-19. L’unico modo di riportare la crescita della popolazione a un livello ragionevole è ridare alla Svizzera i mezzi per gestire l’immigrazione – dunque votare SÌ il 27 settembre 2020 all’iniziativa per la limitazione.

Altro su questo tema
Editoriale
Condividi articolo
05.07.2022, di Andreas Glarner
Reso tabù e nascosto dai media, ecco un altro grave svantaggio dell'immigrazione incontrollata: gli edifici scolastici di... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
24.06.2022, di Manuel Strupler
La Svizzera da 10 milioni di abitanti sarà presto una realtà, con conseguenze devastanti per il nostro... continua a leggere
Editoriale
Condividi articolo
27.05.2022, di Thomas Matter
La Svizzera di dieci milioni di persone sarà presto una realtà. Vogliamo davvero andare avanti così per... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Sanità

La qualità grazie alla concorrenza.

Politica estera

Indipendenza e autodeterminazione.

Media

Più pluralità, meno Stato.

Libertà e sicurezza

Difendere la libertà minacciata.

Finanze, imposte e tasse

Più per il ceto medio, meno per lo Stato.

Energia

Per un approvvigionamento energetico con un futuro.

Economia e prosperità

Più libertà economica e meno burocrazia.

Sicurezza, diritto e ordine

Proteggere le vittime e non i delinquenti.

Internet e digitalizzazione
Per un Internet libero.
Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel.031 300 58 58 – Fax031 300 58 59 – E-Mail:info@svp.ch – IBAN:CH83 0023 5235 8557 0001 Y

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo