Comunicato stampa

Solo l’iniziativa SSR “200 franchi bastano!” correggerà la rotta

Il fatto che l’ufficio dell’ombudsman della SSR classifichi il palese superamento dei limiti da parte del presentatore di Arena Sandro Brotz contro il Capogruppo UDC alle Camere federali Thomas Aeschi come “appropriato” e respinga tutte le denunce è inaccettabile. Ovviamente l’emittente pubblica non è disposta a rispettare il mandato di informazione e moderazione imparziale. Solo l’iniziativa SSR “200 franchi bastano!” può correggere la rotta.

Dopo il grossolano deragliamento del presentatore Sandro Brotz nella trasmissione Arena del 18 marzo 2022 nei confronti del Capogruppo UDC alle Camere federali Thomas Aeschi, l’UDC Svizzera e i suoi esponenti hanno ricevuto centinaia di messaggi indignati. Inoltre, vari media hanno criticato aspramente il comportamento del presentatore di Arena Sandro Brotz e l’ufficio dell’ombudsman della Radiotelevisione svizzera SRF ha ricevuto 46 reclami in merito. Eppure, secondo i media, i responsabili di Arena si sono scusati con il Consigliere federale del PS Alain Berset per una scomoda indagine su degli errori nell’opuscolo di voto, ma non hanno però ritenuto necessario fare lo stesso con il Capogruppo Thomas Aeschi.

Si inserisce nel quadro che l’ufficio dell’ombudsman respinga tutte le denunce e attesti che la trasmissione Arena sia “appropriata”. L’ufficio dell’ombudsman, finanziato dalla SSR tramite i proventi del canone radiotelevisivo, tratta quindi ancora una volta i produttori di Arena con i guanti di velluto. Un “collegio arbitrale” così di parte non ha diritto di esistere. Si spera che alcune delle denunce vengano inoltrate all’Autorità indipendente di ricorso in materia radiotelevisiva (AIRR)

L’iniziativa SSR è la risposta da tempo attesa all’arroganza dell’SSR
Dal punto di vista dell’UDC, l’iniziativa popolare apartitica “200 franchi bastano!” è la risposta attesa da tempo al comportamento arrogante dell’emittente statale finanziata dal canone obbligatorio. L’UDC sostiene l’iniziativa che, tra le altre cose, vuole limitare le attività della SSR al mandato principale del servizio di base, ridurre la posizione di monopolio dell’emittente statale ad un livello ragionevole e porre fine a all’incostituzionalità di una tassa sui media

Nel settore mediatico è necessario più mercato e meno Stato – dal mese di giugno in poi, contribuite con la vostra firma affinché il Popolo svizzeropossa decidere da solo quale emittente radiofonica e televisiva vuole finanziare.

sull’iniziativa

Condividi articolo
Temi
Altro su questo tema
Giornale del partito
Condividi articolo
21.04.2022
Con la nuova legge sul cinema, lo Stato vuole di nuovo metterci sotto tutela. La cosiddetta "Lex... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
14.04.2022
La direzione dell’UDC ha incontrato giovedì per una discussione la direzione della SSR. Dal punto di vista... continua a leggere
Editoriale
Condividi articolo
31.01.2022, di Roger Köppel
Giornali, radio, televisione e piattaforme online dovrebbero ricevere 150 milioni di franchi dei contribuenti all'anno. Non sono... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Sostenere la proprietà – rafforzare la libertà

NO alle espropriazioni, SÌ alla protezione della sfera privata.

Politica estera

Indipendenza e autodeterminazione.

Ambiente

Un ambiente dove sia bello vivere oggi e domani.

L’essere umano, la famiglia, la comunità

Responsabilità individuale invece di massa sotto tutela.

Finanze, imposte e tasse

Più per il ceto medio, meno per lo Stato.

Internet e digitalizzazione
Per un Internet libero.
Noi siamo la patria

Autonomi e sicuri di sè.

Religione

Impegnarci per i nostri valori.

Esercito

La sicurezza della popolazione.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel.031 300 58 58 – Fax031 300 58 59 – E-Mail:info@svp.ch – PC:30-8828-5

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo