Comunicato stampa

Solo l’UDC si oppone a dei progetti ambientali non trasparenti

Il Consiglio federale intende versare, durante i prossimi quattro anni, circa 150 milioni di franchi al Fondo mondiale per l’ambiente (GEF), un’istituzione che manca di trasparenza. La Commissione dell’ambiente, della pianificazione del territorio e dell’energia del Consiglio nazionale (CAPTE-CN) gli ha già dato la sua benedizione. Ancora una volta, l’UDC è sconcertata di fronte alla leggerezza con la quale i politici spendono il denaro dei contribuenti.

Il Consiglio federale ha approvato per il periodo 2019-2022 un credito-quadro dell’importo di 147,83 milioni di franchi per sostenere dei progetti ambientalistici globali. Concretamente, questo denaro andrà al Fondo mondiale per l’ambiente (GEF). Avendo il Consiglio degli Stati già approvato il credito lo scorso novembre, la palla è ora nel campo del Consiglio nazionale. Ieri, anche la commissione preparatoria (CAPTE-CN) ha dato luce verde a questo oggetto.

Solo l’UDC si oppone con determinazione a questo credito-quadro. E ne ha ben donde. In primo luogo, il modo con cui questo denaro sarà utilizzato non è chiaro, perché i mezzi di questo fondo sono distribuiti a più di 160 paesi e progetti. Non si saprà perciò mai con esattezza se questi progetti siano veramente efficaci.

In secondo luogo, il Consiglio federale aveva in passato promesso che alcune decine di questi 150 milioni di franchi sarebbero andate a delle università e imprese innovatrici svizzere specializzate nella tecnologia ambientale, nell’ingegneria e nella ricerca climatica. Ma oggi, questo stesso Consiglio federale non è in grado di precisare se del denaro tornerà in Svizzera e, se del caso, quanto.

Terzo, altri paesi hanno ridotto, o addirittura soppresso completamente i loro versamenti. La Russia non partecipa più al GEF; gli Stati uniti hanno ridotto il loro contributo della metà e la Cina pagherà solo 22 milioni di dollari.

Per tutte queste ragioni, l’UDC combatterà con determinazione questo progetto in Consiglio nazionale.

Altro su questo tema
Comunicato stampa
Condividi articolo
07.05.2019
In vista della sessione parlamentare speciale che inizia oggi, il gruppo UDC ha deciso di sostenere la... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
10.02.2019
L'UDC si rallegra del rifiuto dell’iniziativa contro la dispersione degli insediamenti da parte del popolo svizzero. Questo... continua a leggere
Conferenza stampa
Condividi articolo
22.01.2019
UDC Svizzera ha tenuto una conferenza stampa a Berna per prendere posizione sulla Politica agricola 22+ (PA22+)... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Politica estera

Indipendenza e autodeterminazione.

Cultura

La cultura non è un compito dello Stato.

Sostenere la proprietà – rafforzare la libertà

NO alle espropriazioni, SÌ alla protezione della sfera privata.

Ambiente

Un ambiente dove sia bello vivere oggi e domani.

Trasporti

Basta ingorghi e misure vessatorie nel traffico stradale.

Media

Più pluralità, meno Stato.

L’essere umano, la famiglia, la comunità

Responsabilità individuale invece di massa sotto tutela.

Esercito

La sicurezza della popolazione.

Noi siamo la patria

Autonomi e sicuri di sè.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel. 031 300 58 58 – Fax 031 300 58 59 – E-Mail: info@svp.ch – PC: 30-8828-5

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo