Comunicato stampa

Successo parziale per l’UDC in Commissione dell’economia

Per mesi, i dati sulla pandemia si sono mossi in un’unica direzione: verso il basso. Nonostante ciò, il Consiglio federale si è finora rifiutato di permettere alla popolazione e alle imprese di tornare alla normalità. Grazie agli sforzi dell’UDC, alcuni piccoli passi di apertura sono stati possibili. Ora i rappresentanti dell’UDC in Commissione dell’economica e dei tributi (CET) del Consiglio nazionale hanno ottenuto altri successi parziali.

Nella riunione odierna della CET del Consiglio nazionale, la maggioranza della Commissione ha approvato alcune importanti mozioni presentate dall’UDC. In particolare, la Commissione chiede al Consiglio federale, in una lettera, i seguenti passi:

  • Nessun doppio concetto di protezione per gli eventi

Nelle manifestazioni e nei grandi eventi dove solo le persone vaccinate, testate e guarite sono autorizzate a partecipare, si dovrebbe rinunciare a misure aggiuntive come mascherine obbligatorie, distanziamento sociale o la registrazione dei dati personali delle persone.

  • L’obbligo dell’home office dev’essere abolito per tutti

Nei prossimi allentamenti, il Consiglio Federale prevede di abolire l’obbligo dell’home office per quelle aziende che testano regolarmente il personale. Il requisito dei test mette le aziende più piccole in una posizione di svantaggio. A causa delle notevoli spese che comportano, sono non sono in grado di istituire test regolari. L’obbligo dell’home office dovrebbe quindi essere abolito per tutti entro la fine di maggio.

  • Arginare la confusione all’interno delle varie misure

Gli allentamenti proposti dal Consiglio federale sono spesso accompagnati da una serie di nuovi regolamenti e requisiti. Risultato: vista la confusione all’interno delle varie misure, la situazione diviene caotica e la popolazione non le sostiene più. Inoltre, le autorità cantonali non sono più in grado di attuare e far rispettare questo groviglio di regolamenti. Il Consiglio federale dovrebbe quindi permettere in gran parte la ripresa della vita economica e sociale con il prossimo passo di apertura e limitarsi a regolamentare solo le misure principali secondo la legge Covid.

  • Il Consiglio federale dovrebbe considerare non solo gli aspetti epidemiologici, ma anche quelli sociali ed economici

Nelle sue decisioni sulle restrizioni e agevolazioni della vita economica e sociale, il Consiglio federale considera principalmente solo la situazione epidemiologica. La Commissione economica invita quindi il Consiglio federale a tenere maggiormente conto in futuro delle conseguenze economiche e sociali delle sue decisioni, conformemente all’articolo 1a della legge covid.

Condividi articolo
Altro su questo tema
Giornale del partito
Condividi articolo
29.07.2022, di Marco Chiesa
Una storia di successo lunga 731 anni: In nessun altro Paese i cittadini godono di tanta libertà,... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
29.07.2022, di Peter Keller
Il Consiglio federale e gli altri partiti stanno abbandonando scelleratamente la neutralità. Così facendo, mettono in pericolo... continua a leggere
Giornale del partito
Condividi articolo
29.07.2022, di Thomas Matter
La nostra fornitura di energia elettrica è già seriamente compromessa quest'inverno. Oltre a una politica energetica sbagliata,... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Internet e digitalizzazione
Per un Internet libero.
Istituzioni sociali

Assicurare le Istituzioni sociali – combattere gli abusi.

Trasporti

Basta ingorghi e misure vessatorie nel traffico stradale.

Media

Più pluralità, meno Stato.

Religione

Impegnarci per i nostri valori.

L’essere umano, la famiglia, la comunità

Responsabilità individuale invece di massa sotto tutela.

Ambiente

Un ambiente dove sia bello vivere oggi e domani.

Politica degli stranieri

Riportare l’immigrazione a un livello ragionevole.

Esercito

La sicurezza della popolazione.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel.031 300 58 58 – Fax031 300 58 59 – E-Mail:info@svp.ch – IBAN:CH83 0023 5235 8557 0001 Y

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo