Comunicato stampa

Un segnale forte contro l’islamismo radicale e a favore delle aziende svizzere

L’UDC si rallegra del responso positivo da parte del Popolo all’iniziativa popolare “Sì al divieto di dissimulare il viso” e all’accordo di libero scambio con l’Indonesia. Entrambi i progetti sono importanti per la Svizzera: il divieto di celare il proprio volto è un forte segnale contro l’islamismo politico radicale e l’accordo di libero scambio con l’Indonesia sostiene l’occupazione e riduce la dipendenza della Svizzera dall’UE.

L’UDC è lieta di constatare che l’argomentazione romantico-socialista, tanto assurda quanto irrealistica, degli ambienti di sinistra non ha impedito alla maggioranza dei cittadini di approvare il divieto nazionale di nascondere il viso. “Come ha già stabilito dalla Corte europea dei diritti dell’uomo di Strasburgo, il divieto di nascondere il viso è legale e non costituisce una violazione dei diritti umani”, ha sottolineato Marco Chiesa, presidente dell’UDC Svizzera. È quindi legittimo che lo Stato prenda tali misure per salvaguardare la coesione all’interno della società svizzera. “Il burqa erige una barriera tra chi lo indossa e gli altri e impedisce così la sua integrazione nella società”, ha concluso Marco Chiesa.

Il divieto di celare il volto è anche un segnale forte e un importante passo avanti nella lotta contro l’islamismo politico, che si sta facendo strada anche in Svizzera minacciando la nostra società liberale. Dire sì al divieto di nascondersi è dire sì a più sicurezza, perché questa misura è anche esplicitamente rivolta agli hooligans e ai teppisti di sinistra che, nascosti dai cappucci, commettono atti di violenza e vandalismo.

 

L’accordo rafforza l’indipendenza della Svizzera

Un altro piacevole risultato scaturito dal voto di questa domenica è stata l’approvazione dell’accordo di libero scambio con l’Indonesia. Questo trattato è equilibrato e protegge la nostra agricoltura. Migliora le opportunità per le aziende svizzere all’interno di questo importante mercato in crescita, soprattutto in questo momento particolare dove l’attuale crisi sanitaria minaccia l’economia e i posti di lavoro. L’accordo riduce anche la dipendenza economica della Svizzera dall’UE e quindi anche la sua esposizione al ricatto politico.

Tuttavia, l’UDC si rammarica del rifiuto incassato dalla legge sull’e-ID. Il sistema d’identificazione elettronica, riconosciuto dallo Stato e destinato a prevenire la frode d’identità e l’uso improprio dei dati, avrebbe rafforzato la sicurezza giuridica e posto vincoli chiari all’interno dello spazio digitale. La sicurezza digitale avrebbe beneficiato del partenariato pubblico-privato e delle severe regole di protezione dei dati stabilite dalla legge sull’e-ID. D’ora in poi, questo settore sarà probabilmente completamente nelle mani di fornitori privati.

 

Condividi articolo
Altro su questo tema
Editoriale
Condividi articolo
05.07.2022, di Andreas Glarner
Reso tabù e nascosto dai media, ecco un altro grave svantaggio dell'immigrazione incontrollata: gli edifici scolastici di... continua a leggere
Editoriale
Condividi articolo
04.07.2022, di Thomas Burgherr
Il Presidente del Centro (ex PPD) auspica l'introduzione di dazi sul clima e la fornitura di munizioni... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
01.07.2022
Ad un esame più attento, il rapporto del Consiglio federale sulla nutrizione si rivela del tutto inadeguato.... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Libertà e sicurezza

Difendere la libertà minacciata.

Istituzioni sociali

Assicurare le Istituzioni sociali – combattere gli abusi.

L’essere umano, la famiglia, la comunità

Responsabilità individuale invece di massa sotto tutela.

Internet e digitalizzazione
Per un Internet libero.
Agricoltura

Per una produzione indigena.

Esercito

La sicurezza della popolazione.

Religione

Impegnarci per i nostri valori.

Cultura

La cultura non è un compito dello Stato.

Politica degli stranieri

Riportare l’immigrazione a un livello ragionevole.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel.031 300 58 58 – Fax031 300 58 59 – E-Mail:info@svp.ch – IBAN:CH83 0023 5235 8557 0001 Y

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo