Comunicato stampa

Una sentenza incredibile contro la piazza finanziaria svizzera

Con la sua sentenza di oggi (26.07.2019), il Tribunale federale costringe le banche svizzere a fornire dei dati di clienti a Stati stranieri, anche se questi non possono addurre dei sospetti fondati. Presa con la partecipazione contestabile delle autorità svizzere, questa decisione rende sospetti tutti i clienti stranieri delle banche svizzere e indebolisce gravemente la nostra piazza finanziaria.

Le autorità fiscali francesi hanno domandato l’assistenza giudiziaria alle autorità svizzere per poter accedere ai dati di clienti francesi di UBS durante gli anni dal 2006 al 2008. Ma le autorità francesi non dispongono di indicazioni concrete confermanti che questi clienti si siano resi colpevoli di evasione fiscale. Questo fatto e la situazione giuridica dell’epoca, sono stati sufficienti al Tribunale amministrativo federale per proibire categoricamente la rimessa dei dati di questi clienti.

Le banche svizzere non sono più interessanti per i clienti stranieri
La sentenza di emessa oggi dal Tribunale federale ha gravi conseguenze per la piazza finanziaria svizzera. Infatti, la giustizia permette così a delle autorità fiscali straniere di esigere la rimessa di dati su dei clienti delle banche, anche quando non possono addurre dei sospetti fondati (sono quelle che vengono chiamate “fishing expeditions”). La conseguenza di questa sentenza è molto semplice: Chiunque possegga un conto presso una banca svizzera è sospettato di principio di frodare il fisco, per cui può essere oggetto di un’inchiesta. E, come se ciò non bastasse, UBS corre adesso il rischio che la Francia abusi dei dati così acquisiti per alimentare la procedura penale in corso contro la grande banca svizzera. Questa sentenza è in contrasto con i princìpi dell’assistenza giudiziaria internazionale, più in particolare con il principio di specialità.

L’estero mira alle entrate fiscali svizzere
È altrettanto scioccante per l’UDC, che l’Amministrazione federale delle contribuzioni (AFC) abbia consigliato e sostenuto attivamente le autorità francesi nella loro domanda d’assistenza giudiziaria. Ancora una volta, la Svizzera gioca a fare la prima della classe presso le organizzazioni internazionali come l’OCSE. Non è certamente compito delle autorità federali svizzere sostenere lo Stato francese, che le esperienze socialiste hanno spinto sull’orlo del baratro finanziario, e altri paesi nei loro raid rapinatori a danno della piazza finanziaria svizzera e dei suoi impieghi.

Altro su questo tema
Comunicato stampa
Condividi articolo
03.12.2019
Gli abitanti delle regioni di frontiera soffrono della brutale criminalità che penetra quasi quotidianamente in Svizzera attraverso... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
15.11.2019
Durante la prossima sessione invernale, il parlamento federale esaminerà il progetto del cosiddetto miliardo per la coesione... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
01.11.2019
Riunito oggi (01.11.2019) a Glattfelden (ZH), il comitato di UDC Svizzera ha deciso di sostenere un eventuale... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Finanze, imposte e tasse

Più per il ceto medio, meno per lo Stato.

Economia e prosperità

Più libertà economica e meno burocrazia.

Ambiente

Un ambiente dove sia bello vivere oggi e domani.

Cultura

La cultura non è un compito dello Stato.

Formazione

Fermare le riforme pretenziose e irrealistiche – tornare a una formazione orientata sulla pratica.

L’essere umano, la famiglia, la comunità

Responsabilità individuale invece di massa sotto tutela.

Politica d'asilo

Correggere finalmente il caos che regna nella politica d’asilo.

Politica estera

Indipendenza e autodeterminazione.

Media

Più pluralità, meno Stato.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel. 031 300 58 58 – Fax 031 300 58 59 – E-Mail: info@svp.ch – PC: 30-8828-5

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo