Comunicato stampa

Vittoria di tappa per l’UDC: il Patto della migrazione dell’ONU sarà sottoposto al Parlamento

L’UDC accoglie con piacere la decisione della Commissione delle istituzioni politiche del Consiglio nazionale, di invitare il Consiglio federale a non firmare il Patto mondiale dell’ONU per le migrazioni e a sottoporre questa convenzione al Parlamento per la decisione. È anche positivo per l’UDC, che questa stessa commissione abbia deciso di sentire in audizione, in occasione della sua prossima seduta, il Consiglio federale e altri alti responsabili su questa importante tematica. L’UDC chiede inoltre che la decisione del Parlamento sia sottoposta a referendum.

La firma del Patto delle migrazioni dell’ONU non è compatibile con la norma costituzionale che esige una gestione autonoma dell’immigrazione. È semplicemente scandaloso che il Consiglio federale abbia cionondimeno deciso di sottoscriverlo.

Come l’UDC ha sempre ricordato, questo accordo mira a una “migrazione sicura, ordinata e regolate”. Esso facilita enormemente l’accesso dei migranti ai paesi di loro scelta, e ciò indipendentemente dalle loro qualifiche. Ciò significa, in altre parole, che bisognerebbe creare degli itinerari legali, censurare i media per imporre loro dei resoconti presunti equilibrati, offrire dei corsi di lingue già nei paesi d’origine, facilitare sensibilmente il ricongiungimento familiare e facilitare i trasferimenti di denaro nei paesi d’origine dei migranti. Tutti questi obiettivi sono diametralmente opposti al mandato che popolo e cantoni hanno dato al Consiglio federale in politica di migrazione: secondo l’articolo 121a cst., la Svizzera deve di nuovo gestire in maniera autonoma l’immigrazione nel suo territorio.

L’UDC è sollevata nel constatare che anche gli altri partiti hanno capito la portata di questo accordo. Essa s’aspetta dal Consiglio federale che torni sulla sua decisione e decida di rinunciare a sottoscrivere il Patto per le migrazioni.

Condividi articolo
Temi
Altro su questo tema
Comunicato stampa
Condividi articolo
11.02.2019
L'UDC si rallegra dell’accordo commerciale firmato oggi dal ministro britannico del commercio Liam Fox e il ministro... continua a leggere
Editoriale
Condividi articolo
11.02.2019, di Roger Köppel
Il Consiglio federale ha avviato le cosiddette “consultazioni” sul progetto d’accordo-quadro istituzionale UE-Svizzera. Il reale obiettivo di... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
31.01.2019
L'UDC è allibita di fronte al sostegno che l’associazione economiesuisse dà all’accordo istituzionale Svizzera-UE. L’organizzazione mantello dell’economia... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Famiglia

Responsabilità personale invece di controllo.

Agricoltura

Per una produzione indigena.

Formazione

Formazione orientata sulla pratica invece di smania di riforme.

Caso particolare Svizzera

Autonomi e sicuri di sè.

Sicurezza

Punire i criminali, invece di coccolarli.

Media

Più varietà, meno Stato.

Istituzioni sociali

Assicurare le Istituzioni sociali – combattere gli abusi.

Cittadini & Stato

Difendere la libertà minacciata.

Politica degli stranieri

Limitare l’immigrazione.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel. 031 300 58 58 – Fax 031 300 58 59 – E-Mail: info@svp.ch – PC: 30-8828-5

Inoltra questa pagina


Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo