Comunicato stampa

Vittoria di tappa per l’UDC: il Patto della migrazione dell’ONU sarà sottoposto al Parlamento

L’UDC accoglie con piacere la decisione della Commissione delle istituzioni politiche del Consiglio nazionale, di invitare il Consiglio federale a non firmare il Patto mondiale dell’ONU per le migrazioni e a sottoporre questa convenzione al Parlamento per la decisione. È anche positivo per l’UDC, che questa stessa commissione abbia deciso di sentire in audizione, in occasione della sua prossima seduta, il Consiglio federale e altri alti responsabili su questa importante tematica. L’UDC chiede inoltre che la decisione del Parlamento sia sottoposta a referendum.

La firma del Patto delle migrazioni dell’ONU non è compatibile con la norma costituzionale che esige una gestione autonoma dell’immigrazione. È semplicemente scandaloso che il Consiglio federale abbia cionondimeno deciso di sottoscriverlo.

Come l’UDC ha sempre ricordato, questo accordo mira a una “migrazione sicura, ordinata e regolate”. Esso facilita enormemente l’accesso dei migranti ai paesi di loro scelta, e ciò indipendentemente dalle loro qualifiche. Ciò significa, in altre parole, che bisognerebbe creare degli itinerari legali, censurare i media per imporre loro dei resoconti presunti equilibrati, offrire dei corsi di lingue già nei paesi d’origine, facilitare sensibilmente il ricongiungimento familiare e facilitare i trasferimenti di denaro nei paesi d’origine dei migranti. Tutti questi obiettivi sono diametralmente opposti al mandato che popolo e cantoni hanno dato al Consiglio federale in politica di migrazione: secondo l’articolo 121a cst., la Svizzera deve di nuovo gestire in maniera autonoma l’immigrazione nel suo territorio.

L’UDC è sollevata nel constatare che anche gli altri partiti hanno capito la portata di questo accordo. Essa s’aspetta dal Consiglio federale che torni sulla sua decisione e decida di rinunciare a sottoscrivere il Patto per le migrazioni.

Condividi articolo
Temi
Altro su questo tema
Comunicato stampa
Condividi articolo
16.08.2019
La Commissione delle istituzioni politiche del Consiglio nazionale (CIP-CN) rifiuta di controllare l’immigrazione e vuole mantenere il... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
26.07.2019
Con la sua sentenza di oggi (26.07.2019), il Tribunale federale costringe le banche svizzere a fornire dei... continua a leggere
Editoriale
Condividi articolo
26.07.2019, di Albert Rösti
Il 25 luglio 2019 è il 79° anniversario del famoso Rapporto del Grütli. In quell’anno 1940 –... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Finanze, imposte e tasse

Più per il ceto medio, meno per lo Stato.

Sicurezza, diritto e ordine

Proteggere le vittime e non i delinquenti.

Cultura

La cultura non è un compito dello Stato.

Sport

Buono per il corpo e per lo spirito.

Politica d'asilo

Correggere finalmente il caos che regna nella politica d’asilo.

Sanità

La qualità grazie alla concorrenza.

Formazione

Fermare le riforme pretenziose e irrealistiche – tornare a una formazione orientata sulla pratica.

Noi siamo la patria

Autonomi e sicuri di sè.

Media

Più pluralità, meno Stato.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel. 031 300 58 58 – Fax 031 300 58 59 – E-Mail: info@svp.ch – PC: 30-8828-5

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo