Conferenza stampa

Chi deciderà in futuro in Svizzera?

Il comitato «SÌ all’autodeterminazione» ha esposto gli argomenti per un SÌ alla democrazia diretta e all’iniziativa per l’autodeterminazione, che sarà decisa nelle urne il 25 novembre prossimo. In Svizzera, sono le cittadine e i cittadini ad avere l’ultima parola in tutte le decisioni politiche importanti. Questa autodeterminazione, unica al mondo, che deriva dal regime di democrazia diretta, è un pilastro centrale del modello di successo svizzero. Ma questo regime, che ha dato buona prova della sua efficaci, è abrogato da quando il Tribunale federale ha deciso, nel 2012, di porre il diritto internazionale al di sopra della Costituzione federale.

Conseguenza: il Consiglio federale e il Parlamento rifiutano semplicemente di applicare le decisioni del popolo, facendo riferimento all’accordo di libera circolazione delle persone con l’UE o alla Convenzione europea dei diritti dell’uomo (CEDU). Degli esempi concreti fra altri: dei criminali stranieri condannati non vengono espulsi verso il loro paese d’origine nonostante il SÌ popolare all’iniziativa per l’espulsione, e l’immigrazione non sarà controllata malgrado il SÌ popolare all’iniziativa contro l’immigrazione di massa.

Fine della democrazia diretta
Nel frattempo, delle autorità e degli organi internazionali estendono costantemente il campo d’applicazione di trattati internazionali senza che il popolo svizzero possa dire la sua. E se la Svizzera dovesse stipulare, come auspica il Consiglio federale, un accordo-quadro istituzionale con l’UE, la democrazia diretta e la sovranità legislativa della Svizzera verrebbero relegate nella storia.

Priorità alla Costituzione federale
L’iniziativa per l’autodeterminazione esige che la Costituzione federale torni a essere la fonte suprema del diritto svizzero. La sola eccezione è costituita dal diritto internazionale cogente che proibisce, per esempio, la tortura. I diritti dell’uomo sono comunque assicurati, perché ancorati nella nostra Costituzione.

Conservare il diritto di decidere noi stessi
Ciò assicurerà chiarezza e certezza del diritto: le decisioni del popolo non potranno più essere eluse con il pretesto di trattati internazionali, ma dovranno essere rispettate e applicate. Potremo così in futuro decidere noi stessi se, sì o no, vogliamo delle derrate alimentari geneticamente modificate, se vogliamo mantenere delle banche cantonali beneficianti della garanzia dello Stato, se vogliamo delle misure d’accompagnamento per proteggerci dal dumping salariale, se vogliamo mantenere le nostre norme svizzere per il trasporto degli animali, eccetera.

In breve, con questa votazione sull’iniziativa per l’autodeterminazione, non si tratta di essere a destra o a sinistra, bensì di rispondere alla domanda di principio seguente: vogliamo continuare a vivere in una democrazia diretta, salvaguardando così la nostra sovranità legislativa e la prosperità del nostro paese?

Condividi articolo
Temi
Discorsi
Discorso
Condividi articolo
09.10.2018, di Thomas Minder
«Nella storia dei popoli la Svizzera avrà l’ultima parola», dichiarava il celebre scrittore francese Victor Hugo. Un... continua a leggere
Discorso
Condividi articolo
09.10.2018, di Céline Amaudruz
Quando il Tribunale federale ha scelto di porre la Corte europea dei diritti dell’uomo al di sopra... continua a leggere
Discorso
Condividi articolo
09.10.2018, di Hans-Ueli Vogt
La Svizzera è un paese meraviglioso, un «piccolo paradiso», per citare il consigliere federale Schneider-Ammann. Ma perché... continua a leggere
Discorso
Condividi articolo
09.10.2018, di Thomas Matter
Nessun altro stato al mondo si regge su una democrazia diretta come il nostro. Bisogna anche dire... continua a leggere
Altro su questo tema
Comunicato stampa
Condividi articolo
16.01.2019
La Commissione di politica estera del Consiglio nazionale (CPE-CN) aveva l’intenzione, con la sua audizione pubblica sull’accordo-quadro... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
19.12.2018
Il Consiglio federale ha avviato una procedura di consultazione sul voto elettronico. Il suo obiettivo è di... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
11.12.2018
Le pressioni dell’UDC hanno avuto effetto: dopo il Consiglio degli Stati, anche il Consiglio nazionale ha deciso... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Sicurezza

Punire i criminali, invece di coccolarli.

Politica culturale

La cultura spetta alla cultura e basta.

Famiglia

Responsabilità personale invece di controllo.

Sport

Fa bene al corpo e allo spirito.

Difesa nazionale

Sicurezza per il paese e per la gente.

Politica degli stranieri

Limitare l’immigrazione.

Cittadini & Stato

Difendere la libertà minacciata.

Finanze, imposte e tasse

Di più al ceto medio, meno allo Stato.

Politica estera

Indipendenza e autodeterminazione.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel. 031 300 58 58 – Fax 031 300 58 59 – E-Mail: info@svp.ch – PC: 30-8828-5

Inoltra questa pagina


Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo