Editoriale

Aiutare sì – ma non a spese dei nostri figli

La Consigliera federale Karin Keller-Sutter si aspetta che la Svizzera accolga 50’000 rifugiati di guerra – soprattutto donne e bambini – dall’Ucraina entro giugno. Anche se lo statuto di protezione S è chiaramente orientato verso un ritorno al paese d’origine, i profughi di guerra devono essere integrati. L’attuazione è responsabilità dei Cantoni e dei Comuni. Come spesso accade nel campo dell’asilo e della migrazione, i Cantoni e i Comuni devono pagare il conto di ciò che il Governo federale decide.

“Non possiamo affrontare questa crisi semplicemente con la buona volontà.” In considerazione del fatto che il governo federale si aspetta di ricevere 50.000 rifugiati di guerra ucraini solo entro giugno, la dichiarazione di Kathrin Scholl, presidente dell’associazione degli insegnanti di Argovia, equivale a un grido di aiuto. Se sarà ascoltato a Berna, tuttavia, è dubbio. La consigliera federale Karin Keller-Sutter promette ai rifugiati di guerra un’accoglienza “non burocratica”, compresa l’integrazione. Questo annuncio della Keller-Sutter può suonare fin troppo familiare alle autorità di alcuni Comuni. Dopo tutto, la pratica estremamente generosa di accettare migranti economici da tutto il mondo sta già portando i costi sociali alle stelle e a scuole sempre più sovraccariche.

Nel caso dei rifugiati di guerra dall’Ucraina, gli istituti scolastici stanno affrontando molto. Da un giorno all’altro, devono accogliere migliaia di bambini e giovani in età scolare che non conoscono né il nostro alfabeto né una delle nostre lingue nazionali. Inoltre, molti di questi bambini ucraini sono molto probabilmente traumatizzati.

A Berna, la Consigliera federale Keller-Sutter ritiene che questo possa essere facilmente gestito. Migliaia di siriani arrivarono in Svizzera durante la crisi dei rifugiati nel 2015, dice. Le scuole possono basarsi su questa esperienza e sono ben attrezzate. Ma il confronto è disonesto: nel 2015, solo 1300 bambini da 0 a 14 anni sono giunti in Svizzera. Oggi saranno probabilmente decine di migliaia quelli che le scuole svizzere saranno chiamate ad accogliere.

La qualità dell’educazione soffre ancora di più

Molte scuole sono già spinte al limite dall’immigrazione di massa e dall’insegnamento integrativo. Non sono rare le classi in cui fino all’80% dei bambini non parla nessuna delle nostre lingue nazionali. Anche le barriere culturali complicano sempre più l’insegnamento e sono, a dir poco, una sfida sia per gli insegnanti che per i bambini. Le conseguenze dell’ingenuità della Consigliera federale Keller-Sutter sull’integrazione: la qualità dell’educazione ne risentirà ancora di più.

Va da sé che la Svizzera offrirà protezione ai profughi di guerra dell’Ucraina che vengono qui. Tuttavia, è inaccettabile che il Consiglio federale dimentichi il benessere della sua stessa popolazione. Invece di mandare i bambini ucraini nelle scuole svizzere, dovremmo permettere lezioni nella loro lingua nazionale – gli insegnanti rifugiati potrebbero assumere questo compito. Ciò avrebbe più senso sotto ogni punto di vista – soprattutto perché lo statuto di protezione S è uno statuto orientato al rientro nel proprio Paese d’Origine.

Condividi articolo
Temi
Circa l‘autore
Martina Bircher
UDC Consigliera nazionale (AG)
Altro su questo tema
Comunicato stampa
Condividi articolo
20.05.2022
Il gruppo parlamentare dell'UDC si è riunito a Basilea in preparazione della sessione estiva. Durante la sessione... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
17.03.2022
La guerra in Ucraina tocca tutte e tutti noi in modo più o meno diretto. Una delle... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
11.03.2022
L'UDC ritiene giusto che i rifugiati di guerra dall'Ucraina ricevano uno statuto di protezione in Svizzera -... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Sanità

La qualità grazie alla concorrenza.

Finanze, imposte e tasse

Più per il ceto medio, meno per lo Stato.

L’essere umano, la famiglia, la comunità

Responsabilità individuale invece di massa sotto tutela.

Energia

Per un approvvigionamento energetico con un futuro.

Formazione

Fermare le riforme pretenziose e irrealistiche – tornare a una formazione orientata sulla pratica.

Istituzioni sociali

Assicurare le Istituzioni sociali – combattere gli abusi.

Politica estera

Indipendenza e autodeterminazione.

Internet e digitalizzazione
Per un Internet libero.
Politica d'asilo

Correggere finalmente il caos che regna nella politica d’asilo.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel.031 300 58 58 – Fax031 300 58 59 – E-Mail:info@svp.ch – IBAN:CH83 0023 5235 8557 0001 Y

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo