Editoriale

Il Consiglio nazionale rifiuta il diritto di parola ai comuni previsti per ospitare un centro d’asilo federale

Il Consiglio nazionale ha rifiutato mercoledì una norma che avrebbe costretto la Confederazione a cercare e a pianificare, d’intesa e in stretta cooperazione con i cantoni e i comuni, i siti convenienti per insediarvi i futuri centri d’asilo della Confederazione. Ancora una volta, il federalismo viene calpestato!

Nell’ambito del dibattito sul messaggio immobiliare del Dipartimento federale delle finanze, una chiara maggioranza del Consiglio degli Stati aveva deciso, su proposta del consigliere agli Stati UDC Peter Föhn, che i crediti d’impegno per i nuovi centri d’asilo federali non si sarebbero aperti che se il sito previsto fosse accettato dal comune e dal cantone interessati. Contrariamente alla Camera alta, il Consiglio nazionale s’infischia totalmente delle preoccupazioni dei comuni designati per ospitare un centro d’asilo. Esso ha rifiutato mercoledì, con 114 voti contro 73, questa aggiunta alla legge voluta dal Consiglio degli Stati. L’oggetto torna alla Camera alta che, almeno spero, manterrà questo importante diritto di partecipazione.

Il PPD e il PLR rifiutano il diritto di partecipazione dei comuni
Prima della votazione sulla legge sull’asilo in giugno 2016, il Consiglio federale aveva chiaramente affermato nelle sue spiegazioni di voto, che i siti idonei sarebbero stati, come finora, cercati e pianificati d’intesa e in stretta collaborazione con i cantoni, le città e i comuni. Il termine “d’intesa” significa naturalmente che questi siti devono essere accettati dai cantoni e dai comuni, altrimenti non c’è alcuna intesa! Sul suo sito Internet, anche il DFGP annuncia il principio secondo cui i siti dei centri saranno cercati e pianificati d’intesa e in stretta collaborazione con i cantoni e i comuni. Questo diritto di partecipazione dei cantoni e dei comuni concernente i nuovi centri d’asilo federali, sarebbe dovuto figurare anche nella legge d’applicazione del messaggio immobiliare del Dipartimento federale delle finanze. Mentre che il gruppo parlamentare UDC ha sostenuto all’unanimità questa regola, solo 7 consiglieri nazionali PPF e 2 PLR l’hanno approvata.

Questa decisione del Consiglio nazionale è un nuovo attentato al principio del federalismo sul quale poggia il nostro Stato. Inoltre, succede che l’UDC è il solo partito a impegnarsi per i diritti dei comuni, dunque per il federalismo. Invito i consiglieri nazionali PPD e PLR a non limitarsi a lodare il federalismo nei loro discorsi domenicali, ma a sostenerlo anche quando si tratta di prendere delle decisioni concrete.

Altro su questo tema
Comunicato stampa
Condividi articolo
20.05.2022
Il gruppo parlamentare dell'UDC si è riunito a Basilea in preparazione della sessione estiva. Durante la sessione... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
17.03.2022
La guerra in Ucraina tocca tutte e tutti noi in modo più o meno diretto. Una delle... continua a leggere
Editoriale
Condividi articolo
17.03.2022, di Martina Bircher
La Consigliera federale Karin Keller-Sutter si aspetta che la Svizzera accolga 50'000 rifugiati di guerra - soprattutto... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Sport

Buono per il corpo e per lo spirito.

Agricoltura

Per una produzione indigena.

Sanità

La qualità grazie alla concorrenza.

Cultura

La cultura non è un compito dello Stato.

Politica estera

Indipendenza e autodeterminazione.

Finanze, imposte e tasse

Più per il ceto medio, meno per lo Stato.

Noi siamo la patria

Autonomi e sicuri di sè.

Sostenere la proprietà – rafforzare la libertà

NO alle espropriazioni, SÌ alla protezione della sfera privata.

Formazione

Fermare le riforme pretenziose e irrealistiche – tornare a una formazione orientata sulla pratica.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel.031 300 58 58 – Fax031 300 58 59 – E-Mail:info@svp.ch – IBAN:CH83 0023 5235 8557 0001 Y

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo