Editoriale

Il PS, i Verdi, il PLR, il PPD, i Verdi liberali e il PBD vogliono che l’immigrazione di massa continui

Tutti i partiti, tranne l’UDC, hanno rifiutato oggi (25.09.2019) in Consiglio nazionale che la Svizzera gestisca in maniera autonoma l’immigrazione sul suo territorio. In altre parole, il PS, i Verdi, il PLR, il PPD, i Verdi liberali e il PBD accettano le conseguenze disastrose dell’immigrazione esagerata che la Svizzera sta subendo – solo per farsi benvolere dall’UE. Ascoltate e guardate il video (in tedesco) dell’intervento in Consiglio nazionale del consigliere nazionale Albert Rösti, presidente di UDC Svizzera.

“Sono ancora una volta costretto a procedere a delle correzioni e rettifiche. Comincio il mio esposto con tre constatazioni, perché diversi deputati intervenuti in questo dibattito hanno consapevolmente dato delle false informazioni – come d’altronde è consuetudine in questa tematica. 

  1. Penuria di manodopera qualificata: se il popolo approva l’iniziativa per la limitazione, la Svizzera avrà di nuovo la possibilità di reclutare tutta la manodopera qualificata di cui necessita nei paesi dove essa è disponibile, ossia in particolare in Asia e negli Stati uniti. I contingenti di personale qualificato proveniente da Stati terzi sono stati volontariamente ridotti, signor Pardini. Ciò non ha assolutamente alcun rapporto con l’iniziativa per la limitazione, la quale non impedisce in alcun modo il reclutamento di personale qualificato. 
  2. Si sono pronunciate parole come isolamento e xenofobia. Quando incoraggiamo l’immigrazione facendo venire delle straniere e degli stranieri che non trovano un lavoro e finiscono nell’aiuto sociale, non è un problema loro. Noi diamo dei falsi incentivi, spostiamo il problema sugli stranieri che già risiedono da noi e che sono spinti nella disoccupazione. Conoscete le cifre. Ciò non ha nulla a che vedere con l’isolamento. La Svizzera è sempre stata aperta al mondo, anche prima del 2006, quando gestiva ancora autonomamente l’immigrazione.   
  3. Accordi bilaterali o gestione dell’immigrazione: sarebbe ora di smetterla di dire tali sciocchezze! Esistono circa 120 accordi bilaterali. Si parla sempre di accordi bilaterali. Ma qual è l’accordo più importante? L’accordo di libero scambio, ma questo non è minacciato. E nemmeno gli altri 120 accordi lo sono. La clausola ghigliottina vale unicamente per sei accordi, questi sei accordi non sono assolutamente decisivi per l’economia svizzera. Lo sapete perfettamente. L’UE avrà del resto tutto l’interesse, nel caso l’iniziativa fosse accettata, a mostrarsi conciliante, e rinuncerà alla clausola ghigliottina in meno di un anno. L’accordo bilaterale sui trasporti permette ai veicoli pesanti UE di attraversare la Svizzera a condizioni molto vantaggiose. L’accordo bilaterale sull’agricoltura permette all’UE di vendere il suo formaggio in Svizzera. Quanto alla ricerca scientifica, vogliamo veramente allinearci sulla mediocrità della ricerca UE? Le scuole politecniche federali meritano di meglio, loro che fanno parte delle dieci migliori università del mondo, misurandosi con i migliori istituti di Gran Bretagna e degli Stati uniti. Gli ostacoli tecnici al commercio? Cito qui, ad esempio, il settore della tecnologia medica che ha saputo perfettamente superare questo problema.   

Smettetela di moltiplicare i falsi pretesti e proponete finalmente delle soluzioni utili! In questo dibattito non ho sentito alcuna proposta valida per frenare un’immigrazione di un milione di stranieri in 13 anni. Se questa immigrazione prosegue nei prossimi 15 anni, alla fine di questo periodo avremo una Svizzera di 10 milioni d’abitanti. Le nostre infrastrutture non lo sopportano. Il nostro Sistema sanitario non lo sopporta. Il nostro Sistema sociale non lo sopporta. Non avete assolutamente alcuna idea del modo con cui la Svizzera potrà risolvere questi problemi. 

Una tale immigrazione è pericolosa soprattutto per la pace sociale nel nostro paese. Gli ultracinquantenni fanno sempre più fatica a trovare un impiego. Perfino il Consiglio federale e lei, in particolare, signora consigliera federale, avete finito per ammetterlo. Voi riconoscete il problema, ma cercate di nasconderlo a suon di centinaia di milioni di franchi, il costo della rendita-ponte che proponete. La vostra campagna contro l’iniziativa per la limitazione sarà la campagna di voto più costosa di tutti i tempi. Volete nascondere questo problema con una rendita-ponte, mentre chiedete alle donne di lavorare un anno di più e continuate a far entrare in Svizzera manodopera giovane e a buon mercato.

Signor Pardini, come intendete conciliare questi progetti contraddittori? La gente vuole lavoro, i salariati ultracinquantenni vogliono lavoro e non una rendita. A mio avviso, è decisamente scandaloso lanciare un progetto che costerà centinaia di milioni di franchi, solo per tentare di tagliare l’erba sotto ai piedi di questa iniziativa, rifiutando di risolvere il problema della manodopera a buon mercato che affluisce in Svizzera. Vi invito perciò a sostenere questa iniziativa. Anche lei, signor Siegenthaler, che difende la biodiversità. Faccio fatica a comprendere come un contadino possa accettare senza eccepire la cementificazione di migliaia di ettari di terreno.”

Condividi articolo
Circa l‘autore
UDC Consigliere nazionale (BE)
Altro su questo tema
Comunicato stampa
Condividi articolo
27.05.2020
Potete citare a memoria un solo risultato tangibile del programma di ricerca UE “Horizon”? No? Ma ciò... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
22.05.2020
Il numero di persone entrate illegalmente in Svizzera è fortemente calato grazie all’intensificazione dei controlli alle frontiere... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
18.05.2020
La Commissione della politica di sicurezza del Consiglio nazionale (CPS-CN) esamina oggi un progetto di legge che... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
Sicurezza, diritto e ordine

Proteggere le vittime e non i delinquenti.

Finanze, imposte e tasse

Più per il ceto medio, meno per lo Stato.

Libertà e sicurezza

Difendere la libertà minacciata.

L’essere umano, la famiglia, la comunità

Responsabilità individuale invece di massa sotto tutela.

Agricoltura

Per una produzione indigena.

Sostenere la proprietà – rafforzare la libertà

NO alle espropriazioni, SÌ alla protezione della sfera privata.

Formazione

Fermare le riforme pretenziose e irrealistiche – tornare a una formazione orientata sulla pratica.

Ambiente

Un ambiente dove sia bello vivere oggi e domani.

Esercito

La sicurezza della popolazione.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel. 031 300 58 58 – Fax 031 300 58 59 – E-Mail: info@svp.ch – PC: 30-8828-5

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo