Editoriale

La grande menzogna dell’immigrazione

Per delle ragioni incomprensibili, il Consiglio federale si oppone all’iniziativa popolare «Per un’immigrazione moderata (iniziativa per la limitazione)». L’UDC continua comunque a battersi con tutte le sue forze contro l’immigrazione sfrenata proveniente dall’UE. La Svizzera deve finalmente potere di nuovo decidere lei stessa quali e quante persone possano installarsi nel nostro paese.

La libera circolazione delle persone dà il diritto a tutti i cittadini dell’UE d’immigrare in Svizzera, non ha importanza quali siano le loro qualifiche. Così, dall’introduzione della libera circolazione delle persone nel 2002, un totale netto di oltre 700’000 cittadini UE è immigrato in Svizzera. L’equivalente delle persone che vivono nelle città di Zurigo, Basilea e Berna.

Prima della votazione sulla libera circolazione delle persone, il Consiglio federale aveva affermato che al massimo 10’000 persone sarebbero immigrate annualmente dall’UE in Svizzera. In realtà, questo numero è più che quadruplicato e la situazione economica in Europa ha provocato l’arrivo di oltre 44’000 persone in media annua!

L’iniziativa per la limitazione dell’UDC ha lo scopo di abrogare l’accordo stipulato con l’UE sulla libera circolazione delle persone. È il solo mezzo che la Svizzera ha per far calare l’immigrazione a un livello sano. Il Consiglio federale ha deciso, il 30 novembre 2018, di respingere l’iniziativa popolare depositata il 31 agosto 2018 con  118’772 firme, senza opporvi un controprogetto. Esso intende mantenere il diritto degli oltre 500’000 cittadini dell’UE d’immigrare in Svizzera in maniera incontrollata. Così facendo, minaccia la prosperità e la sicurezza delle nostre concittadine e dei nostri concittadini. La pressione sugli impieghi dei più anziani continua ad aumentare, i salari stagnano e il traffico non smette di aumentare.

L’UDC continuerà a battersi: affinché la Svizzera rimanga la Svizzera!

Condividi articolo
Temi
Circa l‘autore
UDC Consigliere nazionale (BE)
Altro su questo tema
Comunicato stampa
Condividi articolo
03.07.2019
Il Consiglio federale ha presentato oggi (03.07.2019) le sue proposte per la riforma dell’AVS. L’UDC accoglie favorevolmente... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
01.07.2019
Secondo una comunicazione del SECO, il saldo migratorio con l’entrata in Svizzera di 31'200 cittadini UE/AELS durante... continua a leggere
Comunicato stampa
Condividi articolo
07.06.2019
Grazie alle costanti pressioni dell’UDC, il Consiglio federale non ha firmato l’accordo-quadro istituzionale con l’UE. Ma la... continua a leggere
Continua
Temi e posizioni
L’essere umano, la famiglia, la comunità

Responsabilità individuale invece di massa sotto tutela.

Sanità

La qualità grazie alla concorrenza.

Religione

Impegnarci per i nostri valori.

Sostenere la proprietà – rafforzare la libertà

NO alle espropriazioni, SÌ alla protezione della sfera privata.

Economia e prosperità

Più libertà economica e meno burocrazia.

Politica estera

Indipendenza e autodeterminazione.

Agricoltura

Per una produzione indigena.

Finanze, imposte e tasse

Più per il ceto medio, meno per lo Stato.

Libertà e sicurezza

Difendere la libertà minacciata.

Social media
Visitateci su:
Oppure apri la nostra bacheca sociale. Tutti i post e le immagini su un’unica pagina.
Newsletter
Se vuoi essere informato regolarmente sull’UDC e sul nostro lavoro, abbonati qui alla nostra newsleter.
Unione democratica di centro UDC, Segretariato generale, Casella postale, 3001 Berna
Tel. 031 300 58 58 – Fax 031 300 58 59 – E-Mail: info@svp.ch – PC: 30-8828-5

Condividi questa pagina

Utilizziamo cookies per personalizzare contenuti e comunicazioni, per poter offrire funzioni per media sociali e per analizzare gli accessi al nostro portale. Inoltre, trasmettiamo informazioni per l'utilizzo della nostra pagina web ai nostri partner per media sociali, pubblicità e analisi. Vedere i dettagli
Sono d'accordo